notte_geografia19_presentati al 15-02-2019
 Share
The version of the browser you are using is no longer supported. Please upgrade to a supported browser.Dismiss

View only
 
 
ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ
1
Titolo dell'EventoCittàOrganizzazione di riferimento (eventuale)Persona di riferimentoRuolo o funzioneBreve presentazione dell'eventoObiettiviCommenti o noteOrario di inizio dell'eventoDurata previstaTipologia di pubblico previstoColoro che daranno vita all'evento sono
2
Dove va il mondo? Chiedilo alla geografia!Agrate Brianza (MB)Comune di Agrate Brianza, Assessorato Cultura e Sport e Vento di Terra Onlus1) Fabrizio Eva e 2) Mariarita Marchesini1) Geografo, docente universitario a contratto e 2) Responsabile PI - Cultura e SportDomande pensate e risposte immediate su tutto ciò che avviene nel mondo. Carte, grafici, foto, video per chiarire dubbi, confermare certezze, cambiare opinione. Ci sarà un intervento di apertura sulla situazione in Israele/Palestina/Gaza e in Giordania (profughi siriani) in cui si descriverà la situazione e come possa essere "geopolitica di pace" l'azione di una ONG che si occupa di costruire scuole e di assistere i profughi siriani. Successivamente si risponderà brevemente (5-10 minuti) a tutte le domande del pubblico relative a dinamiche geopolitiche in corso o storicamente rilevanti. Nelle risposte ci si avvarrà di materiale mediatico (carte, grafici, foto, brevi video, ecc.) proiettato su grande schermo.L'obiettivo è quello di sottolineare concretamente la grande capacità della geografia di rispondere a dubbi, di confermare certezze, di aiutare a formarsi una opinione su fatti e dinamiche di cui si parla quotidianamente nel sistema dei mass media.21.00l'intera serataAd un pubblico indistintoAccademici, Funzionario di ente locale, attivista ONG
3
LA NOTTE DELLA GEOGRAFIA 5 APRILE 2019 I LUOGHI DEL GIOCAREAostaL'evento si svolge in collaborazione con l'AIIG VDA che ha sede presso il Dipartimento di Scienze Umane e SocialiAnna Maria Piolettiprofessore associato di Geografia economico-politica e presidente AIIG VDAConoscere e fare conoscere la propria città.
Attraverso una proposta ludiforme i partecipanti saranno guidati alla scoperta di piazze più note e meno note di Aosta attraverso le principali arterie del cardo e del decumano massimo
Promozione della geografia attraverso una migliore conoscenza del ruolo e degli scopi dell’Associazione; valorizzazione di luoghi della città che fanno parte del patrimonio culturale

Questionari e/o interviste che attestino il gradimento da parte dei partecipanti all’iniziativa come attori e/o spettatori dell’evento.
Coinvolgimento di scuole primarie e secondarie di Aosta e comuni limitrofi
Studenti del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria dell’Università della Valle d’Aosta (tirocinanti)
17.20l'intera serata- Insegnanti delle istituzioni scolastiche delle scuole di ogni ordine e grado della Valle d’Aosta
- Studenti delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado
- Turisti
- Residenti
Accademici, Appassionati, Studenti
4
Alla ricerca della mappa mentale: giochi di geografia, attività ludiche per bambini tra i 9 e gli 11 anniBolognaUniBo, dipartimento di Storia Culture Civiltà; AIIG Sezione Emilia RomagnaDott.ssa Chiara Rabbiosi, chiara.rabbiosi@unibo.it Docente universitariaL’attività prevede quiz, disegni e una lezione interattiva ispirati alla didattica della geografia a partire da una riflessione sulle carte geografiche e sulle mappe mentali.

Gruppi di lavoro in serie:
- 7 carte per 7 domande, gara a quiz
- Il mio posto del mondo: lezione interattiva
- Facciamo la nostra mappa mentale

I partecipanti sono invitati a prenotarsi sul sito: https://www.eventbrite.it/e/registrazione-alla-ricerca-della-mappa-mentale-giochi-di-geografia-e-attivita-ludiche-per-bambini-tra-i-9-e-gli-55625963755
Avvicinare i bambini alla comprensione del mondo attraverso attività ludiche che prevedono l'uso di carte geografiche e mappe mentali.16.30circa 2 oreBambini dai 9 agli 11 anniAccademici
5
Processi di rigenerazione urbana a Bologna: problematiche visioniBolognaDipartimento di Storia culture civiltà - Sezione di GeografiaMatteo ProtoRicercatoreL'evento si propone di indagare in maniera critica i processi di rigenerazione urbana in corso nella città di Bologna e le relative problematiche spaziali e socio-economiche. L'incontro prevede una presentazione dei casi di studio in forma seminariale e un'uscita sul campo nel centro cittadino
Comprensione dei processi di rigenerazione urbana e relative implicazioni nella dimensione sociale della città16.00l'intera serataStudenti universitari, studenti delle scuole medie, altri attori socialiAccademici
6
Fra campagna e città: i luoghi e i racconti della cultura rurale prealpinaBrinzio (21030, Varese)in attesa..Giuseppe MutiRicercatoreIl progetto prevede: 1) l’apertura pomeridiana e serale del “Museo della cultura rurale prealpina” di Brinzio; 2) l’organizzazione di un seminario sulle caratteristiche ambientali, culturali ed artistiche del borgo medioevale di Brinzio nel più ampio contesto del Parco regionale Campo dei Fiori; 3) il tracciato di un itinerario nel borgo come “museo diffuso”, fra le botteghe e le arti del passato; 4) la proiezione del film “Un ragazzo di campagna” (Castellano e Pipolo, 1984) con dibattito critico, invitati e discussione; 5) l’allestimento di un frugale convivio geografico nel centro del borgo, presso l’antico circolo ricreativo brinziese.L'obiettivo principale è dare luogo ad una occasione sociale di promozione della cultura geografica e di valorizzazione del territorio del Parco regionale Campo dei Fiori e del borgo rurale di Brinzio in particolare. Un secondo obiettivo è di far conoscere la nuova cattedra di Geografia e il nuovo corso in "Storia e storie del mondo contemporaneo" recentemente inaugurati all'Università dell'Insubria.1) oltre al legame con l'AIIG Varese e Lombardia, si stanno contattando diversi interlocutori istituzionali che potrebbero diventare organizzazioni partner di riferimento (dal Dipartimento all'Ateneo al Comune, ecc.); 2) tutte le attività saranno gratuite o ad offerta facoltativa tranne la cena (le cui modalità saranno studiate per consentire la massima partecipazione) ; 3) si sta contattando anche un artista come "ospite speciale" (il natio comico Renato Pozzetto, protagonista del film in programma) la cui eventuale presenza potrebbe dare ulteriore propulsione tanto alla programmazione quanto al convivio.17.00Dal pomeriggio all'intera serataL'evento punta a coinvolgere il più ampio pubblico appassionato alla geografia ed interessato allo studio e valorizzazione del territorio e della cultura rurale prealpina.Accademici, Appassionati, Artisti, Artigiani ed esponenti della comunità locale,
7
Narrazioni geografiche tra il locale e l'altroveCagliariUniversità di CagliariAndrea CorsaleProfessore AssociatoNel corso della serata saranno presentati libri di geografia locale e globale, e saranno condivisi i risultati delle nostre ricerche con un taglio prevalentemente divulgativoDisseminazione dei risultati e confronto su temi geografici. Sarà anche ricordato il nostro collega Michele Carboni, recentemente scomparsoPreciseremo i dettagli nelle prossime settimane18.00l'intera serataStudenti, accademici, appassionati di tematiche geografiche locali e globaliAccademici, Studenti
8
GeoNight sotto l'EtnaCataniaUniversità degli Studi di CataniaSalvatore CannizzaroDocente di Geografia Culturale"Gli strumenti della geografia" - Mostra di carte e atlanti storici;
"GeoSelfie" e "Disegna il tuo mondo" - Contest fotografico e artistico;
"Sicily" - Proiezione di cortometraggio;
"Paesaggi violati" e "Frammenti del mosaico culturale catanese" - Proiezioni di immagini;
"Musica dal mondo" - Performance di musica etnica;
"Tour in notturna" - Visita dell'ex Monastero dei Benedettini - Sito UNESCO.
