Unità 3. Il mondo diviso del dopoguerra

Cap. 10

La costruzione di un equilibrio bipolare

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

Le conseguenze della guerra

  • Città e fabbriche distrutte, miseria

  • Grandi spostamenti di popolazione dovuti alla modifica dei confini (300.000 italiani lasciano Istria e Dalmazia)

  • Processo di Norimberga: i dirigenti nazisti sono condannati per crimini di guerra e contro l'umanità

  • Nascono le Nazioni Unite, devono tutelare pace e sicurezza

2

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

L'Europa divisa

  • L'Europa perde il suo primato nel mondo, le nuove superpotenze sono USA e URSS, che entrano in competizione

  • L'Europa è divisa in due blocchi contrapposti (cortina di ferro, muro di Berlino), qualche paese resta neutrale

3

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

Due blocchi contrapposti

Totalitarismo e economia

pianificata, partito unico

Valore chiave: libertà

Valore chiave: uguaglianza

Influenza sull'Europa

centro-orientale grazie

all'imposizione di governi

comunisti (Paesi satellite)

Alleanza: Patto di Varsavia

URSS + Europa orientale

Democrazia liberale

e economia di mercato

Valore chiave: libertà

Valore chiave: libertà

Influenza sull'Europa

occidentale grazie ad

aiuti economici (Piano

Marshall)

Alleanza militare: NATO

USA + Europa occidentale

4

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

La guerra fredda

Guerra fredda: competizione, tensione e conflitto tra il

blocco sovietico e quello occidentale, non sfocia mai

in uno scontro armato diretto

Dagli anni Quaranta

al 1989, con qualche

fase di distensione

  • Le superpotenze cercano la superiorità tecnologica e militare (corsa agli armamenti)

  • Scontro ideologico; intolleranza verso i dissidenti nell'URSS e verso i comunisti negli USA

5

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

Crisi della guerra fredda

Guerra di Corea

(1950-1953)

La Corea è divisa in due

parti, una filo-comunista

e una filo-occidentale. Si

scontrano, intervengono

anche USA e Cina.

L'armistizio fissa la

divisione in due stati

  • Il conflitto tra i due blocchi talvolta sfocia in vere e proprie guerre nei paesi in via di sviluppo

Crisi di Cuba

(1961-1962)

I comunisti prendono il

potere a Cuba, gli USA

cercano di rovesciarli.

L'URSS installa basi

sull'isola e si rischia la

guerra nucleare, poi

diminuisce la tensione

6

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

La Cina comunista

  • Nel 1949 i comunisti vincono la guerra civile, i nazionalisti si rifugiano a Taiwan

  • Dittatura del partito comunista, guidato da Mao Zedong

  • Riforme economiche e sociali, ma con altissimi costi umani (“grande slancio in avanti”)

  • Rivoluzione culturale contro il passato e le élites

7

Paolucci, Signorini, Marisaldi, Di tempo in tempo © Zanichelli editore 2017

La nascita di Israele

  • Alla fine della guerra mondiale molti Ebrei si rifugiano in Palestina, crescono le tensioni con gli Arabi

  • L'ONU decide di dividere la Palestina in due stati. Israele proclama l'indipendenza nel 1948

  • Gli stati arabi attaccano Israele ma sono sconfitti; non nasce alcuno stato palestinese

  • Israele si espande e si rafforza

8

Zanichelli_Paolucci_V3_C10 - Google Slides