VÓCABÓLÀRI BÓSÀC’
 Share
The version of the browser you are using is no longer supported. Please upgrade to a supported browser.Dismiss

Comment only
 
 
BCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZAA
1
#TRADUZIONE
2
1a ufa, inter.a sbafo
3
2a, cong.anche | al vée a lǜü = viene anche lui; de pulènta, n’ho fac’ giò a da tuta la cuntrada = di polenta ne ho fatta anche per la contrada intera
4
3a, prep.a (complemento di luogo): a sondri = a sondrio; (c. di tempo): a natàl = a natale; (c. di modo): a màa = a mano; (di termine): a mi, a ti = a me, a te; davanti ai verbi all’infinito: a ulìi dila tuta = a voler dirla tutta.
5
4àa, avv.anche | vegni àa mi = vengo anch’io; damèn àa cà mi = danne anche a me
6
5àaf, s.m.avo, antenato, nonno | i méi àaf a-i me cuntava sǜ = i miei nonni mi raccontavano
7
6abondànt, agg.abbondante | al sarà en quintàal abondànt = sarà un quintale abbondante (… anche ironico, se riferito a persona)
8
7abòt, avv.abbastanza, a sufficienza | basin e carézzi abòt abòt, ma aiût negót = baci e carezze a sazietà, ma aiuto nessuno; a nóo abòt = ne ho abbastanza, sono stanchissimo
9
8abòtentopiù che abbastanza| a gh-noo abòt abòtento= ne ho proprio abbastanza
10
9abünàaabbonare
11
10abüsif abusivo
12
11àcèt,agg.acido, aspro | te sée àcèt come en limù = sei acido come un limone (detto a persona … simpaticissima eh eh eh)
13
12acetataccettato
14
13acórdi, s.m.vedere “acòrdi – TO
15
14acòrdi, s.m.accordo, intesa | ‘ndàa d’acòrdi = andare d’accordo; ‘ndàa d’amór e d’acòrdi = andare d’amore e d’accordo; mètes d’acòrdi = mettersi d’accordo, accordarsi – MO
16
15àcqua, s.f.acqua | l’àcqua la ga cà i corègn = l’acqua non ha le corna (non si ferma contro niente; laga ‘ndàa l’acqua en gió e ol füm en su = lascia andare l’acqua in giù ed il fumo in su (…lascia perdere, lascia andare le cose come vanno, fregatene!); l’è en di n’acqua sula = è tutto sudato (letteralmente: è tutto acqua); l’è méi vìi colt che acqua fregia! = è meglio vino caldo che acqua fredda (frase molto usata in contrada “strécia”, abitata da ottimi bevitori!); a föra de tra su acqua en d’en mür, en pöo la rèsta = a furia di buttare acqua su un muro, un po’ resta (si intende: a forza di dare buoni consigli, magari ad un figlio, qualcosa rimane attaccato … almeno si spera!)
17
16acquaràsa, s.f.acquaragia
18
17adès, avv.adesso, ora, in questo momento
19
18àdio, inter.addio | (addio: a Dio), àdio Signör = è proprio finita, non c’è più nulla da fare
20
19adoràa, v. tr.adorare | adoràa ol Signör = adorare Gesù; bèla s-cèta, te adori = bella ragazza, ti adoro (mi piaci molto, ti amo …)
21
20adòs, avv.addosso | oia da fan, saltèm adòs = voglia di farne, saltami addosso …e tu pigrizia non mi abbandonare!
22
21afàri, s.m.affare, faccenda, contratto, interesse, vicenda clamorosa, scandalo, oggetto, arnese, cosa (quando non si conosce o non si ricorda il nome specifico di un attrezzo) . | che bèl afàri cà te fac’! = che bell’affare hai fatto! (…ironico!); cà l’è ‘sto afàri? = cos’è questo attrezzo? di che vicenda si tratta?