15.00l'intera serataPubblico indistintoAccademici, Direttore della Biblioteca Comunale "Ursino-Recupero" di Catania
9
Vedere la città con gli occhi del passatoChiavariIC Della Torre, AIIG Liguria, Università di Genova DISFORRenata AllegriConsigliere regionale AIIG Liguria, DocenteUno sguardo su Chiavari, vista attraverso diversi percorsi geostoriciPromuovere fra gli studenti e gli alunni la capacità di possedere l'"occhio del Geografo", per osservare le trasformazioni sul territorio operate nel tempo storico. Divulgare le scoperte agli abitanti della città tramite percorsi guidati. Stmolare negli studenti la capacità di sintesi della ricerca e di divulgazione pubblica.Il percorso organizzato dagli studenti mira ad un'analisi del territorio e alla comprensione della funzione di sintesi di conoscenza delle altre discipline che è propria della Geografia10.30circa 2 oreAbitanti di Chiavari, famiglie di studenti e alunni, amministratori della città, studenti di altre scuole.Studenti, docenti dell'Istituto Comprensivo
10
Unical GeographyCosenzaUniversità della CalabriaYuri PerfettiDocente universitarioSerata di promozione e divulgazione della conoscenza geografica.
- Tavola rotonda sul tema: La Geografia come strumento di conoscenza del territorio e del rapporto uomo ambiente.
- Laboratori sull’efficacia del supporto cartografico nella lettura dell’informazione spaziale e sull’utilizzo dei droni nell’osservazione del territorio (dimostrazione pratica).

L’evento, realizzato in Università della Calabria dai geografi del GeoLab con la presenza di studiosi di discipline affini e studenti, è aperto alla partecipazione di tutti gli interessati.
Promozione e divulgazione della conscenza geografica e delle nuove teconologie per l'analisi territoriale17.00l'intera serataAccademici, Appassionati, Studenti
11
L'officina geocartograficaFermoDipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Macerata - Comune di FermoCarlo Pongetti Docente universitarioLa collaborazione tra Dipartimento di Studi Umanistici Unimc e la Biblioteca civica Romolo Spezioli di Fermo è finalizzata a sottolineare il ruolo delle officine geo-cartografiche storiche e l'utilizzo degli strumenti cartografici antichi e recenti. Attraverso la presentazione del patrimonio custodito i fruitori si confronteranno con l'evoluzione del disegno del mondo e i relativi strumenti. Particolare attenzione verrà riservata alla figura del cartografo Silvestro Amanzio Moroncelli di cui ricorre il terzo centenario della scomparsa, di cui la Biblioteca conserva un importante globo terrestre datato 1713 di 5,68 metri di circonferenza. Da questa occasione commemorativa prende avvio la presentazione laboratoriale della collezione geo-cartografica contemporanea.
Avvicinare il pubblico ai temi geo-cartografici e alla comprensione delle tecniche e finalità della costruzione dei globi manoscritti.
Favorire la lettura e l'interpretazione di alcuni prodotti cartografici di ieri e di oggi.
L'evento vuol preludere a una più ampia serie di iniziative di ricerca e di divulgazione da condursi in collaborazione con altre biblioteche delle Marche interessate alle indagini sui cartografi Coronelli e Moroncelli in occasione delle relative ricorrenze centenarie. l'intera serataL'evento è rivolto a un pubblico indistinto prevedendosi in ogni caso una più ampia partecipazione di appassionati di cartografia e cartografia storicaAccademici, Studenti, bibliotecari
12
L'Italia in Libia. Cartografia e immagini / GeoGioco. Caccia al tesoro geografica (in notturna)FirenzeUniversità degli Studi di Firenze, LabGeoMargherita Azzaridocente universitarioLa proposta (ancora in corso di definizione) è articolata in due eventi collegati: 1) mostra di carte e foto d'epoca relative alla colonizzazione italiana della Libia conservate nel fondo storico del Dipartimento SAGAS dell'Università di Firenze; 2) gioco geografico in forma di caccia al tesoro in notturna alla scoperta del centro della città di Firenze. Verosimilmente l'evento sarà svolto durante una manifestazione di più giorni dedicata alla geografia organizzata in collaborazione con l'Istituto GeograficoGli eventi, ciascuno nella sua specificità, mirano a sensibilizzare il pubblico ai vari aspetti e alle potenzialità della Geografia.18.00l'intera serataAppassionati di geografia e di cartografia storica e studenti delle scuole primarie e secondarie di primo gradoAccademici
13
Percorsi geo-letterari nella Genova misteriosaGenova e Chiavari (GE)AIIG - Genova-Savona; Dip. DISFOR Università di GenovaPrimi AntonellaPresidente sezione AIIG - Genova-Savona; docente universitario1. Presentazione del romanzo “Genova misteriosa” (1903-4) di Pierangelo Baratono e della sua lettura geografica.
