Questionario - "Devianza giovanile" - Macomer 2018/19
L’I.I.S. “Satta” di Macomer , costituito da due istituti il Tecnico Satta e il Professionale Amaldi, nell’anno scolastico in corso 2018/2019 sta realizzando un progetto sulla legalità dal titolo “La devianza giovanile e la responsabilità della Comunità”, inserito nell’ambito dei progetti di alternanza scuola lavoro.

Tale progetto nasce dalla viva necessità che la comunità ha, ed in modo particolare quella scolastica, di rispondere attivamente ai profondi problemi che affliggono il territorio macomerese, soprattutto dopo i recenti fatti di cronaca nera che hanno colpito in generale il paese , ma nello specifico un nostro studente , il suo gruppo di pari e la sua famiglia, oggi afflitti da un'impotenza disarmante.

La brutalità e la cronaca nera non nascono certo ora. L' attualità tuttavia non si mostra clemente: crisi economica e demografica, disoccupazione, spopolamento, hanno creato un distacco tra istituzioni e cittadini, tra singolo e territorio sia a livello nazionale che locale. Un contesto in cui l’aria della città è sempre più carica di pesantezza, scoramento e depressione. In cui talvolta l’apatia, soprattutto presente nei giovani, diventa violenza, sfociando in terribili avvenimenti.

All'interno della narrazione mediatica diverse figure hanno dato il proprio contributo, cercando di analizzare i vari fattori di devianza che hanno potuto generare simili situazioni. C'è chi ha colpevolizzato famiglie e scuole, chi ha criminalizzato generazioni, chi ha condannato sostanze e stili di vita, chi ha commemorato con parole forti. L'unica grande voce assente dal dibattito sulla devianza sulle nuove generazioni, sono state proprio le nuove generazioni.

Per questa ragione, il seguente progetto, ripartendo dalle scuole, vuole indagare le cause del fenomeno e ribaltare la chiave di lettura dell’opinione pubblica, soffermandosi sulle responsabilità della comunità nei confronti del mondo giovanile, piuttosto che sulla criminalizzazione o colpevolizzazione delle nuove leve.

Macomer ha bisogno di ascoltare la voce dei giovani e non lasciar disperdere in sordina quanto accaduto, sperando in questo modo di alleviare il peso delle coscienze. Il trauma della nostra comunità e della nostra scuola va affrontato, non può essere ignorato, e i giovani devono poter apportare il proprio contributo in prima linea.

Ne hanno bisogno tutte le età, a maggior ragione ne hanno bisogno quelli nati dopo il 2000, i cosìddetti nativi digitali. Non possiamo permetterci che qualcuno dei nostri alunni possa anche solo pensare che abbiamo già smesso di parlare dell'accaduto, che cerchiamo di dimenticarlo, che qualcuno di loro si senta colpevole, o peggio, provi empatia e desiderio di emulazione. Non possiamo permetterci di considerare solo le conseguenze degli avvenimenti e non le cause fondanti dei problemi.

L'IIS “S.Satta”, attraverso il coinvolgimento di associazioni, operatori socio-culturali e attività del territorio vuole dunque dare vita ad una campagna di sensibilizzazione e comunicazione in cui gli stessi giovani dell’Istituto (sia del tecnico che del professionale) raccontino il loro mondo e le loro problematiche agli adulti utilizzando gli strumenti formativi che i loro corsi mettono a disposizione (es: Sartoria e Moda, Grafica, Programmazione ...).

I ragazzi lavoreranno dunque su quattro fasi principali con riferimento allo sviluppo delle relative competenze. Partendo da una fase di confronto e analisi si lavorerà sull’individuazione di tematiche di comune interesse attuando una riflessione guidata dai formatori e seguita dalle figure professionali delle psicologhe della scuola. Attività che porteranno anche allo sviluppo di competenze scientifiche, umanistiche e professionali per i ragazzi, avviando la progettazione di interventi artistici, comunicativi, riflessivi e ludici per la comunità.

Il presente questionario è il primo passo del progetto e ha lo scopo di raccogliere in forma totalmente anonima informazioni, critiche e suggerimenti riguardo vari ambiti legati alla sfera dei giovani, allo scopo di produrre iniziative volontarie, gratuite e apartitiche che possano migliorare la qualità di vita delle nuove generazioni all'interno del territorio.

I dati acquisiti saranno elaborati in modo riservato per garantire l'assoluto anonimato dello studente e verranno utilizzati solo per finalità legate al seguente progetto. E' fondamentale prestare serietà e sincerità nel rispondere. E' preferibile non rispondere a un quesito o non partecipare al questionario, piuttosto che inserire informazioni false o non veritiere, col fine di non alterare l'attendibilità dei dati. Le risposte con asterisco sono obbligatorie, le altre invece facoltative.

Next
Never submit passwords through Google Forms.
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service