Dipende da noi - Prenderci cura delle Marche
Manifesto per le elezioni regionali delle Marche 2020

Molti sono scoraggiati e convinti che non possono fare nulla per una politica diversa. La sfiducia è la base emotiva per lasciare campo libero alle politiche peggiori. Bisogna uscire da questa trappola.
Dipende da noi se le prossime elezioni del Consiglio Regionale delle Marche e del nuovo Presidente saranno l’occasione per cominciare a liberare la regione dall’inerzia politica.

La giunta Ceriscioli ha governato male, soprattutto aggravando la crisi del sistema sanitario e favorendone la privatizzazione, lasciando a se stessi i cittadini colpiti dal terremoto del 2016, mancando al compito di coordinare il rilancio dell’economia regionale. Mai come oggi la Regione come istituzione risulta lontana dalla Regione come comunità di persone che vivono su uno stesso territorio tanto bello quanto trascurato da chi doveva governarlo per il bene di tutti.

Dipende da noi portare nel circuito asfittico dell’istituzione regionale la forza di un movimento democratico fatto da cittadini, associazioni, reti, comunità e liste civiche comunali, tutti soggetti al servizio del progetto di fare delle Marche una regione abitabile volentieri e con dignità.

Una regione dove nessuno viene abbandonato e dove il futuro non viene lasciato agli interessi di pochi a scapito della collettività.

Dipende da noi se potrà iniziare a fiorire una forte cultura di riqualificazione della democrazia che dia vita a un progetto-processo di trasformazione qualitativa, orientata sulle vere priorità:

- la revisione del piano di interventi per la ricostruzione nelle zone terremotate, concordato con i cittadini residenti e con gli amministratori locali, per velocizzare e adeguare i provvedimenti alle esigenze della popolazione;

- una sanità pubblica che garantisca a chiunque il diritto alla salute, tagliando sì gli sprechi ma non i presidi sanitari sui territori e senza costruire megastrutture lontane dalla gran parte dei marchigiani;

- un piano di collaborazione con le istituzioni educative e di ricerca (scuole, università, associazioni giovanili e di volontariato) in modo che l’infanzia e i giovani nelle Marche abbiano un’attenzione speciale;

- un sistema di servizi sociali attento alle diverse tipologie di fragilità, e dunque attento alle persone, che sia orientato non in senso aziendalista ma nel senso della prossimità comunitaria dove nessuno viene abbandonato;

- una rivoluzione metodologica che coinvolga i soggetti economici operanti nelle Marche per un’economia che valorizzi le risorse produttive, artistiche e ambientali, che difenda posti e qualità del lavoro generando opportunità occupazionali, che trovi maggiore forza (e non un limite) nella salvaguardia della natura, a partire dallo sviluppo della bioagricoltura e dalla tutela del paesaggio;

- un piano di inclusione democratica per le persone migranti, che traduca in forme adeguate i criteri dell’esperimento di Riace, fatto fallire proprio per la sua valenza metodologica esemplare;

- un sistema sapiente di riorganizzazione dei trasporti, della gestione pubblica dell’acqua e dei servizi pubblici locali che coinvolga cittadini, lavoratori e utenti.

Dipende da noi spezzare il circuito soffocante del gioco tra i partiti oggi rappresentati nel Consiglio Regionale, che si sono mostrati sterili, presi solo da se stessi.

Il nostro movimento e la lista che intende presentare per le elezioni regionali del 2020 vogliono concorrere a un vero governo della Regione. Per farlo il passo fondamentale non è allearsi con questo o quel partito, ma far entrare la vita della società civile nell’istituzione regionale. Noi siamo alleati anzitutto della società marchigiana nelle sue espressioni più cariche di futuro e di democrazia. E se certo non escludiamo per pregiudizio la possibilità di collaborare con altre forze democratiche e rifuggiamo da ogni settarismo, la condizione perché questa collaborazione abbia luogo è che finalmente esse si siano rinnovate per rendere giustizia ai sacrificati dalla vecchia politica regionale: donne, lavoratori, disoccupati, giovani, anziani, migranti e persone rese marginali per le cause più disparate. Non ci definiamo per il gioco di alleanze dentro il circuito della solita politica, ci qualifichiamo per il metodo d’azione che fa irrompere in quel circuito le forze liberatrici dei soggetti sociali e culturali più avanzati.

Per noi vale il criterio dell’interdipendenza tra il programma di priorità per le Marche, il metodo d’azione e la qualità delle persone di riferimento.

Gli obiettivi indicati si raggiungono se tutti noi saremo disposti a metterci al servizio del fine che oggi è giusto e urgente: rendere le Marche un posto dove chiunque può vivere vedendo rispettati i propri diritti e facendo la propria parte per il bene comune, una regione che contribuisce alla rinascita della democrazia in Italia e in Europa.

Crediamo che la persona in grado di rappresentare al meglio la credibilità dell’iniziativa che proponiamo nella nostra regione sia Roberto Mancini, docente universitario da sempre impegnato nei movimenti per la pace e per l’economia sociale e solidale.