2. Illustrazione del percorso geo-letterario con i partecipanti e suo
svolgimento in varie tappe nel centro storico.
3. Svolgimento del percorso geo-letterario in varie tappe nel centro storico: i gruppi saranno accompagnati da soci dell’AIIG – Genova-Savona, da studenti universitari e da alunni Liceo Classico Cristoforo Colombo di Genova.
4. Durante il percorso i partecipanti saranno invitati a condividere la loro percezione della città sulla specifica pagina facebook.
- Conoscere l’evoluzione geo-storica dell’assetto urbano di una porzione del centro storico di Genova;
- Sperimentare le potenzialità dell’utilizzo di fonti letterarie nella descrizione dei luoghi, attraverso l’analisi dell’opera di
Pierangelo Baratono “Genova misteriosa” (1903-4);
- Utilizzare strumenti digitali e social per realizzare e condividere un percorso geografico-letterario di scoperta di Genova.
Nell'organizzazione e svolgimento degli eventi saranno coinvolti:
IC della Torre di Chiavari (GE) classi II a II d per presentazioni nel centro storico di Chiavari.
Liceo Classico Cristoforo Colombo di Genova (Classe IV D - progetto di Alternanza Scuola Lavoro) per presentazioni e guide nel centro storico di Genova e comunicazione social.
Istituto Vittorio Emanuele - Ruffini (sezione di grafica) per la parte di grafica di locandine e brochure.
17.00l'intera seratapubblico indistinto; appassionati di geografia; insegnanti e studenti.Accademici, Appassionati, Studenti, Soci sezione AIIG - Genova-Savona
14
Spatial is SpecialImolaLaboratorio delle Scienze e Tecnologie Geografiche e delle Smart Cities GEOSMART LABAlessandro SeravalliDirettoreL’ evento intende aprire le porte del laboratorio e attraverso sessioni dimostrative a diversi target della cittadinanza, presentare come la geografia e le tecnologie geografiche siano pervasive nel quotidiano nei diversi settori economico-sociali, produttivi e culturali. Unitamente alla componente tecnologica supportate da cloud, AR/VR, Big Data Analytics saranno fatte alcune performance ed esposizioni.La finalità dell’evento è evidenziare la poliedricità dell'approccio geografico per comprendere il mondo e la realtà che ci circonda.18.30fino a notte inoltrataL’evento intende rivolgersi, nella sua articolazione, a studenti delle scuole medie inferiori e superiori, a studenti delle università, ai cittadini e ai professionistiAccademici, Tecnici e Ricercatori
15
Notte della Geografia 2019 ad ImperiaImperiaLa manifestazione è a cura della Sezione Imperia-Sanremo dell’AIIG - Associazione Italiana Insegnanti di Geografia – Sezione LiguriaGiuseppe GaribaldiConferenze previste:
prof. Lorenzo Bagnoli: “Il turismo eno-gastronomico tra locale e globale”
prof. ing. Luca Ficca: “I terrapiattisti: chi sono e da dove vengono!”
dott. Lorenzo Mondino: “Cenni sulle trasformazioni urbanistiche avvenute ad Imperia dalla
creazione del comune ad oggi”
Altre attività:
Giochi geografici di vario genere, preparati da Giuseppe Garibaldi, che saranno inframmezzati
alle conferenze
16
Geografie fragili'. Sulle narrative di confine.LecceFondazione Apulia Film Commission; Cineclub Universitario; Scuola di Placetelling - Università del SalentoFabio PolliceDocente universitario, direttore del Dipartimento di Storia, Società e Studi sull'Uomo dell'Università del Salento, direttore della Scuola di PlacetellingL'evento è organizzato in tre momenti.
La prima parte è dedicata alla presentazione in anteprima di tutte le iniziative proposte in Italia per l'edizione 2019 della Notte Europea della Geografia.
Nella seconda parte, la riflessione geografica sulle migrazioni si apre a suggestioni interdisciplinari. Geografi, studiosi di letteratura, musicologi, esperti di media studies si confrontano sul tema delle narrative migranti e sulle relative rappresentazioni.
La terza ed ultima parte, infine, costituisce un focus sul Salento quale territorio "poroso", attraverso una rassegna di documentari e corti firmati da registi locali.
L'evento intende contribuire a promuovere la conoscenza della geografia tra il grande pubblico. A questo obbiettivo generale se ne affianca uno specifico, che consiste nello stimolare, attraverso i concetti e le metodologie propri della geografia, una riflessione approfondita su un tema cogente quale quello delle migrazioni. Ciò si pone in continuità con l'evento proposto dall'Unisalento in occasione della scorsa edizione della Notte Europea della Geografia, dal titolo "Al di là del mare, racconti di viaggi e terre lontane".L'evento si terrà in data 3 aprile anziché in data 5 aprile.17.00l'intera serataL' evento è pensato per un pubblico generalistaAccademici, Registi e documentaristi
17
Notte Europea della Geografia tra "rema montante e rema scendente" (sottotitolo)MessinaAIIG sez. Sicilia in collab. con AGeIProf.ssa Elena Di BlasiDocente Universitario - Presidente AIIG sez. SiciliaProgramma provvisorio: mostra cartografica su Messina; proiezioni immagini sul turismo culturale a Messina; proiezione video "I viaggiatori stranieri del Settecento in Sicilia"; proiezione cortometraggio "Discover the Beautiful Sicily"; proiezione immagini "Paesaggi siciliani violati"; premiazione concorso fotografico "GeoSelfie"; concerto. Promuovere la conoscenza del territorio e la valorizzazione del paesaggio culturale e ambientale.da definire orario (inizio e fine)L'evento è rivolto agli studenti universitari, delle scuole superiori, agli appassionati e alla città.Accademici, Appassionati, Artisti, Studenti
18
Cinema e paesaggio in SiciliaMessinaProf.ssa Caterina BarilaroDocente universitario18.30circa 2 oreAccademici, Appassionati, Studenti
19
La rotta spezzata. Da Istanbul a Horgos sulla via dei migrantiMilanoUniversità Cattolica del Sacro Cuore, AIIG-Lombardia, AIIG-MilanoPaolo MolinariProfessore associatoPresentazione del volume "La rotta spezzata. Da Istanbul a Horgos sulla via dei migranti" del dott. Valerio Raffaele. Ne discutono il prof. Dino Gavinelli (Università degli Studi di Milano) e (invito da definire); modera il prof. Paolo Molinari (Università Cattolica del Sacro Cuore).18.00circa 2 oreAperto a tuttiAccademici, Insegnanti
20
"Raccontiamo tra terra, mare ed isole", laboratori didattici alla scoperta degli spazi mariniMilanoUniversità di Milano Bicocca - AIIG MilanoEnrico SquarcinaDocente universitario, presidente AIIG MilanoPartendo dall'ideazione da parte di un gruppo di alunni della scuola primaria di una favola che abbia come sfondo il mare e protagonisti i suoi abitanti si cercherà di stimolare delle riflessioni, tra grandi e piccoli, su questo spazio poco conosciuto ma fonte di fascinazione.Sviluppare la curiosità e la conoscenza del mare17.00circa 2 oreAppassionati, insegnanti, accademici, alunni, genitori.Accademici, Appassionati, Studenti
21
Geografi in città: idee e progetti nella Milano del cambiamentoMilanoUniversità degli Studi di Milano, Cooperativa EST, Egea MilanoAlice Giulia Dal BorgoDocente universitario
Accademici, Studenti, Esperti di settore
22
Esercitazione geografica alla Montagnetta di San Siro - Parco Monte Stella Milano IC PARETO - via Gallarate 15, Milano Emma Stopelli Docente di Lettere, scuola media La classe 2°D, partendo da scuola, in via Gallarate 15, raggiungerà a piedi il Parco Monte Stella (la Montagnetta di San Siro) dove sarà impegnata in un'esercitazione di carattere geografico: dall'orientamento alla mappa mentale e al disegno del nuovo sky line milanese, ci si eserciterà nell'osservazione geografica lungo la salita alla cima, facendo tappa anche al Giardino dei Giusti. Conoscere e percorrere un luogo significativo per la storia di Milano e esercitarsi nell'osservazione sul campo.
