RADICI — Call for Artist nazionale
Tradizioni, folklore e territori
Email address *
LA CALL
Futuro Arcaico — Osservatorio Artistico Digitale, a cura di Folklore Elettrico, lancia la prima Call for Artist nazionale rivolta ad artisti visivi, sonori e multimediali, con l’ambizione di tracciare dei percorsi nuovi e mappare il racconto di tradizioni e folklore che affondano le loro radici nella storia e che, allo stesso tempo, fanno da ponte di connessione tra passato, presente e futuro.

Siamo alla ricerca di progetti che rispondano al tema “radici”, che interpretando visioni personali di autori di tutto il mondo, attraverso i linguaggi della Fotografia, Illustrazione, Video, Suono, Installazione, Mixed Media, contribuiscono alla narrazione e alla mappatura della cultura popolare e magica in Italia, da nord a sud.

Attraverso Radici – Call for Artist saranno selezionati i vincitori i cui lavori, oltre a far parte di Futuro Arcaico – Osservatorio Artistico Digitale con una sezione specifica destinata alla presentazione del proprio progetto, saranno esposti all’interno di un festival che si terrà nella primavera del 2021 e che prevederà un percorso di esposizione collettiva diffusa nella città di Bari e altre sedi che verranno definite in seguito.

La partecipazione è totalmente gratuita e darà la possibilità ai vincitori di partecipare al festival Futuro Arcaico (evento previsto per la primavera 2021 nella città di Bari); partecipare a una mostra sul territorio nazionale (in collaborazione con il circuito dei partners); partecipare a una mostra in Albania nel corso dello stesso anno (in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Tirana, auspicabilmente in base ai nuovi scenari); prendere parte con la propria opera a una pubblicazione cartacea con tutte le opere finaliste.

___

La partecipazione è gratuita.
Ogni artista può partecipare con più progetti, anche appartenenti alle diverse discipline.


DEADLINE
15 marzo 2021 (entro le ore 00:00)

MEDIA
• Fotografia
• Illustrazione
• Video
• Suono
• Installazione
• Mixed Media

SELEZIONE
La selezione degli artisti finalisti avverrà attraverso la documentazione ricevuta e sarà a cura di una giuria composta da esperti delle diverse discipline:

• Edoardo Winspeare, Video
• Maria Teresa Salvati, Fotografia
• Toni Cutrone, Suono
• Gomez, Illustrazione
• Pamela Diamante, Installazione
• DEM, Mixed Media

Le candidature saranno valutate in base ai seguenti criteri:
• Coerenza con le tematiche indicate
• Innovatività
• Esecuzione

ESCLUSIONE
I progetti saranno automaticamente esclusi se:
• Non vengono inviati entro la deadline.
• Non sono coerenti con il tema Radici.

___

Ideazione e Direzione Artistica
Folklore Elettrico (Marco Malasomma — Jime Ghirlandi)

Curatela
Maria Teresa Salvati

IL TEMA
“Il rito festivo e il tempo della celebrazione festiva, in quanto tempo alto e solenne, diventa un’interruzione del tempo della vita quotidiana, e in esso è insito lo splendore dell’eterno”.
(Byung-Chul Han)

Tramandare, passare di generazione in generazione il sapere popolare, il folklore, la ricchezza e l’humus culturale e identitario di una comunità. Questo patrimonio è ricco e attivo più che mai. Ma forse non ne sappiamo abbastanza.

La società contemporanea, vissuta attraverso la lente della tecnologia, e di realtà e intelligenza artificiali, ha permesso una sorta di copertura di un substrato di realtà che apparentemente appartiene al passato; e sembra prendere distanze nette, nella forma e nella sostanza, rispetto alle tradizioni e i riti religiosi e magici. Nonostante questo però, la scoperta di tali rituali, sembra florida, e forse anche poco conosciuta.

