Verifica 3 - 2018 (Results).xlsx
 Share
The version of the browser you are using is no longer supported. Please upgrade to a supported browser.Dismiss

 
View only
 
 
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZAAABACADAEAFAGAHAIAJAKALAMANAOAPAQARASAT
1
N.TimestampEmail addressCognome e NomeBonus OnlineMatricolaABCDEF1) Per decenni nei progetti degli impianti elettrici si indicava la potenza delle lampade in Watt. Perché non va più bene fare così?Punti2) Mettere il segno di spunta alle affermazioni che si ritengono sempre VERE-1-11-113) Cosa si intende per Indice di Resa Cromatica IRC ?Punti4) Che legame esiste fra flusso luminoso Φ ed intensità luminosa I?-11-1-115) Come si calcola per via teorica il Fattore di Luce Diurna η?Punti6) Determinare il flusso luminoso prodotto da un pannello LED da incasso nel controsoffitto, che emette una intensità luminosa media di 200+F*10 cd nell’intero semispazio inferiore.OK v.OK u.Punti7) Si misura un valore di illuminamento pari a 200+F*20 lux sui banchi di una aula scolastica che misura m 10+B x 6+C/2, alta m 3+D/4. Determinare il valore del fattore di utilizzazione U, sapendo che le lampade installate, di tipo indiretto, emettono un flusso pari a 20000+E*1000 lumen, ed hanno buona manutenzione (M=0.8).OK v.Punti8) Determinare la resa luminosa delle lampade dell’esercizio precedente, spendo che assorbono una potenza elettrica pari a 250+F*10 W.OK v.OK u.Punti9) Dimensionare il fattore finestra con riferimento ad un affaccio posto a 12+E m dal suolo, alla distanza di m 10+F dall’edificio prospiciente, che è alto 20+D m
(H-h)/La
EpsilonPuntiTOTALE
2
15/31/2018 9:51:34
alessandra.chiesa@studenti.unipr.it
Chiesa Alessandra2278266278266
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.63 lm1633.6lm12.612.62183.8 lm/W83.9lm/W138%0.2537%111
3
25/31/2018 9:51:44
gemma.pizzulli@studenti.unipr.it
Pizzulli Gemma2282134282134
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11507.964 lm1508.0lm11.661.92079.31 lm/W79.3lm/W131%0.428571428630%110
4
35/31/2018 9:51:49
francesca.signorini@studenti.unipr.it
Signorini Francesca2278526278526
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11632.8 lm1633.6lm13.093.09170.96 lm/W71.0lm/W123%0.687523%111
5
45/31/2018 9:52:00
jessica.obesalini@studenti.unipr.it
Obesalini Jessica2278652278652
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11381.6 lm1382.3lm12.042.04192.59 lm/W92.6lm/W121%0.7521%111
6
55/31/2018 9:52:22
andrea.camponogara@studenti.unipr.it
Camponogara Andrea2274775274775
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570.79 lm1570.8lm11.891.89190 lm/W90.0lm/W10.260.533333333327%112
7
65/31/2018 9:52:34
nicolas.bosi@studenti.unipr.it
Bosi Nicolas2281478281478
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Occorre posizionare un luxmetro entro il locale, sul piano di lavoro, e contemporaneamente un secondo luxmetro sul tetto, in posizione in cui veda l’intera volta celeste, con il cielo uniformemente coperto. Poi si fa il rapporto fra i due valori.