Comprendere il cambiamento del paesaggio urbano.
Comprendere l'importanza delle foreste urbane.
9.30Intera mattinata Studenti della 2°D Insegnanti
23
Rappresentazioni grafiche del mondoMilano Valerio BiniDocente universitarioL’incontro "Rappresentazioni grafiche del mondo" propone una discussione tra arte, design e geografia sul significato delle diverse rappresentazioni cartografiche del pianeta. L'evento si svolge nell’ambito della mostra-evento “Smart City: People, Technology and Materials”, patrocinata da Comune di Milano, Regione Lombardia, Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Anci, Assolombarda, AISM e SIEC. 19.00circa 2 orePubblico generalistaAccademici, Artisti
24
MAP TREK 2019ModenaMuseo GEMMA, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Università di Modena e Reggio Emiliadr Milena Bertacchiniresponsabile Museo Universitario GEMMATrekking urbano tra i luoghi stregati della città di Modena guidati da mappe storiche e dalle migliaia di documenti conservati presso l’Archivio di Stato di Modena che raccontano di roghi, torture e patti con il Diavolo.
La passeggiata, della durata di un'ora circa, è suddivisa in tappe. La descrizione di ciascuna tappa è guidata da studenti del Liceo classico Muratori-San Carlo insieme a rappresentanti dell’Università della Terza Età.
Conoscere e (ri)scoprire il paesaggio urbano e la sua trasformazioneNell'anno nazionale del turismo lento, la passeggiata è una forma di turismo “morbido” che contribuisce a valorizzare il patrimonio culturale18.00circa 1 oraa tuttiAccademici, Studenti
25
Porti e onde in miniaturaPadovaPiero RuolDocente del Dipartimento ICEA, Università di PadovaVisita tecnica al laboratorio marittimo dell'Università degli Studi di Padova.
Nel corso dell’evento si presenteranno il laboratorio e le attività di modellazione fisica su opere marittime e costiere. In seguito durante la visita al laboratorio verrà illustrato un esperimento in corso di esecuzione.
Scopo dell’evento è fornire qualche nozione di base sulle tematiche dell’ingegneria marittima, focalizzando l’attenzione sull’importanza della modellazione fisica in scala ridotta per lo studio dell'azione delle onde su opere marittime e costiereLa prima parte dell'evento si terrà in aula CM (sede GeoMar - Via Ognissanti, 39). Si passerà poi alla visita ai laboratori.
Obbligatoria la prenotazione. Numero massimo di persone: 25
17.00circa 1 oraL'evento è a carattere divulgativo e si rivolge a studenti delle scuole medie-superiori, dell'università e cittadini.Accademici
26
In Vino Varietas: degustazione geo-ragionata PadovaUniversità di Padova - Dipartimento Scienze Storiche, Geografiche e dell'AntichitàGiovanni DonadelliCuratoreL'evento si propone di offrire ai partecipanti una degustazione ragionata di vini che introduca alla lettura geografica del prodotto attraverso delle riflessioni che approfondiscano i metodi di vinificazione, le zone di produzione e le proprietà dei vini, facendo inoltre riferimento alle strategie di comunicazione dalle diverse cantine.L'iniziativa nasce con l'obiettivo di "attirare" al Museo di Geografia il suo "non pubblico" ovvero coloro che non hanno nessun interesse particolare verso la disciplina geografica e che, se non grazie all'occasione di questo evento, probabilmente non visiterebbero mai il Museo.
L'evento si propone di offrire ai partecipanti una lettura critica dei processi di produzione vitivinicoli e delle strategie comunicative delle aziende che operano in questo settore.