Ma che ruolo hanno oggi le tradizioni che continuano ad essere sentite e vissute nella società contemporanea? Perché sentiamo ancora il bisogno di attingere alle nostre radici, siano esse viste nella loro dimensione festiva e rituale del sacro o del profano, e di partecipazione attiva cross-generazionale? Qual è la radice del “sapere popolare” e del substrato arcaico della tradizione?

La nostra call parte da tutte queste domande.

Fino alla fine del diciannovesimo secolo, era comune distinguere tra religione e paganesimo, e tra religione e superstizione. Il concetto di paganesimo era associato alle religioni non Cristiane, inclusi i rituali pubblici; mentre il concetto di superstizione o di magia, era riservato alla descrizione di inter-relazioni invisibili nel mondo, di cui né la scienza, né le religioni ufficiali, o il senso comune, potevano dare risposte.

Il filosofo Paolo Rossi racconta del “sapere popolare” usando queste parole bellissime: “Mentre la scienza tende a spiegazioni sempre "parziali", i sistemi mitici tendono a raggiungere, con i mezzi i più scarsi possibile, una comprensione "totale" dell'universo. [...] Il mito non riesce a dare all'uomo, un maggior potere materiale sull'ambiente, gli dà invece l'illusione di comprendere l'universo. Ma si tratta di un'illusione oltremodo ‘importante.”

Molta della letteratura e della documentazione in materia di magia e rituali, è spesso associata al Sud (italiano e del mondo). L’attenzione data agli antenati e agli spiriti ancestrali, che si trova più facilmente nelle società e nelle culture che hanno mantenuto un pensiero primitivo (come opposto a quello occidentale), ha a che fare con il concetto della continuità della vita stessa, e della sua fine. Ma non solo.

“Per capire la motivazione della diffusione di riti e magie soprattutto nel Meridione, bisogna andare a scavare nella “precarietà dei beni elementari della vita, nell’incertezza delle prospettive circa il futuro, nella pressione esercitata sugli individui da parte di forze naturali e sociali non controllabili, nella carenza di forme di assistenza sociale, nell’asprezza della fatica nel quadro di una economia agricola arretrata, nell'angustia memoria di comportamenti razionali efficaci con cui fronteggiare realisticamente i momenti critici dell’esistenza”.
(Ernesto De Martino, Sud e Magia)

Oltre alla natura esistenziale però, la ritualità e la magia, possono anche essere spiegate secondo il pensiero di Lucien Lévy-Bruhl: “la magia sarebbe una forma di pensiero primitivo e pre-logico, basata sulla «legge di partecipazione», che differisce dalla mentalità moderna dell'uomo occidentale, le cui rappresentazioni sono invece dominate dal principio dell'identità personale, rigorosamente distinta dalle altre individualità e dal mondo fisico. Il pensiero magico dei primitivi, al contrario, sarebbe caratterizzato da una costante partecipazione collettiva con l'universo, stabilendo legami di affinità tra i fenomeni, o di equivalenza tra un simbolo e l'oggetto a cui si riferisce.”

In un momento storico in cui si assiste irrimediabilmente alla perdita di molte certezze, al prevalere del pensiero individualista, alla crisi dei valori umani, alla difficoltà di comprendere l’importanza della connessione col sé, con l’universo e la natura, potrebbero la ritualità e la magia, essere una pratica poetica che consente di connettersi alle radici e all’origine del tutto?

E se quindi continuare a tramandare, documentare e interpretare le nostre radici fosse l’ultimo baluardo di salvaguardia della bellezza?
Potrebbe questa bellezza legata al sentire, all’importanza dell’essenza spirituale, permetterci di ridisegnare un mondo più connesso e consapevole delle energie che muovono l’universo, e quindi tracciare la strada per “salvarci” dalla devastazione dell’egoismo della contemporaneità?