-11759.29 lm1759.3lm11.951.95181.82 lm/W81.8lm/W134 %0.277777777836%111
8
75/31/2018 9:53:20
alessia.cardinale@studenti.unipr.it
Cardinale Alessia2279666279666
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.63 lm1633.6lm12.752.75183.87 lm/W83.9lm/W129 %0.528%111
9
85/31/2018 9:53:22
giulia.stefanini@studenti.unipr.it
Stefanini Giulia2276596276596
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.63 lm1633.6lm12.112.11193.55 lm/W93.5lm/W137%0.2537%111
10
95/31/2018 9:53:27
enrico.sbaraini@studenti.unipr.it
Sbaraini Enrico2278697278697
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11696.46 lm1696.5lm12.492.49190.62 lm/W90.6lm/W136%0.294117647135%111
11
105/31/2018 9:53:29
diletta.rivaroli@studenti.unipr.it
RIVAROLI DILETTA2275057275057
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11696.46 lm1696.5lm12.462.46178.13 lm/W78.1lm/W140%0.176470588240%111
12
115/31/2018 9:53:54
marco.moruzzi@studenti.unipr.it
Moruzzi Marco2279295279295
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570.79 lm1570.8lm12.32.31196.67 lm/W96.7lm/W10.470.0666666666745%112
13
125/31/2018 9:53:54
flavia.castigliego@studenti.unipr.it
Castigliego Flavia2282053282053
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11445.13 lm1445.1lm11.6381.641100 lm/W89.3lm/W00.310.230769230838%011
14
135/31/2018 9:53:55
nadia.faglia@studenti.unipr.it
Faglia Nadia2279634279634
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11507.96 lm1508.0lm12.722.72179.31 lm/W79.3lm/W121%0.785714285720%111
15
145/31/2018 9:54:12
chiara.concari@studenti.unipr.it
Concari Chiara2279104279104
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11507.96 lm1508.0lm13.123.12168.96 lm/W69.0lm/W125%0.642857142924%112
16
155/31/2018 9:54:12
martina.desalvo@studenti.unipr.it
De Salvo Martina2278412278412
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11382.3 lm1382.3lm12.432.43177.78 lm/W77.8lm/W118%0.916666666717%112
17
165/31/2018 9:54:14
dalila.davola@studenti.unipr.it
D'Avola Dalila2288586288586
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.63 lm 1633.6lm12.572.57190.32 lm/W90.3lm/W135%0.312535%111
18
175/31/2018 9:54:41
david.civitano@studenti.unipr.it
Civitano David2288326288326
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11633.63 lm1633.6lm13.273.27170.96 lm/W71.0lm/W128%0.562526%112
19
185/31/2018 9:54:43
luca.ruffini2@studenti.unipr.it
Ruffini Luca2281698281698
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11758.40 lm1759.3lm11.821.82187.88 lm/W87.9lm/W10.360.277777777836%112
20
195/31/2018 9:54:44
loredana.morabito@studenti.unipr.it
Morabito Loredana2278201278201
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11319.46 lm1319.5lm12.332.34176.92 lm/W76.9lm/W115 %0.909090909117%111
21
205/31/2018 9:55:00
nicola.verzeletti@studenti.unipr.it
Verzeletti Nicola2274983274983
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11444 lm1445.1lm11.581.581100 lm/W100.0lm/W10.220.692307692322%112
22
215/31/2018 9:55:06
melissa.gaibazzi@studenti.unipr.it
Gaibazzi Melissa2279442279442
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11382.3 lm1382.3lm12.232.23188.89 lm/W88.9lm/W10.230.666666666723%112
23
225/31/2018 9:55:19
pietro.bissoli@studenti.unipr.it
Bissoli Pietro2274395274395
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570 lm1570.8lm11.761.76196.7 lm/W96.7lm/W10.420.133333333342%112
24
235/31/2018 9:55:21
alainmartel.bobdaladjinou@studenti.unipr.it
Bobda Ladjinou Alain Martel2279851279851
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/rad.