18.00circa 2 orePubblico adulto indistintoAccademici, Appassionati
27
Camminando per Padova ho incontrato il MondoPadovaAIIG Veneto e Museo di Geografia Università di PadovaMarta ZanettiDelegata soci Juniores Aiig VenetoUna passeggiata per le vie del centro, alla scoperta di luoghi o simboli che testimoniano la presenza di altre culture provenienti da varie parti del mondo con le quali siamo in continua relazione o che caratterizzano una parte di città (ghetto ebraico, vie significative, attività commerciali...). Ad ogni tappa verrà proposto un piccolo momento di riflessione, un aneddoto. Il titolo richiama un modo di dire per indicare una gran quantità di persone incontrata: in questo caso invece il significato sarà quasi... letterale! Il passi dei partecipanti saranno accompagnati dalle note di una street band.Comunicare che nelle nostre città, attraverso alcuni simboli o luoghi che possono avere un significato “geografico”, ci sono dei legami con Europa/Mondo che dovrebbero portarci a riflettere sulla possibilità di superare limiti e confini accorgendoci di essere tutti una grande famiglia umana che si sposta, molto più vicini al resto del mondo di quello che pensiamo. 20.00circa 2 orePubblico indistintoAccademici, Appassionati
28
#mapmyday Wheelmap PortelloPadovaAssociazione Geograficamente + Master GIScience e SPR, Università di PadovaRachele Amerini, Paola MonegatoReferenti Associazione GeograficamenteUscita in zona Portello, a Padova, per mappare con l'app Wheelmap i luoghi accessibili in sedia a rotelle. Il luogo di partenza dell'evento sarà il Laboratorio D4G in via Ognissanti 39.Il pubblico partecipante potrà prendere dimestichezza con l'applicazione Wheelmap nel corso di un'uscita di mappatura volta a sensibilizzare sulle tematiche riguardanti l'accessibilità e le barriere architettoniche in luoghi sia pubblici sia privati.Ulteriore mail di riferimento: rachele.amerini@gmail.com17.00circa 2 oreL’evento si rivolge a studenti dell’Università di Padova e appassionati in generale.Accademici, Appassionati, Studenti, Associazione Geograficamente
29
MapDrone PD | Volo dimostrativo con drone su Porta PortelloPadovaMaster GIScience e Sistemi a Pilotaggio Remoto, Università degli Studi di PadovaSalvatore PappalardoAssegnista di ricerca presso il Dipartimento ICEA, Università degli Studi di PadovaDurante il pomeriggio si renderà partecipe il pubblico delle varie fasi di un rilievo fotogrammetrico della costruzione denominata “Porta Portello”, costruzione storica sita in zona Portello a Padova, utilizzando un drone sotto i 300 grammi, il DJI SPARK e successivamente si porterà in essere l’analisi delle immagini del rilievo per la creazione del modello digitale dalla nuvola di punti. Inoltre il pubblico partecipante potrà sperimentare la guida di un drone grazie a un simulatore di volo allestito per l’occasione.Il pubblico partecipante verrà coinvolto e potrà sperimentare direttamente: 1) il rilievo fotogrammetrico attraverso drone della costruzione denominata “Porta Portello”, 2) l’analisi e creazione del modello digitale della Porta Portello, 3) simulazione di un volo di drone con piattaforma pc dedicata.17.00circa 2 oreL’evento si rivolge a studenti dell’Università di Padova e appassionati in generale ai temi della GIScience e dei Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto.Accademici, Studenti
30
Quanto verde c'è a Padova?PadovaMaster GIScience e Sistemi a Pilotaggio Remoto, Università degli Studi di PadovaGuglielmo PristeriBorsista di ricerca presso il Dipartimento ICEA, Università degli Studi di PadovaSullo schermo di un pc verranno presentate mappe tematiche, elaborazioni e risultati delle ricerche del laboratorio D4G su verde urbano e sostenibilità a Padova: calcolo e classificazione del verde cittadino, analisi sulla permeabilità attraverso l’indice BAF (Biotope Area Factor), potenzialità di infrastrutture verdi come il circuito delle mura antiche e la rete dei canali. I lavori saranno illustrati dai ricercatori che li hanno condotti e corredati di altri materiali informativi.I visitatori conosceranno, sia a livello grafico/visivo che numerico/quantitativo, estensione e collocazione delle aree verdi, agricole e permeabili a Padova, nonché dei diversi metodi utilizzati per stimarle: fotointerpretazione di immagini aeree ad alta risoluzione, calcolo di indici di vegetazione, classificazione della land cover da database comunali…e potranno così acquisire consapevolezza sui benefici degli ecosistemi urbani e sui temi del consumo di suolo e della sua limitazione.21.00circa 2 oreStudenti, cittadini e chiunque sia interessato a tematiche urbane e ambientaliAccademici, Appassionati, Studenti
31
Il petrolio, nostro vicino di casa: scopriamo le attività di estrazione di idrocarburi attorno a noi con Google Earth ProPadovaMaster GIScience e Sistemi a Pilotaggio Remoto, Università degli Studi di PadovaAlberto DiantiniDottorando presso il DiSSGeA, Università degli Studi di PadovaDurante la serata verrà messo a disposizione un pc dove, grazie al programma Google Earth Pro e a layer geografici relativi a tematiche riguardanti l’estrazione di idrocarburi (concessioni petrolifere e di gas, pozzi, ecc.), ambientali e socio-culturali (aree protette, siti UNESCO, ecc.) in Italia, il pubblico partecipante potrà esplorare le aree di interesse (luogo di vita e/o altri luoghi) e prendere coscienza delle interazioni dell’attività petrolifera con le aree ad alta sensibilità ambientale e culturale italiana. Il lavoro verrà accompagnato da uno o più facilitatori e la postazione pc sarà inoltre corredata da poster e altro materiale informativo su queste tematiche.Il pubblico partecipante potrà prendere dimestichezza e verrà sensibilizzato riguardo:
1) l’uso del software Google Earth Pro;
2) la situazione dell’attività di estrazione di idrocarburi in Italia e le sue relazioni/interazioni con aree ad alta diversità e sensibilità culturale e ambientale.
21.00circa 2 oreStudenti e cittadiniAppassionati, Studenti
32
"Spedizione AMAZONYA" National Geographic: mappare i flares petroliferi tra remote sensing e lavoro sul campoPadovaGruppo di ricerca del Dipartimento ICEA "Territori delle diversità ecologiche e culturali", Università degli Studi di PadovaSalvatore PappalardoAssegnista di ricerca del Dipartimento ICEA, Università degli Studi di PadovaCon l’equipe del gruppo di ricerca del Dipartimento ICEA “Territori delle diversità ecologiche e culturali” scopriremo gli impatti socio-ambientali della produzione di idrocarburi e la questione della giustizia ambientale in Amazzonia. Verrà presentata AMAZONYA 2019 –spedizione di ricerca sul campo supportata da National Geographic- per mappare “dall’alto e dal basso”, tra remote sensing e groundtruth, le attività di gas flaring e gli impatti della produzione petrolifera in Amazzonia ecuadorianaL’evento mira a avvicinare i partecipanti all'uso di tecnologie e strumenti geografici per il monitoraggio degli impatti della produzione petrolifera sugli ecosistemi e sui territori indigeni dell'Amazzonia. In particolare, si intende presentare la spedizione in Amazzonia mediante uno storymap della missione, illustrando le aree d'intervento e gli strumenti geografici per la ricerca sul campo. Seguirà una discussione informale mirata a introdurre i partecipanti alle tematiche del progetto.21.00circa 2 oreL'evento è a carattere divulgativo e si rivolge a studenti delle scuole medie-superiori, dell'università, ma anche cittadini e persone non esperte.Accademici, Studenti
33
Mapathon Map4youth - Mappatura partecipata dei luoghi abbandonati di PadovaPadovaAssociazione GIShubGiuseppe Della FeraReferente Associazione GIShubIl progetto europeo Map4youth, di mappatura dei vuoti urbani, intende promuovere il dialogo tra giovani padovani e i decisori politici.