23
22afeziù, s.f.affetto, tenerezza, amorevolezza
24
23agiàat, agg.agiato, benestante
25
24àgio, s.m.agio, comodità, possibilità, occasione, benessere, agiatezza, ricchezza | avìc àgio de= avere la possibilità di; dàc àgio al colèt de la camìsa = allargare il collo della camicia, troppo stretto
26
25agitàs,v. intr.agitarsi, inquietarsi, rimanere molto turbati; dimenarsi | àgitèt cà trop = non agitarti troppo, stai calmo
27
26agnèl, s.m.agnello | l’è brao come n’agnèl = è bravo come un agnellino
28
27agrascöcia acidificata che serve a coagulare il siero fresco per farne la ricotta
29
28agràat s.mgraticcio sopra il focolare per seccare le castagne | fàa secàa li castégni su ‘n de l’agràat = far seccare le castagne sopra il graticcio; vedere “gràat”
30
29agrèrbotticella in legno dove si mantiene e produce l'agra
31
30àgro,agg.agro, acido, acre, acerbo, aspro; fig.: pigro, restio a fare alcunché | sto lac’ l’è agro = questo latte è andato a male; a fàa vargót, l’è agro = a fare qualche lavoro(a lavorare) è molto restio
32
31ai,prep.ai, alle | digol ai töi = dillo ai tuoi (familiari)
33
32ài,s.m.aglio
34
33àia,inter.ahi (espressione di dolore)
35
34àigola,s.f.poiana | al ghe vit pusé di n’àigola = ci vede meglio di una "aigola"; te sée n’àigola! = sei un genio, una cima! (… ironico)
36
35aiguàl s.f.roggia che partiva dal fiume Livrio e passava in mezzo ai prati sotto loc. Zapelat fino a congiungersi all'Adda sotto loc. Caselle
37
36al,prep.al | digol al tò fradèl = dillo a tuo fratello
38
37al,pron.usato come soggetto: al fiòca ‘ncṍö = oggi nevica
39
38ala,s.f.ala | sbasàa li ali = (abbassare le ali) moderare l’altezzosità; molàa giò li ali = dimostrare grande stanchezza, sia fisica che morale
40
39alastéch,s.m.elastico | al ghe se rót l’alastéch de li mudandi = gli si è rotto l’elastico delle mutande
41
40àlbèra ,s.f.pioppo | la legna de àlbèra, la val cà nient! = la legna di pioppo non vale nulla, non rende
42
41alégro,agg.contento, lieto, gaio, di buon umore; divertente, scherzoso, spassoso; pacevole, vivace (spec. di colore);
43
42alméno,avv.almeno | par ‘sto laoràa, öli almeno cènt euri = per questo lavoro, voglio almeno cento euro
44
43alòc’,s.m.alloggio | a gòo cà da dàc alòc’ a ‘sti póri gèet = non ho la possibilità di dare alloggio a queste povere persone
45
44alpìi,s.m.alpino (militare) | la ròba pusé preziosa cà göo, l’è ol me capèl d’alpin! = la cosa più preziosa che possiedo, è il mio cappello d’alpino
46
45alrìc',agg.in ordine, ben fatto | l’è propi fac’ su alrìc’ = è proprio ben realizzato, ben fatto (anche di persona)
47
46altar,altarii,s.m.altare,altarini
48
47alùra,avv. (anche: ilùra)allora, in quel tempo (seguito dal punto interrogativo, vuole anche dire: ebbene? dunque?
49
48amàr,agg.amaro, aspro, mordace; spiacevole, triste | amàr come ghinsana = amaro come la radice della genziana
50
49amàra(amàri), agg.amara
51
50ambiènt,s.m.locale pubblico, stanza | al gh’à sú n’ambiènt a Sóndri = gestisce un locale pubblico in Sondrio; tiràa fò ‘n ambiènt par la fiṍla = ricavare una stanza per la figlia
52
51àmèn,interattimo, istante, breve momento; così sia, pazienza! (esprime scherzosa rassegnazione) | al me dac’ giò en bicéer e ‘l se rót: àmèn! = mi è caduto un bicchiere e si è rotto: pazienza!
53
52ametamido
54
53amìs,s.m.amico
55
54amó, avv.vedere “amò” – TO
56
55amò,avv.ancora, nuovamente | daghèn amò = dagliene ancora / l'è amò bèla ! = è ancora bella, questa è bella! amò ‘n pò cà ‘l ghè crès la bàga, al pàsa cà pü da la pòrta = se ingrassa (cresce la pancia) ancora un po’, non passa più dalla porta – MO
57
56amór,s.m.amore | l’amór e la famm, ai le sènt tuc’ i salam! = l’amore e la fame, li sentono tutti; ndàa d’amór e d’acórdi = andare d’amore e d’accordo
58
57ampulìi,s.m.ampolla per l'olio e l'aceto, a collo stretto e ventre largo; piccolo vaso ove viene conservato l’olio santo
59
58àn (àgn),s.m.anno | de ‘sti agn = un tempo, una volta; al pasa i dì, i mìis e i àgn, come l’àcqua fò da ‘n cavàgn = passano i giorni, i mesi e gli anni, come l’acqua da una cesta (cioè molto in fretta)
60
59anàda (anàdi),s.f.annata | chesta, par la vendemmia l’è stacia ‘na bèla anàda = questa, per la vendemmia, è stata una annata molto favorevole
61
60ànda,s.f.in movimento, in programma | vès in ànda - essere in ballo, star facendo qualcosa; vic in ànda da fàa vargót = avere in animo di fare qualcosa
62
61andadóra,s.f.passaggio, strada angusta, piano inclinato
63
62andamèet,s.m.andamento, andazzo,il procedere di una situazione | chest’an ol tèep al ga en brǘt andamèet = quest’anno il tempo ha un brutto andamento (non ne combina)
64
63andanaerba che si ammucchia dietro al falciatore e anche fieno raccolto con rastrello a file lunghe (vedi endana per 'ndana)
65
64andànt,agg. m. e f.ordinario, comune, di qualità non eccelsa; continuo, senza interruzioni; corrente, in corso | ‘na ròba andànta = una cosa di poco valore; en laoràà andànt = un lavoro eseguito alla carlona
66
65andàz, s.m.andazzo, abitudine, piega (specialmente in senso negativo) | ol me óm l’à ciapàat n’andàz cà propi al me va cà giò! = mio marito ha preso un andazzo che proprio non riesco a mandar giù (digerire)!
