SMARTCHAIN - Forze guida di filiere alimentari corte
COS'È "SMARTCHAIN"?

SMARTCHAIN (http://smartchain-h2020.eu/) ​​è un ambizioso progetto di ricerca della durata di 3 anni che coinvolge 43 partner provenienti da 11 paesi europei, inclusi alcuni attori principali operanti in filiere alimentari corte. L'obiettivo generale è promuovere ed accelerare la transizione verso filiere corte e collaborative introducendo robusti modelli di business e soluzioni innovative in grado di migliorare la competitività e la sostenibilità del sistema agro-alimentare europeo.

Utilizzando un approccio ricerca bottom-up e basato sulla domanda, il consorzio SMARTCHAIN ​​è chiamato a:
i) eseguire un'analisi multi-prospettica di 18 casi studio riguardanti filiere alimentari corte considerando diversi fattori tecnologici, normativi, sociali, economici ed ambientali, ii) valutare collegamenti e interazioni tra tutte le parti coinvolte nelle filiere di approvvigionamento alimentare, e iii) identificare i parametri chiave in grado di favorire produzioni alimentari sostenibili e sviluppo rurale.

Il progetto ha previsto la costituzione di 9 comunità nazionali per le filiere alimentari (Innovation and Collaboration Hubs) all'interno dei vari paesi partner (Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Serbia, Spagna e Svizzera), oltre a un polo di innovazione virtuale in grado di incentivare la partecipazione attiva dei vari stakeholder. Esso riunisce agricoltori e consumatori in un ambiente lavorativo ispirato alla collaborazione e alla fiducia reciproca, consentendo loro di generare innovazioni dal lato della domanda di mercato.

La combinazione di conoscenze scientifiche e pratiche unita a strumenti operativi come l'organizzazione di workshop sta consentendo di sviluppare soluzioni innovative e di promuovere un pattern concettuale di riferimento per l'analisi e la contestualizzazione delle diverse forme di filiere alimentari nelle aree urbane e rurali.

SMARTCHAIN ​​genera azioni concrete per il trasferimento delle conoscenze grazie all'organizzazione di seminari multi-stakeholder e ad attività di formazione rivolte ad agricoltori ed imprenditori di filiere alimentari corte.


COSA INTENDIAMO PER "FILIERE ALIMENTARI CORTE"?

Interpretiamo l'idea di filiera corta come la riduzione della distanza percepita tra produttore e consumatore, con l'obiettivo di migliorare la trasparenza, l'efficienza e la sostenibilità dei processi alimentari, e riassegnare alla posizione del produttore il giusto potere all'interno della catena del valore.


PERCHÉ UN QUESTIONARIO?

Vogliamo scoprire i principali fattori, positivi e negativi, interni ed esterni che influenzano lo sviluppo delle filiere alimentari corte, al fine di capire come e dove agire per facilitarne lo sviluppo.

In caso di dubbi o domande sul questionario o sul progetto, non esiti a contattarci: louisemehauden@gestionaglobal.es

Molte grazie per aver compilato il questionario! Le sue conoscenze e la sua esperienza rappresentano una preziosa risorsa per lo sviluppo di filiere alimentari sostenibili.