1) Padova: i luoghi dell'abbandono. Coinvolgere i giovani per il ripensamento degli spazi urbani degradati;
2) Mapathon: Geocitizen, il WebGIS per la partecipazione e la valorizzazione delle idee.

L'evento comincerà con una breve introduzione del progetto,degli obiettivi e del funzionamento dell'app Geocitizen. Il Mapathon dell'abbandono sarà strutturato in 2 momenti: 1) mappatura partecipata dei luoghi conosciuti dagli utenti; 2) utilizzo di schede tecniche dei luoghi abbandonati già mappati nei precedenti progetti e relative proposte di recupero/riuso da parte degli utenti.
L'obiettivo è far mappare ai giovani partecipanti luoghi abbandonati o spazi vuoti di Padova. Utilizzeremo un duplice approccio: gli utenti mapperanno sia luoghi che conoscono, sia luoghi già presenti in diversi database a nostra disposizione, in modo da permettere una maggiore conoscenza e consapevolezza della situazione della città in cui vivono ed operano. Saranno inoltre invitati a partecipare all'incontro finale che permetterà loro di confrontarsi con i decisori politici, esperti del settore ed enti del terzo settore. Il nostro obiettivo generale è quello di invogliare i giovani al processo politico e al dialogo strutturato.23.00fino a notte inoltrataL'evento è a carattere divulgativo e si rivolge a studenti delle scuole medie-superiori, dell'università, ma anche cittadini e persone non esperte.Accademici, Appassionati, Studenti
34
Padova UndergroundPadovaDipartimento di Geoscienze e DiSSGeA - Università degli Studi di PadovaPaolo MozziDocente del Dipartimento di Geoscienze, Università di PadovaIl centro storico di Padova corrisponde ad un ampio mound di origine antropica, costituito da depositi archeologici di età compresa tra l’età del Ferro e il Medioevo e spessi fino a 5 -7 m. L'evento consiste in una passeggiata nel settore centrale del mound (tra Piazza Eremitani e Piazza Duomo), durante la quale saranno discussi i problemi relativi all'evoluzione paleoidrografica dei fiumi Brenta e Bacchiglione e alla loro interazione con lo sviluppo di Padova antica.Far acquisire una maggiore consapevolezza dello stretto rapporto esistente tra città e fiumi nel corso degli ultimi 3 millenni. Discutere le evidenze dell'evoluzione della città dalle epoche antiche fino all'attuale, attraverso uno studio geomorfologico, geoarcheologico e della cartografia storica.17.00circa 2 oreL'evento è a carattere divulgativo e si rivolge a studenti universitari, cittadini e persone non esperte.Accademici
35
Le opportunità occupazionali dei GIS e della geografia - Incontrare il progetto MyGeoPadovaDipartimento ICEA (Università di Padova), Master GIScience e Sistemi a Pilotaggio Remoto (Università di Padova), AssociazioneGIShubMassimo De MarchiDocente Dipartimento ICEA, Università degli Studi di PadovaIl progetto MyGeo è coordinato dall'Università di Padova (Master in GIScience e SPR) e coinvolge altre 3 università e 4 aziende europee nel settore della GIScience. Il progetto MyGeo intende favorire l'occupabilità dei giovani facilitando l'acquisizione di competenze, legate all'uso del GIS, particolarmente richieste dal mercato del lavoro. L'evento prevede la realizzazione di un focus grupo tra aziende e giovani.Verranno presentate esperienze di aziende e liberi professionisti che operano in abito geografico, della GIScience, dei Sistemi a Pilotaggio Remoto. Verranno analizzate e discusse in maniera interatttiva le opportunità lavorative per i giovani e il contributo del progetto MyGeo.A seguire sarà offerto a tutti i partecipanti un gradito aperiGIS19.00circa 2 oreL’evento si rivolge a studenti dell’Università di Padova e persone interessate alla GIScience, ai Sistemi a Pilotaggio Remoto, alla geografiaAccademici, Studenti
36
UniPedala: biciclettata e raccolta dati con geoapp per smartphonePadovaDipartimento ICEA, Università degli Studi di Padova + Associazione La Mente ComuneDaniele CodatoAssegnista di ricerca del Dipartimento ICEA, Università degli Studi di PadovaL'evento si inserisce nel progetto innovativo dell'Università di Padova dal titolo "UniPedala: una ciclabilità studentesca condivisa per Padova". L'iniziativa in questione prevede un'escursione organizzata in bicicletta lungo l'asse ciclabile che va dal Portello verso la stazione dei treni. Attraverso l'uso di geoapp si prenderà traccia del percorso e di altri elementi di interesse per caratterizzare lo stato della ciclabile. Al ritorno si scaricheranno i dati raccolti in un pc e si visualizzeranno in un GIS.I partecipanti saranno coinvolti in un percorso ciclabile che permetta loro di apprezzare e monitorare lo stato di un asse ciclabile che molti studenti percorrono ogni giorno. Inoltre prenderanno dimestichezza con alcune geoapp per la raccolta partecipativa di dati georeferenziati16.00circa 2 oreL'evento è a carattere divulgativo e si rivolge a studenti e cittadiniAccademici, Appassionati, Studenti
37
Mini Geo LabPadovaAssociazione GeograficamenteAnna Todescan, Paola BorgatoReferenti Associazione GeograficamenteLaboratorio geografico dedicato ai più piccoliI partecipanti saranno coinvolti in attività didattiche finalizzate a stimolare curiosità ed interesse verso la disciplina16.00Bambini di età compresa dai 5 ai 12 anniAppassionati
38
Dal fronte mare a Maredolce. Le sfide della valorizzazionePalermoSezione Geografica del Dipartimento Culture e Società, Università di PalermoProf. Girolamo CusimanoProfessore Ordinario di GeografiaL'evento rappresenta un momento di confronto e sensibilizzazione sulle possibilità di valorizzazione del sito "Castello di Maredolce"Sensibilizzare la comunità alla valorizzazione di spazi ad alto valore culturale e artistico in aree ad alta criticità del tessuto urbano.18.00circa 2 oreComunità e appassionati/studiosi di storia della città, storici dell'arte, geografi, urbanisti e stare holder di varia estrazioneAccademici, Appassionati, Stake Holder
39
Trekking urbano Due itinerariPerugiaAIIG Sezione UmbriaFabio FatichentiPresidente AIIG sezione UmbriaL'evento si terrà in contemporanea in due città (Perugia e Foligno), nelle quali nel tardo pomeriggio del 5 aprile si svolgeranno due percorsi mirati a evidenziare e divulgare aspetti geografici meno noti del centro storico.Diffondere il sapere geografico a una platea anche di non esperti18.00circa 2 orePubblico indistintoAccademici, Insegnanti di scuola secondaria
40
I Colori della GeografiaRomaAIIG - CdS magistrale in Gestione e valorizzazione del territorio, CdS triennale in Scienze Geografiche per l'Ambiente e la SaluteRiccardo MorriPresidente CdS e Presidente AIIGLa serie di seminari, laboratori didattici, visite guidate, conferenze che si svolgeranno presso i locali della Facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza Università di Roma si rivolge a tutte le componenti della società civile di Roma e del Lazio, con particolare riguardo alle famiglie, alle/ agli studenti e docenti di ogni ordine e grado di scuola, agli appassionati della materia.In assoluto accordo con il Manifesto della Public Geography (Padova, 2018), l’evento “I colori della geografia” intende e pratica il sapere geografico come impegno verso il bene comune. Inoltre propone la geografia italiana come disciplina aperta, orientata all’utilità sociale, chiamata ad accogliere, condividere e offrire conoscenza, costruendo una più efficace interazione e comunicazione scientifica con il territorio e la società civile.17.00fino a notte inoltrataStudenti