67
66àndet,s.m.passaggio, androne, andito riposto e abbandonato
68
67anèl(anéi), s.m.anello; vera nuziale | anèl al dìit, corda al col = anello al dito, corda al collo (proverbio ironico) – TO
69
68anèl(anèi), s.m.vedere anèl (anéi) – MO
70
69ànèma,s.f.anima; persona, essere umano | ghè ‘n gir gnàa n’ànèma = non c’è in giro nessuno
71
70ànès,s.m.anice; cumino (anche liquore)
72
71angarìa(angarìi), s.f.bugia, fandonia, frottole | cǜnta mìga sǜ angarìi = non raccontare frottole
73
72angégher,s.m.soldato o poliziotto tedesco e svizzero; detto in modo ironico anche ai bambini molto vivaci | te sée n’angégher = sei una birba
74
73àngel(àngei), s.m.angelo | te sée n’àngel … quant cà te dormèt! = sei un angelo … quando dormi! (ironico)
75
74àngol,s.m.angolo, cantuccio | la maèstra, l’à ma metùut en di n’àngol, en castìich = la maestra mi ha messo nell’angolo, in castigo
76
75angósa ,s.f.angoscia, ansia; desiderio ardente, brama | famm cà stàa en angósa = non farmi stare in ansia
77
76animàl, (animài), s.m.animale, bestia
78
77ansàa v.tr.ansimare, respirare con affanno
79
78ànta , s.f.imposta di finestra; sportello di armadio
80
79antacrìst,s.m.anticristo; persona insolente, maleducata, cattiva, diabolica
81
80antèl (antéi),s.m.piccolo sportello, generalmente di legno –TO
82
81antèl (antèi),s.m.piccolo sportello, generalmente di legno –MO
83
82antèna (antèni), s.f.antenna; lungo palo, generalmente di conifera, che reggeva i ponteggi inerenti la costruzione di una casa – MO
84
83anténa (anténi),s.f.vedere “antèna” – TO
85
84
antipàtech(antipàtega-antipàteghi), agg.
antipatico, spiacevole, inviso, odioso
86
85antràchen, s.m.arnese complicato, marchingegno
87
86anvèren, (envèren),s.m.-f.inverno | l’anvèren pasàat-pasada = l’inverno scorso; d’envèren al fa frèc’ = d’inverno fa freddo
88
87aocàat,s.m.avvocato
89
88aóst,s.m.agosto | aóst, quant cà al va giò ol sùul, l’è fosch= agosto, appena tramonta il sole, è subito buio
90
89apèna(pèna), avv. e cong.appena, soltanto, un poco; da pochissimo tempo; subito dopo che | a sghé vit apèna =ci si vede appena; l’è pèna li des = sono appena le dieci; l’era pèna ruada = era arrivata da poco; apèna aróo finìit da da rigolàa, te ciami = non appena avrò finito di regolare (le mucche), ti chiamerò
91
90apiàa,avv.adagio
92
91apòsta,avv.apposta, di proposito, intenzionalmente; appositamente, per un fine specifico | gnàa cà a fal apòsta = neanche a farlo apposta (per sottolineare una coincidenza sfavorevole); söo ignüt apòsta = sono venuto appositamente
93
92aprìl,s.m.aprile | en aprìl, ogni góta l’è 'n barìl = in aprile, ogni goccia un barile
94
93aprṍf,avv e prep.vicino, appresso, con | dam vargót da mangiàa aprṍf a la pulènta - dammi qualcosa da mangiare con la polenta
95
94aquila s.f.aquila
96
95aràa,v. tr.arare
97
96aradèl (aradéi)-s.m.aratro –TO
98
97aradèl (aradèi)-s.m.aratro -MO
99
98aràns,s.m.arancia (s.f.)
100
99àrbol (àrboi),s.m.castagno
Loading...