Alla ricerca dei dati / Looking for Data
>> COSA: incontro transdisciplinare/tavola rotonda tra arte e scienza per riflettere sui cambiamenti climatici in atto, nell’ambito di HER: She Loves S. Lorenzo, primo festival di quartiere dedicato ai dati
>> DOVE: RUFA Space - Rome University of Fine Arts, Via degli Ausoni 7
>> QUANDO: ore 17.30 - 19.30

La tavola rotonda costituisce l'avvio della tappa romana del progetto triennale "art*science - Art & Climate Change", ideato da Pier Luigi Capucci e Roberta Buiani con Noema e iniziato da una conferenza a Cervia al Museo del Sale, nell'estate 2018. Gli invitati discuteranno sul clima nell’ambito di una ricerca rivolta alla creazione di strumenti per contrastare e adattarsi ai cambiamenti climatici inevitabilmente in atto, che vedrà il coinvolgimento del pubblico. Gli argomenti sul tavolo spaziano dalla scienza, alla comunicazione, all'arte al crescente ruolo dei dati nella società. La capacità di visualizzare i dati, ad oggi possibile grazie ad un vasto insieme di linguaggi riferibili alla data visualization e all'infoestetica, costituirà l’ambiente pulsante della discussione. Sono i dati a delineare il paesaggio contemporaneo e, dalla dimensione aerea dell'atmosfera a quella effimera dei numeri, hanno il potere di arrivare al territorio e ai suoi abitanti. Il cammino di un progetto triennale trova nel Festival di quartiere HER: she Loves San Lorenzo il punto di partenza ideale per coinvolgere da subito un pubblico vasto e trasversale, unendo ai linguaggi della scienza quelli dell'arte, della comunicazione e del design.

Nel corso della tavola rotonda verrà presentata e discussa in anteprima l'opera "Antitesi" a cura di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, progetto artistico che mette in relazione natura, tecnologia, blockchain e cambiamento climatico, realizzato in collaborazione con INSOR; intervento poetico ispirato all'opera a cura di Giorgio Cipolletta, artista, perfomer e poeta italiano, studioso di estetica dei nuovi media.

>>> Iscrizioni: la conferenza è aperta e gratuita. Saranno assicurati i posti a sedere ai primi 60 iscritti.

* "Alla ricerca dei dati / Looking for Data" è l'evento conclusivo di HER: she Loves San Lorenzo, il primo festival di quartiere dedicato all'arte, ai dati e all'intelligenza artificiale a Roma.

Maggiori informazioni e programma completo del festival:
https://www.he-r.it/her-she-loves-san-lorenzo-winter-2018/

** Questo incontro è parte del più ampio progetto “art*science - Art & Climate Change”, con il patrocinio di Noema e del Festival della Complessità, e con la media partnership di Arshake.

Maggiori informazioni:
https://artscience.online/

---------------------------
IL PROGRAMMA
---------------------------

Modera:
- Elena Giulia Rossi, ricercatrice e direttrice editoriale Arshake

Intervengono
- Pier Luigi Capucci, docente e fondatore di Noema
- Alessandro Barghini, Ecologo Vice Presidente INSOR
- Carlo Buontempo, ECMWF, Copernicus Climate Change Service, Reading, UK
- Valerio Eletti, giornalista, fisico e direttore del Festival della Complessità, Presidente del Complexity Education Project

-----------------------------------------------------
I RELATORI (in ordine alfabetico)
-----------------------------------------------------
Alessandro Barghini - Discepolo del Prof. Corrado Barberis, ha collaborato con l´Insor fin dalla sua fondazione, e ha editato un numero speciale dedicato all´Africa al Sud del Sahara della rivista Società Rurale. In occasione del cinquantenario dell´Insor, ha scritto un saggio sull´influenza della crisi energetica nella strutturazione della società rurale. Dal 1967 si è trasferito all´estero ed ha esercitato la professione di consulente nell´area della pianificazione energetica in differenti paesi: Canada, Brasile, Ecuador, Peru, Bolivia Chile, Venezuela, per grandi imprese come Shell, Fiat, Eletrobras, Inecel, Bolivian Power Company, e organizzazioni internazionali: World Bank, Bird, Rockfeller Foundation, International Energy Initiatives. Ha collaborato e collabora a diversi corsi di master banditi dall´I.E.E Instituto di Eletrotécnica e Energia, e del MAE Museu de Arqueologia e Etnologia dell´Università di San Paulo del Brasile. Sempre per l’I.E.E ha coordinato nel 2006 il primo corso di master a distanza dell´Università di San Paulo. E’ attualmente vicepresidente di Insor.