Molte liste civiche comunali, associazioni, personalità della cultura e della ricerca scientifica, singoli cittadini hanno già manifestato la volontà di aderire a questa nostra proposta per la rinascita delle Marche.
Vi invitiamo a dare, come noi abbiamo già fatto, la vostra adesione, che è indispensabile per dare concretezza, forza e piena soggettività collettiva a questo progetto.

Primi Firmatari:

Michele Altomeni - Operatore sociale – Presidente Fattoria della legalità - Fano

Samuele Animali – Avvocato, già Difensore civico reg.le e Garante reg.le dei detenuti e dei minori

Paolo Bartolini – Analista filosofo - Ancona

Tiziano Bellezze – Ricercatore universitario – Osimo

Marco Benedettelli – Giornalista

Lucia Brandoni - Musicista- Accademia cantautori di Recanati

Ennio Brilli – Fotografo – Fermo

Tullio Bugari – Scrittore

Diego Capomaggi – Delegato Rsu Caterpillar Jesi

Vincenzo Castelli – Consulente Politiche Sociali, Presidente Associazione On The Road

Alessandra Catalani – Insegnante Falconara Marittima

Paolo Cecchetti – cardiologo – Chiaravalle;

Manuela Chitarroni – Insegnante sc. primaria Organizzazione Volontariato “a piene Mani” - Osimo

Ferdinando Ciani – Insegnante, fondatore della Scuola del Gratuito – Pesaro

Giuseppe Ciarrocchi – Sindacalista, già Segretario Regionale FIOM

Piergiorgio Cinì – Attore, Laboratorio Teatrale Re Nudo – San Benedetto del Tronto

Giovanna Cipollari - Socia fondatrice, ex Presidente e Responsabile Formazione del CVM

Pina De Angelis – Consulente e Formatrice nelle politiche sociali – Porto Sant’Elpidio

Fabiola Falappa – Docente universitaria Unimc, Osimo

Angelo Ferracuti - Scrittore

Alessandro Fulimeni – Coordinatore SIPROIMI (ex SPRAR) - Fermo

Maurizio Gennari - Impiegato, movimento Comunità Civile, Civitanova Marche

Olimpia Gobbi – Storica del territorio – Montalto Marche

Sergio Labate – Docente universitario Università di Macerata

Maria Lenti – Poetessa, Saggista - Urbino

Stefania Lucidi - Insegnante, già Consigliere Comunale Maiolati Spontini

Raffaela Maggi – Docente a contratto Università Politecnica delle Marche – Consigliere comunale

Maicol & Mirco – Fumettista - Grottammare

Barbara Mancini – Operatrice sociale – Montegranaro

Pina Massi – Neurologa, attivista pacifista – Senigallia

Massimo Mazzarini - Ferroviere . delegato Filt Ancona

Giorgio Montanini – Comico

Giusy Montanini - Sindacalista

Cristina Perozzi – Avvocato - Grottammare

Paola Petrucci – Consulente manageriale e formatrice esperta tematiche di genere – Ascoli Piceno

Antonella Roncarolo – Giornalista, scrittrice – Grottammare

Giorgio Rosselli - Anpi Caldarola.

Maria Letizia Ruello - Ricercatore Università Politecnica delle Marche

Agnese Santarelli – Avvocato, Consigliera Comunale Jesi

Roberta Sforza – Praticante legale , Consigliera Comunale Recanati

Djibriel Thioune – Agricoltore, dirigente “Save the youths”

Sara Trillini - Insegnante istituto comprensivo Monte San Vito



Hanno firmato inoltre finora...
- Massimo Rossi - Acquaviva Picena

"Tutto il mio appoggio: far irrompere direttamente nelle asfittiche istituzioni l'impegno civile, i movimenti, le associazioni attive nella società marchigiana l'unica strada per rilanciare la democrazia e sconfiggere la barbarie che avanza."

- Alessandro Bevilacqua - Ancona

"Come professionista in ambito sanitario e counselor in formazione credo molto nella politica che parta dal basso, dall’ascolto delle persone e dei loro bisogni di salute nel loro contesto reale di vita e abbia allo stesso tempo un metodo, una visione, in un’espressione “arte” e “scienza” al contempo."

- Sara Galassi - Recanati

- Filippo Cingolani - Pedagogista - Jesi

- Maria Beatrice Delbianco - Fano

- Alessandro Fortuna - Montegiorgio - Ingegnere

- Giulia Buonocore - Ascoli Piceno

- Giuliano Brandoni - Chiaravalle (An)

- Daniele Medori - Lapedona

- Giacomo Caselli - San Benedetto del Trono (AP)

"Era ora di qualcosa di nuovo. "

- Stefania Domesi - Civitanova Marche - Impiegata

- Paolo Campanelli - Monsano - Dip. Pubblica amministrazione.