010-10
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11319.5lm01.96096.2lm/W00,15115%16
25
245/31/2018 9:56:00
benedetta.bezza@studenti.unipr.it
BEZZA BENEDETTA2278816278816
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.63 lm1633.6lm13.243.24167.74 lm/W67.7lm/W10.170.937517%111
26
255/31/2018 9:56:02
michael.giacopuzzi@studenti.unipr.it
Giacopuzzi Michael2274538274538
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11758 lm1759.3lm12.662.66169.7 lm/W69.7lm/W10.250.555555555626%112
27
265/31/2018 9:56:17
victor.maranhao@studenti.unipr.it
Maranhao Victor2272262272262
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Occorre posizionare un luxmetro entro il locale, sul piano di lavoro, e contemporaneamente un secondo luxmetro sul tetto, in posizione in cui veda l’intera volta celeste, con il cielo uniformemente coperto. Poi si fa il rapporto fra i due valori.
-11382.30 lm1382.3lm11.371.37196.29 lm/W96.3lm/W135%0.333333333334%111
28
275/31/2018 9:56:23
davide.poletti1@studenti.unipr.it
poletti davide2281405281405
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Occorre posizionare un luxmetro entro il locale, sul piano di lavoro, e contemporaneamente un secondo luxmetro sul tetto, in posizione in cui veda l’intera volta celeste, con il cielo uniformemente coperto. Poi si fa il rapporto fra i due valori.
-11570.79 lm1570.8lm12.192.19166.66 lm/W66.7lm/W120%0.820%111
29
285/31/2018 9:56:31
lara.boni@studenti.unipr.it
Boni Lara2279040279040
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11256 lm1256.6lm11.861.86196 lm/W96.0lm/W10.3150.431%111
30
295/31/2018 9:56:38
andrea.cortesi1@studenti.unipr.it
Cortesi Andrea2282137282137
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
-101-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11696 lm1696.5lm12.332.33172 lm/W71.9lm/W10.350.352941176533%110
31
305/31/2018 9:56:44
gianluca.sardo@studenti.unipr.it
Sardo Gianluca2274330274330
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11256,64 lm 1256.6lm11,4781.48092 lm/W92.0lm/W120%0.820%110
32
315/31/2018 9:56:57
simone.presti@studenti.unipr.it
Presti Simone2279297279297
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11696.46 lm1696.5lm12.62.62190.62 lm/W90.6lm/W10.470.0588235294145%112
33
325/31/2018 9:56:57
giulia.rimondi@studenti.unipr.it
Rimondi Giulia2279045279045
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10001
L’IRC rappresenta la capacità di una sorgente di luce di emulare la temperatura di colore della luce solare (circa 5000K)
-1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570.79 lm1570.8lm12.782.79180 lm/W80.0lm/W10.360.266666666736%19
34
335/31/2018 9:57:01
lorenzo.marini@studenti.unipr.it
Marini Lorenzo2278135278135
Perché i watt rappresentano la quantità di luce emessa senza tenere conto della curva di sensibilità umana alla luce.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570.796 lm1570.8lm12.772.77176.66 lm/W76.7lm/W131%0.431%19
35
345/31/2018 9:57:04
matteo.bergonzini@studenti.unipr.it
Bergonzini Matteo2280841280841
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11319 lm1319.5lm11.241.24192.31 lm/W92.3lm/W10.141.09090909114%112
36
355/31/2018 9:57:10
chiara.rabaglia2@studenti.unipr.it
RABAGLIA CHIARA2282026282026
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11633.63 lm1633.6lm12.292.29170.97 lm/W71.0lm/W10.320.37532%113
37
365/31/2018 9:57:12
elisabetta.bordina@studenti.unipr.it
Bordina Elisabetta2274776274776
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11633 lm1633.6lm12.012.01187.1 lm/W87.1lm/W10.270.528%112
38
375/31/2018 9:57:17
ilaria.russo@studenti.unipr.it
Russo Ilaria2280878280878
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11759.29 lm1759.3lm11.81.80181.81 lm/W81.8lm/W128%0.528%111
39
385/31/2018 9:57:20
luca.giglioli@studenti.unipr.it
Giglioli Luca2263510263510
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11256.64 lm1256.6lm11.43084.0lm/W012 %1.212%18
40
395/31/2018 9:57:21
elisa.conti1@studenti.unipr.it
Conti Elisa2282087282087