Privacy e protezione dei dati *
La scheda informativa della nostra politica sulla privacy e della protezione dei dati è scaricabile al seguente link: https://drive.google.com/open?id=17YK3koLHkm9afa8xBXPZbhLOXTGjKWu1 - Abbiamo bisogno del suo consenso per il trattamento dei dati. Dopo aver letto la scheda informativa è possibile spuntare le seguenti caselle:
Required
In quale paese/i si trova la tua attività? *
Your answer
Qual è la tua posizione nella catena? *
Contrassegna tutte le funzioni rappresentate nella tua attività
Required
Qual è la natura della tua organizzazione? *
Quante persone rappresenta la tua organizzazione? *
Your answer
Quali tipi di prodotti trattate? *
Required
Quali canali di vendita vengono utlizzati? *
Per "vendita individuale" si intende "vendita di prodotti di una sola unità di produzione" - Per "vendita collettiva" si intende "vendita combinata di prodotti di almeno due unità di produzione" - Per "proprio" intendiamo "interno" , parte della vostra organizzazione e governance "- Per" esterno "intendiamo" separato, parte di un'altra organizzazione e governance "
Required
Quali barriere rapresentano un ostacolo alla sua attività?
E' possibile indicare il grado di rilevanza degli elementi menzionati di seguito nel costituire una barriera da superare (0 = non rilevante e 5 = molto rilevante). Nella prossima sezione è possibile formire dettagli aggiuntivi.
0 (Non rilevante)
1
2
3
4
5 (Molto rilevante)
Non so
Norme nazionali sui requisiti obbligatori di qualità giuridica (in termini di igiene, catena del freddo, infrastrutture, norme, ...)
Norme nazionali sul tracciamento (etichettatura di origine obbligatoria di alcuni prodotti alimentari)
Altre norme nazionali
Regolamento UE sul tracciamento e la sicurezza alimentare
Altre normative UE
Regolamentazione regionale o locale
Requisiti di sigillo, certificazione o etichettatura
Costi delle misure e delle infrastrutture legalmente richieste
Politiche settoriali
Politiche di mercato (PAC, ...)
Conflitti e contraddizioni tra regole non armonizzate
Mancanza di strumenti normativi per sostenere, differenziare e proteggere le catene di approvvigionamento alimentare corte (ad esempio per evitare "falsi produttori" o frodi)
Pratiche commerciali sleali (variazione dei prezzi ingiustamente o slealmente, modifiche unilaterali e / o retroattive di un contratto, risoluzione abusiva di un rapporto contrattuale, ecc.)
Vincoli di fornitura territoriale
Variabilità della capacità del fornitore
Variabilità della domanda
Variabilità dei prezzi
Differenza tra offerta e domanda
Difficoltà a competere con i grandi canali di distribuzione tradizionali (pressione sui prezzi, marketing aggressivo, contratti di esclusività, ...)
Pressione al ribasso sui prezzi da parte degli acquirenti
Pressione ascendente sui prezzi da parte dei (ri) venditori
Gestione flussi e scorte
Costo dei trasporti e della logistica
Limitazioni o necessità del prodotto (esempio: deperibilità, fragilità, ...)
Mancanza di infrastrutture industriali
Mancanza di tempo da dedicare alla comunicazione, al marketing e alla vendita
Mancanza di conoscenze e abilità nella comunicazione, nel marketing e nella vendita
Mancanza di informazioni e supporto per sviluppare nuove brevi filiere alimentari, in particolare nella fase di avvio dell'attività
Accesso insufficiente ai dati rilevanti del mercato o alle informazioni pertinenti
Requisiti del cliente
Mancanza di consapevolezza del consumatore
La percezione negativa da parte dei consumatori di filiere corta (il cibo locale è troppo costoso, il cibo locale non è facilmente disponibile e non c'è tempo per trovarlo, ...)
Mancanza di digitalizzazione e di supporto tecnologico
Costo della digitalizzazione e supporto tecnologico
Potrebbe dettagliare un po' di più le barriere più rilevanti?
Ad esempio riportando alcune regole concrete che sono difficili/costose da soddisfare per gli addetti alla filiera alimentare (a livello UE, nazionale, regionale o locale), oppure citando standard di certificazione concreti che sono difficili/costosi da soddisfare, o riportando altre conflittualità o regole da dover affrontare...
Your answer
Esistono altri ostacoli o difficoltà rilevanti che non sono stati menzionati?
Your answer
Ha qualche idea per risolvere alcune di queste barriere?
Your answer
Quali incentivi e sostegni si possono adottare per la gestione delle scorte nelle filiere alimentari?
Può essere di qualsiasi tipo: legale, infrastrutturale, fiscale, sociale, finanziario, logistico, ...
Your answer
Cosa avrebbero bisogno gli operatori delle filiere corte per promuovere la loro attività?
Può essere ogni tipo di supporto: legale, infrastrutturale, fiscale, sociale, finanziario, logistico, ... (Si prega di ordinarlo per importanza relativa)
Your answer
Commenti
Your answer
Submit
Never submit passwords through Google Forms.
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service