- Mario Maroni - Fermo

- Francesco Sandroni - Fermo

- Luigi Marini - Pesaro

- Antonella Boni - Jesi - Fisioterapista Area vasta 2 Jesi

- Giuseppe Massetti - Ascoli Piceno

- Luciano Pasquini - Ancona

- Lidia Massari - Recanati

- Sergio Ruggieri - Jesi

- Simona Molinelli - Ancona

- Alessandra Del Gatto - Fermo

- Gabriele Marcozzi - Porto d'ascoli
"Rinnoviamo questa amministrazione regionale!!! "

- Leonardo Animali - libero professionista - Genga

"Un manifesto politico e programmatico che pensa ad una Regione di abitanti e cittadini, anziché di clienti, dipendenti e turisti. Che rimette al centro la parola democrazia come lente per costruire le scelte di governo. Ce n'era davvero un lancinante bisogno."

- Davide Bertoni - Marotta (PU)

- Francesca Moscatelli - Pesaro

- Cristiana Gualtieri - Porto Sant'Elpidio

- Eduardo Barberis - Urbino

- Sabina Vallasciani - Porto San Giorgio

- Simona Sonaglia - Potenza Picena

"Massima stima per il professore e per i sostenitori che conosco, anche solo di fama. Speriamo in una rinascita morale delle Marche."

- Monica Quintaba' - Porto Sant'Elpidio

- Mario Diadoro - Monte Urano

- Giulia Santarelli - Fermo

- Giuseppe Paoletti - San Benedetto del Tronto

- Alessandra Cipriano - Fermo

- Sabrina Isidori - Fermo

- Nerina Bianchetti - Osimo

- Maria Grazia Baiocco - Civitanova Marche

- Davide Bertoni - Marotta (PU)

- Maria Antonella Moroni Carassai

"Riscopriamo e riportiamo nelle nostre vite la Politica con la P maiuscola a servizio della comunità . Riprendiamoci i nostri diritti ed i nostri doveri."

- Fausto Pepi - Porto Sant'Elpidio

- Sandro Cittadini - Osimo

- Gloria Gagliardini - Jesi

- Alessandro Vesprini - Fermo

- Roberto Mangialardi - Montemarciano

- Sara Rosi - Fermo - Bravi!

- Rosaria Diamantini - Senigallia

- Sabrina Troli -San Benedetto del Tronto

- Claudio Gagliardini - Jesi - Parole d'ordine: chiarezza ed identità

- Alba Angelucci - Fermignano

- Lucia Albanesi - Ancona

"Sostengo un programma che parla seriamente di futuro, mettendo in primo piano le relazioni, l'equilibrio tra attività  umane e ambiente"

- Mara Bartolazzi - Belforte del Chienti

- Glauco Martufi - Pesaro

- Simonetta Mazzocchi - Ascoli Piceno - Sostengo con tutto il cuore

- Mario Pulcini - Cupra Marittima

- Barbara Marcantoni - Fermo

- Diego Cervellini - Loreto

- Antonio Gareri - Sant'Elpidio a Mare

- Marco Squarcia - Amandola

- Silvia Ottaviani - Staffolo (AN)

- Gabriella Campana - Jesi "Riappassioniamoci alla politica.... per il bene comune! "

- Ernesto Detto - Potenza Picena "Finalmente un richiamo ai valori, CREDIBILE per la TESTIMONIANZA di chi lo propone!"

- Marina Migliorelli - Belforte del Chienti

- Gelsomina Viscione - Montefiore dell'Aso

- Giusi Conti - Ancona

- Maria Teresa Palama' - Fermo "Condivido pienamente"

- Gabriele Tassotti - Fermo

- Donatella Zamporlini - Ancona

- Luciano Diamanti - Moresco

"Sono d'accordo nel cambiamento , ma non sarebbe meglio creare un movimento ed insieme scegliere il candidato presidente, abbattiamo una logica centralizzata con un stessa scelta?"

- Michael Egidi - Consulente di comunicazione Sant'Elpdio a Mare

- Michele Della Puppa - Ancona

- Franco Lattanzi - Sant'Elpidio a Mare
"Sono profondamente sfiduciato, dopo decenni di politica, ma la stima profonda verso il Prof. Roberto Mancini mi spinge verso un nuovo impegno, speriamo...."

- Mila Bianco - Osimo "Spero di partecipare presto a qualche incontro"

- Stefano Sanchioni - Cartoceto (PU)

- Carla Cacciari - Ancona

- Maria Giulia Torresi - Fermo

- Cosimo Del Faro - Fermo

- Roberto Nasini - Fermo

- Mario Giandomenico - Ancona Tecnico Sanitario Az. Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti Ancona

- Clelia Bracalente - Fermo

- Giancarlo Centanni - Ancona

- Bracalente Clelia - Fermo

- Pietro Talevi - Ancona
"Pur con determinazione e fermezza, RIFUGGIRE da ogni settarismo."

- Anna Pia Saccomandi - Falconara Marittima "Roberto un uomo straordinario In bocca al lupo!"

- Vincenzo Napoletani - Acquaviva Picena - "Adesione positiva alla proposta"

- Laura Cingolani - Recanati

- Mario Corinaldesi - Polverigi (An)





Nome e cognome *
Your answer
Citta *
Your answer
Email *
Your answer
Numero di telefono
Your answer
Commenti
Your answer
Submit
Never submit passwords through Google Forms.
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service - Privacy Policy