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11696.46 lm1696.5lm11.911.91187.5 lm/W87.5lm/W10.475048%111
41
405/31/2018 9:57:39
silvia.zaccardi@studenti.unipr.it
Zaccardi Silvia2274339274339
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11821.2 lm1822.1lm12.82.81177.96 lm/W67.6lm/W00.30.421052631631%111
42
415/31/2018 9:57:40
guglielmo.marchesini@studenti.unipr.it
Marchesini Guglielmo2279000279000
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11256.63 lm1256.6lm12.232.23180 lm/W80.0lm/W10.20.820%112
43
425/31/2018 9:57:41
michele.meleleo@studenti.unipr.it
meleleo michele2282061282061
Perché i watt rappresentano la quantità di luce emessa senza tenere conto della curva di sensibilità umana alla luce.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11319.46 lm1319.5lm11.331.331100 lm/W100.0lm/W142%0.181818181840%19
44
435/31/2018 9:57:48
nicola.pierfederici@studenti.unipr.it
Nicola Pierfederici2277060277060
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm
00100
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Occorre posizionare un luxmetro entro il locale, sul piano di lavoro, e contemporaneamente un secondo luxmetro sul tetto, in posizione in cui veda l’intera volta celeste, con il cielo uniformemente coperto. Poi si fa il rapporto fra i due valori.
-11256.637 lm1256.6lm11.5531.551104 lm/W104.0lm/W139%0.239%110
45
445/31/2018 9:58:03
alice.cabras@studenti.unipr.it
Cabras Alice2281767281767
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11696.46 lm1696.5lm11.911.91181.25 lm/W81.3lm/W10.270.529411764727%19
46
455/31/2018 9:58:08
alexandracristina.chirita@studenti.unipr.it
Chirita Alexandra2288436288436
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC rappresenta la capacità di una sorgente di luce di emulare la temperatura di colore della luce solare (circa 5000K)
-1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11633.62 lm1633.6lm13.133.13174.19 lm/W74.2lm/W128%0.562526%19
47
465/31/2018 9:58:11
stefano.palmisano@studenti.unipr.it
Palmisano Stefano2281688281688
Perché, a parità di Watt della lampada, l’Intensità luminosa I in candele prodotta dipende anche dall’apertura del fascio determinata dal corpo illuminante.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm
00100
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11759.29 lm1759.3lm11.881.88184.84 lm/W84.8lm/W135 %0.333333333334%110
48
475/31/2018 9:58:17
oriana.assenza@studenti.unipr.it
Assenza Oriana2280114280114
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC rappresenta la capacità di una sorgente di luce di emulare la temperatura di colore della luce solare (circa 5000K)
-1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11507.96 lm1508.0lm11.81.80172.41 lm/W72.4lm/W127%0.571428571426%19
49
485/31/2018 9:58:19
mattia.duranti@studenti.unipr.it
Duranti Mattia2263489263489
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
15729.57 lm1822.1lm02.03572.04182.35 lm/W82.4lm/W10.230.210526315839%011
50
495/31/2018 9:58:23
elena.tani@studenti.unipr.it
Tani Elena 2274084274084
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11507.2 lm1508.0lm11.71.70196.55 lm/W96.6lm/W10.48048%112
51
505/31/2018 9:58:28
stefanovalentino.cavallari@studenti.unipr.it
Cavallari Stefano Valentino2278160278160
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11256 lm1256.6lm11.631.631104 lm/W104.0lm/W10.350.335%112
52
515/31/2018 9:58:34
tsedenjav.enkhbayar@studenti.unipr.it
Tsedenjav Enkhbayar2280629280629
Perché i watt rappresentano la quantità di luce emessa senza tenere conto della curva di sensibilità umana alla luce.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11822.1lm02.332.33164,7 lm/W64.7lm/W123 %0.631578947424%18
53
525/31/2018 9:58:39
luca.corradini2@studenti.unipr.it
CORRADINI LUCA2281207281207
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC rappresenta la capacità di una sorgente di luce di emulare la temperatura di colore della luce solare (circa 5000K)