Carlo Buontempo ECMWF, Copernicus Climate Change Service, Reading. Fisico di formazione ha iniziato a occuparsi di clima, dei suoi cambiamenti e del modo in cui la nostra società ci dovrà adattare dai primi anni 2000. All'Hadley Centre del Met Office britannico, dove ha prima diretto il gruppo di adattamento ai cambiamenti climatici, e poi quello dei servizi climatici. Ha coltivato un interesse particolare per la divulgazione e per l'interfaccia tra scienza e arte. Questo lo ha portato a sviluppare progetti come climate bubbles https://www.mitpressjournals.org/doi/abs/10.1162/LEON_a_00097 o "the bell house" https://www.youtube.com/watch?v=MOTBg2mQ8H4 quest'ultimo sviluppato all'interno del progetto europeo Euporias, da lui diretto. Attualmente, è responsabile dell'implementazione di una parte del programma europeo Copernicus Climate Change Service. In questo ruolo coordina le attività di un centinaio di scienziati di diversi centri meteo-climatici europei al fine di migliorare l'interfaccia tra scienze climatiche e ‘decision making’ nell’ambito di settori che spaziano dall’energia alla pianificazione urbana..

Pier Luigi Capucci si occupa di new media e relazioni tra arti, scienze e tecnologie. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Urbino e all’Università di Udine. Ha pubblicato i libri “Realtà del virtuale. Rappresentazioni tecnologiche, comunicazione, arte”, “Il corpo tecnologico. L’influenza delle tecnologie sul corpo e sulle sue facoltà”, “Arte e tecnologie. Comunicazione estetica e tecnoscienze”, e co-curato i libri “art*science. The New and History” e “Arte e complessità”. Nel 1994 ha fondato NetMagazine/MagNet, primo magazine online in Italia e nel 2000 Noema (https://noemalab.eu), online journal sulle relazioni tra tecnologie, scienza, cultura e società, selezionato nel 2003 da RAI International come miglior sito italiano. Ha fatto parte dell’International Advisory Board in varie edizioni di Ars Electronica. Nel 2017 ha fondato art*science (https://artscience.online), serie di conferenze ed eventi su alcuni snodi fondamentali della contemporaneità, che nel 2018 ha avviato un progetto di ricerca triennale sulle relazioni tra arte e cambiamenti climatici.

Giorgio Cipolletta è un artista e perfomer italiano, studioso di estetica dei nuovi media. Dopo una laurea in Editoria e comunicazione multimediale, nel 2012 ha conseguito un dottorato di ricerca in Teoria dell’Informazione e della Comunicazione. Nel 2011 è stato visiting student presso lo ZKM | Centro per l'arte e le tecnologie dei media di Karlsruhe. Attualmente è professore a contratto per il corso di Fotografia e tecnologie visuali presso l'Università di Macerata. La sua prima pubblicazione è una raccolta di poesie “L’ombra che resta dietro di noi”, per la quale l’autore ha ricevuto diversi riconoscimenti in Italia. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo saggio Passages metrocorporei. Il corpo-dispositivo per un’estetica della transizione, eum, Macerata. Inoltre è vicepresidente dell'associazione Cr.A.Sh. (Creative Art Shocking) e collabora con diverse testate editoriali italiane e straniere.

Valerio Eletti è fisico, giornalista e docente; si occupa da diversi decenni di complessità; nel 2006 ha fondato all’Università Sapienza di Roma il Complexity Education Project, che si è sviluppato fino all’assetto odierno, presso l’Università di Perugia. Fa parte del comitato organizzativo del Festival della Complessità e coordina la collana I Quaderni della complessità edita da Guaraldi.

Oriana Persico e Salvatore Iaconesi - Ingegnere robotico, hacker, TeD e Eisenhower Fellow lui, esperta di comunicazione e inclusione digitale e cyber-ecologista lei, Salvatore Iaconesi e Oriana Persico osservano la mutazione delle società con l’avvento delle reti e delle tecnologie ubique. Tra poetica e politica, corpi e architetture, squat e modelli di business rivoluzionari, la coppia promuove una visione del mondo in cui l’arte è il collante tra scienze, politica ed economia. Sono autori di performance globali, pubblicazioni e opere esposte in tutto il mondo. Insegnano Near Future e Design presso diverse facoltà, fra cui l’ISIA di Firenze e l’Università La Sapienza di Roma, e sono fondatori di HER - Human Ecosystems Relazioni, centro di ricerca che usa l’arte e il design per creare processi di accelerazione culturale attraverso i dati, quale confine esistenziale dell’essere umano nelle società contemporanee

