Indagine sulle buone pratiche di Audience Development nei Musei
Varie possono essere le posizioni e le azioni attraverso le quali un museo può ripensare se stesso in relazione al significato attuale del proprio patrimonio e al proprio ruolo territoriale/sociale. L’approccio degli strumenti di Audience Development AD posso essere estremamente utili a questo processo.
L’AD infatti è definito come “sviluppo del pubblico”, da noi però inteso come l’insieme di tutte quelle attività e pratiche rivolte a conoscere ed entrare in relazione, e perciò ad incrementare, diversificare, coinvolgere, rappresentare pubblici e non pubblici dei musei e dei luoghi della cultura (vedi Manifesto ANMS). Si tratta di un percorso complesso e in continua evoluzione, che denota un cambio di prospettiva dell’intera struttura nella relazione con pubblici e il proprio territorio. Anche singole azioni, pur minime e con modesto incremento di visitatori, si rivelano efficaci ed utili a mettere in relazione, in ascolto, i Musei con il territorio.
Per questo motivo, come Gruppo ANMS – MeAD, dedicato a questo tema, pensiamo sia importante e costruttivo iniziare a definire attraverso questo form un condiviso e dinamico significato di Audience Development, scambiando principi, riflessioni, azioni ed esperienze da ognuno di noi sperimentate nella propria struttura, rilevandone opportunità e criticità.

Per questo ti ringraziamo per il tempo che dedicherai a questa indagine.
Sign in to Google to save your progress. Learn more
Next
Clear form
Never submit passwords through Google Forms.
This form was created inside of Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Report Abuse