-1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11697.46 lm1696.5lm12.4862.49162.5 lm/W62.5lm/W126%0.588235294125%19
54
535/31/2018 9:58:47
matteo.piovani@studenti.unipr.it
Piovani Matteo2280249280249
Perché, a parità di Watt della lampada, l’Intensità luminosa I in candele prodotta dipende anche dall’apertura del fascio determinata dal corpo illuminante.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11822,12 lm1822.1lm12.13752.14170.588 lm/W70.6lm/W135 %0.315789473734%19
55
545/31/2018 9:59:02
chiara.borelli@studenti.unipr.it
Borelli chiara2278409278409
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC rappresenta la capacità di una sorgente di luce di emulare la temperatura di colore della luce solare (circa 5000K)
-1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11822.12 lm1822.1lm14.034.04158.82 lm/W58.8lm/W125%0.631578947424%19
56
555/31/2018 9:59:20
alessandro.rosa1@studenti.unipr.it
Rosa Alessandro2272377272377
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11696.46 lm1696.5lm11.87311.87184.37 lm/W84.4lm/W10.380.235294117638%113
57
565/31/2018 9:59:30
federica.morselli@studenti.unipr.it
Morselli Federica2279852279852
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
-101-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11382.3 lm1382.3lm12.1422.14192.59 lm/W92.6lm/W10.170.916666666717%110
58
575/31/2018 9:59:44
annalisa.fusaro@studenti.unipr.it
Fusaro Annalisa2274533274533
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
Qualunque sfumatura cromatica può essere sempre ottenuta mescolando i tre colori fondamentali in misura opportuna, La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
-10101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11445.13 lm1445.1lm11.921.92182.14 lm/W82.1lm/W10.230.769230769220%011
59
585/31/2018 10:00:17
marta.binini@studenti.unipr.it
Binini Marta2275539275539
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11821.2 lm1822.1lm12.982.98167.64 lm/W67.6lm/W10.280.526315789527%113
60
595/31/2018 10:00:29
eugenio.salmi@studenti.unipr.it
Salmi Eugenio2278769278769
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11822.12 lm1822.1lm13.13.11176.47 lm/W76.5lm/W10.280.473684210529%113
61
605/31/2018 10:00:32
marco.canella@studenti.unipr.it
Canella Marco2281586281586
Perché, a parità di Watt della lampada, l’Intensità luminosa I in candele prodotta dipende anche dall’apertura del fascio determinata dal corpo illuminante.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm
00100
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11633.62 lm1633.6lm11.671.67190.32 lm/W90.3lm/W135 %0.312535%110
62
615/31/2018 10:00:36
marco.cipressi@studenti.unipr.it
Cipressi Marco2277059277059
Perché, a parità di Watt della lampada, l’Intensità luminosa I in candele prodotta dipende anche dall’apertura del fascio determinata dal corpo illuminante.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm
00100
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
12387.61 lm1822.1lm03.06853.07173.5294 lm/W73.5lm/W144 %0.157894736841%19
63
625/31/2018 10:00:37
marco.ossola@studenti.unipr.it
Ossola Marco2273718273718
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11759.3 lm1759.3lm12.732.73163.64 lm/W63.6lm/W120 %0.777777777820%111
64
635/31/2018 10:00:41
eleonora.negri2@studenti.unipr.it
Negri Eleonora2276592276592
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro piatto (stessa energia a tutte le frequenze, esattamente come il rumore bianco in acustica)
001-10
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11382.3 lm1382.3lm11.581.58177.41 lm/W107.4lm/W027 %0.333333333334%09
65
645/31/2018 10:00:51
marco.giannangelo@studenti.unipr.it
Giannangelo Marco2280988280988
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11759.29 lm1759.3lm11.731.74184.85 lm/W84.8lm/W129%0.528%113
66
655/31/2018 10:00:52
camilla.toffali@studenti.unipr.it
Toffali Camilla2277977277977
Perché, a parità di Watt della lampada, l’Intensità luminosa I in candele prodotta dipende anche dall’apertura del fascio determinata dal corpo illuminante.