Consapevoli dell’ambizione utopica della nostra teoria, siamo alla ricerca di progetti che rispondano al tema “radici” che, interpretando visioni personali di autori di tutto il mondo, attraverso i linguaggi della Fotografia, Illustrazione, Video, Suono, Installazione, Mixed Media, contribuiscono alla narrazione e alla mappatura della cultura popolare e magica in Italia, da nord a sud.
Note per l'invio della candidatura
FOTOGRAFIA / ILLUSTRAZIONE
• Sez. Fotografia, 10 immagini
• Sez. Illustrazione, max 10 tavole
• Invia le immagini unicamente con un link di condivisione (WeTransfer/Dropbox)
• Ogni foto deve essere in alta risoluzione e nominata ‘titolo_autore’

VIDEO / SUONO
• Invia solo il link dell’opera online (caricata su YouTube/Vimeo/Bandcamp – modalità Pubblico – se privato indica la pw)
• Invia anche alcune immagini rappresentative del progetto, unicamente con un link di condivisione WeTransfer/Dropbox (immagini in alta risoluzione, ogni foto deve essere nominata ‘titolo_autore’)

INSTALLAZIONE / MIXED MEDIA
• Invia le immagini unicamente con un link di condivisione (WeTransfer/Dropbox)
• Ogni foto deve essere in alta risoluzione e nominata ‘titolo_autore’
• Se hai video o audio invia il link YouTube/Vimeo/Bandcamp – modalità Pubblico (se privato indica la pw)
Media *
ARTISTA
Nome *
Autore *
Città *
Telefono *
Bio (almeno 600 battute, spazi compresi) *
Link utili (sito, portfolio, social)
OPERA
Presenta la tua opera
Titolo *
Anno di realizzazione *
Area di interesse dell'opera *
Descizione dell'opera (almeno 600 battute, spazi compresi) *
INVIO
FOTOGRAFIA / ILLUSTRAZIONE
• Invia le immagini unicamente con un link WeTransfer
• Ogni foto deve essere in alta risoluzione e nominata 'titolo_autore'

VIDEO / SUONO
• Invia solo il link dell'opera online (caricata su YouTube/Vimeo/Bandcamp - modalità Pubblico - se privato indica la pw)
• Invia anche alcune immagini rappresentative del progetto, unicamente con un link WeTransfer (immagini in alta risoluzione, ogni foto deve essere nominata 'titolo_autore')

INSTALLAZIONE / MIXED MEDIA
• Invia le immagini unicamente con un link WeTransfer
• Ogni foto deve essere in alta risoluzione e nominata 'titolo_autore'
• Se hai video o audio invia il link YouTube/Vimeo/Bandcamp - modalità Pubblico - se privato indica la pw
Opera - Link WeTransfer
Link dell'opera online
Note aggiuntive
TERMINI E CONDIZIONI
• La call è gratuita.
• Ogni artista può partecipare con più progetti, anche appartenenti alle diverse discipline (ricompilare il modulo)
• Il termine delle candidature è il 15 marzo 2021 (entro le 00:00).
• La comunicazione dell’esito avverrà entro il 15 aprile 2021, tramite e-mail.

Partecipando, gli autori accettano implicitamente le regole della Call for Artist.
I candidati sono gli esclusivi titolari dei diritti di proprietà delle opere e garantiscono la loro originalità.
I partecipanti, pur restando legittimi proprietari di tutti i diritti relativi alle opere inviate, riconoscono a Folklore Elettrico S.r.l.s, la facoltà e il diritto di utilizzare le opere per iniziative di promozione e comunicazione, di presentazione delle opere stesse, nei materiali pubblicitari, anche online, nonché il diritto di esporle e di pubblicarle, anche sotto forma di manifesto o locandina, con la citazione dell’autore.
Ultimo step
Grazie per averci inviato la tua proposta!

Per qualsiasi dubbio o informazione scrivi a info@folkloreelettrico.com
Submit
Never submit passwords through Google Forms.
reCAPTCHA
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service - Privacy Policy