41
Tor Bella e le Altre: la Public Geography per le periferie urbaneRomaUniversità di Roma "Tor Vergata" (Centro di Ricerca PATER)Franco SalvatoriProfessore ordinarioL'iniziativa intende mettere in luce il ruolo che
la disciplina geografica può avere nei processi di rigenerazione urbana,
tenendo conto delle differenti variabili che essa può includere. La serata
si svilupperà in una prima parte di dibattito pubblico, con basi
scientifiche ma al contempo aperto a una vasta platea, e una seconda parte
in cui si proietteranno filmati inerenti al tema e si mostreranno le
interazioni tra espressioni culturali e
territorio
L’obiettivo è di porre al centro dell'attenzione
della cittadinanza la geografia come motore di analisi e di
riflessione dei contesti periferici, in particolare tenendo conto della
prospettiva che si sta dipanando della “Public Geography”. Si intende
anche mette in luce la connessione profonda della geografia affrontata in
termini di impegno civico con le differenti espressioni artistiche e del
loro legame col territorio, non tralasciando le forme comunicative più
innovative.
18.00l'intera serataAbitanti del quartiere, interessati, giovani e adultiAccademici, Artisti
42
Laboratorio di Geografia delle migrazioniRomaL’attività si terrà presso l’aula A di Medievale all’interno del Dipartimento di Storia Antropologia Religioni Arte Spettacolo dell’Università La Sapienza di RomaSilvia OmenettoIl laboratorio si propone di avvicinare gli studenti delle classi secondarie di primo grado al complesso tema delle migrazioni attraverso lo svolgimento di una serie di attività ludiche competitive. Organizzati in squadre, gli alunni dovranno ricostruire il percorso (paese di origine, tappe intermedie, paese di destinazione) compiuto da due migranti (un emigrante italiano di inizio Novecento e un odierno migrante di origine africana) attraverso una serie di oggetti (documenti, foto, lettere ecc.) contenuti all’interno di due valigie “smarrite”.

È richiesta la prenotazione tramite mail da parte degli insegnanti interessati.
Il laboratorio si prefigge i seguenti obiettivi: 1. Mettere in evidenza il legame tra la mobilità umana e gli squilibri che caratterizzano il sistema-mondo; 2. Comprendere le attuali migrazioni in rapporto a quelle del passato; 3. Promuovere la conoscenza dei fattori che spingono ad emigrare e tra questi il peso di quelli ambientali; 4. Stimolare in modo empatico la riflessione sulle difficoltà che le persone incontrano durante tutto il processo migratorio; 5. Chiarire il significato dei termini immigrato, emigrato, richiedente asilo, rifugiato, clandestino.16.30Si ipotizza di realizzare due turni sulla base delle iscrizioni ricevute, per un totale di circa 3-4 ore.L'evento si rivolge agli studenti della scuola secondaria di primo grado e ai loro insegnati.Geografo non strutturato
43
la Geografia tra letteratura e cinema. La regione transfrontaliera delle Alpi sud-occidentali.SavonaCampus universitario di Savona -
Dipartimento Disfor- Università di Genova
Marina Marengodocente universitarioAnalisi dei processi di cambiamento locali attraverso l’opera letteraria di Francesco Biamonti
Proiezione del docufilm: “Io sto con la sposa” (2014, di Gabriele del Grande)
15.00circa 3 ore conferenza + proiezione docufilmSpecialisti ed appassionatiAccademici
44
Ma il clima è davvero impazzito?SienaAnna GuarducciDocente universitarioProiezione di video e discussione con espertiAffrontare alcune teorie diffuse sul cambiamento climatico per arrivare a distinguere, sulla base di dati, i contenuti scientifici dai luoghi comuni. 16.00circa 2 oreStudenti dell'Università di Siena e cittadini.Accademici, Rappresentanti di associazioni ambientaliste
45
Un laboratorio per il racconto dei luoghi. Itinerari con le tecnologie dell’informazione e della comunicazioneTermoliUniversità degli Studi del Molise, AIIG MoliseMonica MeiniDocente universitario, Direttore del MoRGaNA Lab, Consigliere AIIG MoliseL'evento, aperto a tutta la cittadinanza, vuole mostrare in modo innovativo cosa si fa in un laboratorio di geografia, in modo specifico presso il MoRGaNA Lab dell'Università del Molise, coinvolgendo attivamente sia studenti universitari sia gli studenti delle scuole superiori che hanno partecipato con noi ad un percorso di alternanza scuola lavoro. Saranno raccontati i luoghi del Molise in cui sono state effettuate ricerche scientifiche ed escursioni didattiche e saranno illustrati i modi e gli strumenti (GIS, video, ricostruzioni 3D) con cui il racconto è stato prodotto. La finalità principale è fare riflettere sull'utilità della geografia per la costruzione di nuove progettualità e nuovi immaginari dei territori in cui si vive. L'obiettivo specifico è di raccordare le attività di ricerca che si svolgono in un laboratorio universitario di Geografia umana con le attività didattiche delle scuole, creando un impatto positivo nel territorio per una generale sensibilizzazione all'educazione geografica.9.303 orepubblico indistintoAccademici, Appassionati, Studenti
46
La notte in cui le geografia tornò nei liceiTorinoCorso di laurea in Geografia e scienze territoriali, AIIG PiemonteCristiano Giorda, Angelo BesanaP.O., Presidente regionale AIIG; P. aggregato, Tutor e responsabile della qualità nel Corso di laurea in Geografia e scienze territorialiTavola rotonda e giochi geografici sull'inserimento della geografia nel curricolo del triennio dei licei. Escursioni urbane. Cena - conferenza sul tema del cibo e del paesaggio.Sensibilizzare sull'importanza dell'educazione geografica e sull'utilità della sua introduzione in tutto il curricolo della scuola secondaria di secondo grado.14.00l'intera serataAppassionati, docenti, studenti, genitori.Accademici, Appassionati, Artisti, Studenti
47
Il racconto di Trieste e del confine orientale nelle Guide per i viaggiatori fra 800 e 900TriesteDipartimento di Studi Umanistici, Università di TriesteSergio Zillidocente universitarioL’idea è quella di presentare i temi e i modi con i quali la città e il territorio circostante, a cavallo fra Impero d’Asburgo e Regno d’Italia, ma anche fra mare e terra, viene presentato dai vari autori in quei formidabili strumenti di accompagnamento dei touristi rappresentati dalla Guide pubblicate nei diversi Paesi, e quindi nelle varie lingue, in diverse epoche. A partire dalla seconda metà dell’Ottocento questo tipo di pubblicazioni ha raggiunto una standardizzazione nelle modalità di presentazione dei luoghi grazie soprattutto al successo ottenuto dalla serie di volumi pubblicati dalla casa editrice tedesca Baedeker. Ciononostante in ogni descrizione il punto di vista dei singoli autori consente di evidenziare diversi aspetti del paesaggio e la differenziazione cronologica permette di seguire l’evoluzione delle tappe che hanno scandito la storia della città e del territorio circostante.