-1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11696.46 lm1696.5lm12.52.54184.37 lm/W84.4lm/W10.260.588235294125%111
67
665/31/2018 10:00:53
matteo.martines@studenti.unipr.it
Martines Matteo2278770278770
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11256.63 lm1256.6lm11.571.571108 lm/W108.0lm/W10.190.820%113
68
675/31/2018 10:00:55
marco.torresani@studenti.unipr.it
Torresani Marco2277555277555
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
Il Fattore di Luce Diurna si calcola con una apposita formula, ed è funzione del rapporto fra superficie della finestra e superficie in pianta del locale, oltre che di fattori geometrici, del coefficiente medio di riflessione delle superfici interne del locale e del grado di trasparenza del vetro
11570.796 lm1570.8lm12.422.42183.33 lm/W83.3lm/W10.270.533333333327%113
69
685/31/2018 10:01:40
laura.alberti1@studenti.unipr.it
Alberti Laura2282028282028
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11759.3lm02.572.5816.66 lm/W66.7lm/W035 % 0.333333333334%19
70
695/31/2018 10:01:42
francesco.bambo@studenti.unipr.it
Bambo Francesco2278159278159
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11822.12 lm1822.1lm13.233.23173.53 lm/W73.5lm/W139%0.210526315839%111
71
705/31/2018 10:01:44
federica.riggio@studenti.unipr.it
Riggio Federica2279089279089
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-13642,4 lm1822.1lm00,493.03082.4lm/W0048%07
72
715/31/2018 10:02:17
lorena.guerrieri@studenti.unipr.it
GUERRIERI LORENA2277552277552
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11382.30 lm1382.3lm11.9381.94195.59 lm/W92.6lm/W122%0.666666666723%111
73
725/31/2018 10:02:26
giuseppegianpaolo.enea@studenti.unipr.it
Enea Giuseppe Gianpaolo2274573274573
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11445.13 lm1445.1lm11.631.64196.42 lm/W96.4lm/W129%0.461538461529%111
74
73OfflineCatellani Marco0280842280842
Perché la quantità di luce emessa non dipende dai Watt di potenza elettrica assorbita, ma dai Lumen di flusso luminoso emesso
1
La vista umana è sensibile ad un ristretto campo di lunghezze d’onda, comprese fra 390 e 700 nm, La luce bianca ha uno spettro a forma di campana, simile a quello della luce solare.
00101
L’IRC indica quanto lo spettro di emissione di una lampada si avvicina allo spettro della luce solare, che ha una temperatura di colore di 5000 K. Ma si può avere un valore comunque elevato di IRC anche per lampade con temperatura di colore più alta o più bassa, purché abbiano un spettro “a campana” continuo, senza “buchi spettrali”.
1
L’intensità luminosa I è il flusso luminoso rapportato all’angolo solido in cui esso è confinato,, L’intensità luminosa si misura in candele, mentre il flusso luminoso si misura in Lumen; il legame è che 1cd = 1lm/sterad.
01001
La misura va effettuata rapportando il valore in cd/m2 misurato dalla sonda di luminanza posta entro un locale al valore in cd/m2 misurato dallo stesso strumento posto all’aperto, sotto una volta celeste coperta in modo uniforme
-11382.3 lm1382.3lm11.351.35188.89 lm/W88.9lm/W115%115%19
75
76
Note (non considerate errore, per stavolta):
77
Spazio fra numero e simbolo del %
78
Virgola al posto del punto decimale, manca spazio fra numero ed u. di misura
79
80
Errori:
81
Unità di misura errata
82
Errore utilizzo notazione scientifica
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
Loading...
 
 
 
Form responses 1
Soluzione
 
 
Main menu