Elena Giulia Rossi vive e lavora a Roma. Attraverso una serie di attività legate alla ricerca, si è interessata, dalla fine degli anni Novanta all’incontro tra arte, scienza e tecnologia. L’analisi di nuove forme di produzione sperimentale e multidisciplinare si è spesso trovata a coincidere con quella delle numerose sfaccettature socio-antropologiche della cultura attuale. Ha partecipato a diversi convegni e seminari in Italia e all’estero. Parte della sua ricerca sono anche i progetti curati al Museo MAXXI di Roma, con cui ha collaborato dal 2003 al 2012: NetSpace (2005-2008) e NetinSpace (2010). Attualmente è direttrice editoriale del progetto online Arshake. Reiventing Technology (www.arshake.com) che ha fondato nel 2013. Scrive saltuariamente per cataloghi, riviste e testate di informazione. Dal 2013 insegna, come docente esterno, net art e Teoria delle Arti Multimediali presso l’Accademia di Belle Arti di Roma.

-----------------------
I PROMOTORI
-----------------------

HER - Human Ecosystems Relazioni è un centro di ricerca privato che concepisce i dati come artefatti culturali. HER trasforma città, edifici, territori, organizzazioni e comunità in generatori di big data, per dare vita a “data commons” (beni comuni digitali), coinvolgendo le persone nella loro governance per innescare processi di accelerazione culturale. HER usa l’arte, il design, la formazione, l’infoestetica a la data visualization per portare i dati nello spazio pubblico, assicurandone la piena ed effettiva accessibilità e fruibilità alle person.
http://www.he-r.it/

art*science è una serie di eventi, conferenze, mostre, workshop e pubblicazioni sulle relazioni tra forme espressive, discipline scientifiche e tecnologie. Arte, scienza e tecnologia come modalità per raccontare il presente e immaginare il futuro, come prospettiva per riflettere sulla contemporaneità e stimolo per immaginare il futuro. La prima edizione, nel 2017, è nata per celebrare i 50 anni della rivista Leonardo, pubblicata da MIT Press, la più autorevole in campo internazionale sulle relazioni tra arte e scienza.
https://artscience.online

Noema è un journal online (ISSN 2283-3145) sulle relazioni tra cultura, scienze e tecnologie rivolto a un target internazionale. È online dal 2000 e nel 2003 è stato selezionato da RAI International come miglior sito italiano. Ha dato origine a numerosi progetti, tra cui art*science, sugli argomenti di cui si occupa.
https://noemalab.eu

INSOR - Istituto Nazionale di Sociologia Rurale è stato fondato nel 1959 da Giuseppe Medici e da altre illustri personalità della scienza economica-agraria come Corrado Barberis che ne è stato presidente fino al 2013, mantenendo ancora oggi il ruolo di presidente onorario. L’INSOR svolge un ruolo di primaria importanza negli studi socio-economici dell’agricoltura e nel settore rurale. I contributi dell’INSOR al mondo della scienza e della ricerca sono: 1) Formazione, analisi e ricerche sui censimenti dell’agricoltura in collaborazione con l’ISTAT (Istituto nazionale di Statistica); 2) a partire dal 1976 l’Istituto è impegnato nella battaglia per la salvaguardia e per la promozione delle produzioni tipiche italiane; 3) Ha individuato l’importanza economica del fattore umano all’interno delle aziende agricole e a proposto una definizione di ruralità.
L’Istituto ospita al suo interno la Biblioteca “Giuseppe Medici”, recentemente entrata a far parte del Polo SBN degli Istituti Culturali di Roma, che provvede alla conservazione, gestione, catalogazione e valorizzazione del patrimonio librario dell'Istituto Nazionale di Sociologia Rurale. Il fondo, composto da oltre 3.000 volumi, raccoglie opere di politica agraria, di storia e di inchiesta, di alimentazione e territorio, con particolare attenzione all'ambito sociologico del mondo rurale. Attualmente il Presidente è il Prof. Lucio Fumagalli, i Vicepresidenti sono il Prof. Antonio Parisella, il Dott. Alessandro Barghini e il Dott. Enzo Pierangioli. Il Segretario Generale è la Dott.ssa Alessandra de Seneen.
http://www.insor.eu/

Arshake è una piattaforma internazionale che si occupa di cultura attraverso l’occhio della creatività nel suo intrecciarsi con tecnologia e scienza.
www.arshake.com

Il Festival della Complessità è una serie di eventi dedicati alla complessità e al pensiero sistemico nel dibattito culturale e scientifico in Italia, nella convinzione che i concetti di complessità e di sistema stiano aprendo la strada a nuove concezioni della vita e della realtà.
http://www.dedalo97festivaldellacomplessita.it


Nome e Cognome *
Your answer
Indirizzo Email *
Your answer
Ruolo *
Submit
Never submit passwords through Google Forms.
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service