La giornata si articolerebbe in tre proposte:
• al mattino, in Dipartimento, un incontro diretto agli studenti in cui il tema verrebbe discusso sotto diversi punti di vista per sottolineare il punto di vista geografico nel racconto delle Guide
• al pomeriggio, una conferenza aperta alla cittadinanza in una sede pubblica – il Museo Sveviano? - in cui presentare l’evoluzione dell’immagine della città e del suo territorio nei vari volumi accompagnata da video sul tema
• alla sera, un tour attraverso i luoghi della città citati nelle Guide, il cui diverso uso negli anni, come descritto nei volumi, consente di segnare le tappe dello sviluppo urbano.
Raccontare l'evoluzione del rapporto fra società e territorio letta attraverso gli occhi di chi accompagna i viaggiatori nelle varie epoche e quindi discutere le modifiche degli spazi odierni10.30quattro ore complessiveStudenti, curiosiAccademici, studiosi
48
Exomundus Novus. Le esplorazioni umane verso nuovi mondiVigna di Valle, Bracciano (RM)Aeronautica Militare, Museo Storico dell’Aeronautica Militare, GREAL dell’Università Europea di Roma, Laboratorio geocartografico “Giuseppe Caraci” dell’Università Roma Tre, Società Geografica Italiana, Centro Italiano per gli Studi Storico-GeograficiProf. Gianluca Casagrande, Prof.ssa Annalisa D’Ascenzo, T. Col. Adelio RovitiDocenti universitari, Ufficiale dell’Aeronautica MilitareL’evento vuole ricostruire gli elementi di continuità fra le esplorazioni geografiche del passato, sulla Terra, e quelle rivolte alla conquista dello spazio extraterrestre. Tale esplorazione è intesa come esperienza umana, materiale e immateriale, di spazi e ambienti sconosciuti che oggi, più di quanto non avvenisse in passato, risulta fortemente mediata dalla tecnologia. Essa tuttavia, per realizzarsi compiutamente, non potrà prescindere da nuova esperienza conoscitiva umana, indiretta e diretta, virtuale o sensoriale, percettiva ed esistenziale.L’evento è rivolto a un pubblico ampio, comprendente bambini in età scolare e studenti delle scuole superiori, ma anche adulti appassionati e specialisti, studiosi e curiosi, coinvolgendoli sulle implicazioni delle esplorazioni terrestri ed extraterrestri, sulla Geografia e la Esogeografia, sui significati del viaggio e sulla ricezione, da parte della società, delle conoscenze via via acquisite sui e dai nuovi mondi. I partecipanti potranno riflettere, inoltre, sulle prospettive di apprendimento e di senso offerte dagli strumenti tecnologici sviluppati per la ricerca spaziale. L’evento nel suo complesso e il luogo dove si svolgerà inviteranno i partecipanti a porre particolare attenzione all’evoluzione delle esperienze di viaggio immaginate e portate a compimento a seguito dell’acquisizione umana della capacità di distaccarsi dalla superficie del pianeta. Tali riflessioni assumono una valenza particolare in un anno, il 2019, nel quale ricorrono il cinquecentenario della partenza della prima circumnavigazione della Terra ad opera della flotta di Ferdinando Magellano e i cinquant’anni del primo allunaggio di Neil Armstrong e Buzz Aldrin con la missione Apollo 11.

Considerato il vasto pubblico a cui è rivolto, l’evento si suddividerà in momenti diversi nel corso della giornata. Nel pomeriggio il Museo Storico dell’Aeronautica Militare ospiterà i bambini delle scuole elementari e medie inferiori del circondario per una visita guidata alle strutture e ai cimeli conservati nell’area museale. I bambini saranno inoltre coinvolti in giochi a sfondo geografico appositamente realizzati da docenti iscritti al Corso di Studi in Scienze della Formazione primaria e guidati da Arturo Gallia.
Nella serata si svolgerà un incontro destinato agli studenti delle scuole superiori, universitari e pubblico adulto, intorno al tema della continuità rintracciabile fra le esplorazioni terrestri e i viaggi di scoperta nello spazio extraterrestre.
A chiusura della manifestazione, un gruppo di astrofili proporranno con i loro telescopi una sessione di osservazione di corpi celesti.
16.00fino a notte inoltrataBambini in età scolare e studenti delle scuole superiori, adulti, appassionati e specialisti, studiosi e curiosi nel campo della Geografia, della Storia della esplorazioni e dei viaggi, della Esogeografia.Accademici, Tecnici dell'Aeronautica Militare
49
GEOGRAFIA IN PROGRESS. DONNE, ITINERARI E STORYTELLINGViterbo- Università della Tuscia DISUCOMLuisa CarboneDocente UniversitarioPromuovere i temi cardini della geografia con una prospettiva insolita, legata all'universo femminile Favorire il dialogo e l'immersione negli innumerevoli nodi della Geografia 18.00l'intera seratapubblico indistintoAccademici, Appassionati, Artisti, Studenti
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91
92
93
94
95
96
97
98
99
100
Loading...