QUESTIONARIO SULLA FORZA DELLA PROPRIA MOTIVAZIONE A STUDIARE

Versione per adulti (Riflessione su quando erano studenti)

ISTRUZIONI:

Troverà qui di seguito una lista di affermazioni sul tema della motivazione (Versione 9.080913). In particolare, questa ricerca le chiederà di riflettere sulla sua esperienza scolastica di quando lei era studente o studentessa. Alla fine del questionario potrà inserire il suo feedback per aggiungere precisazioni di cui terrò conto.

La maggior parte delle domande riguarderanno il proprio impegno verso lo studio e la scuola. Altre domande (circa una decina) le chiederanno di esprimere il suo accordo su alcune affermazioni generali sulla motivazione. Segni la risposta scegliendo una delle quattro opzioni.

Usi la seguente scala di valutazione numerica di 0, 1, 2, 3. In particolare usi:

0 = No, o Per niente
1 = Un po’
2 = Abbastanza
3 = Molto

Le domande, è vero, sono tante, ma ognuna di loro ha un motivo o una ipotesi di ricerca sottostante. Cerchi di rispondere a tutte. Tenga presente che il presente questionario è composto di affermazioni raccolte in vari modi: lettura di libri, discussioni e conferenze. Esse sono qui riportate come stimolo per capire meglio i fattori che incidono sulla forza della propria motivazione. Alcune domande sono simili (ma non uguali): servono per valutare alcune caratteristiche di coerenza nelle risposte. Per la stessa ragione alcune frasi sono poste sia al positivo sia al negativo.

Dopo averlo compilato può inviarmelo, per posta elettronica all'indirizzo info@mariopolito.it. Per ulteriori informazioni può scrivermi: Mario Polito, Psicologo, sito www.mariopolito.it

Le chiedo alcuni dati personali che servono per la ricerca e mi impegno a proteggere totalmente la sua privacy.

Le chiedo infine di essere consapevole che lo scopo di questa ricerca è di contribuire alla conoscenza scientifica. Perciò le chiedo di rispondore con accuratezza in modo che ogni sua risposta al questionario sia meditata, ponderata e attendibile. Quindi valida dal punto di vista scientifico.

Grazie per la collaborazione.

Alla fine, prema il tasto 'Invia', in fondo al Questionario, per consentire la raccolta del documento telematico.

Se vuole, può anche lasciare una sua impressione, un feedback, che saranno accolti e tenuti in considerazione.

    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    This is a required question
    001. Studiavo bene: con cura, metodo e precisione.
    002. Sentivo che potevo colmare le lacune nella mia preparazione.
    003. Mi impegnavo a studiare meglio e di più un argomento, quando dovevo colmare le mie lacune o difficoltà.
    004. Mi consideravo una persona poco intelligente o scarsamente dotata.
    005. Ho sperimentato che con l'impegno ero in grado di migliorare i risultati del mio studio.
    006. Studiavo per far contenti i miei docenti (o per ricevere le loro lodi e apprezzamenti).
    007. Studiavo per capire come funzionava il mondo e la realtà.
    008. Condividevo la teoria che l'intelligenza fosse una qualità (dote) innata e fissa che non si poteva modificare né migliorare.
    009. Eseguivo in modo scrupoloso i compiti assegnati.
    010. Ero soddisfatto della mia efficienza mentale a scuola.
    011. Mi era facile valutare se stavo facendo progressi nello studio.
    012. Sentivo disinteresse verso lo studio.
    013. Studiavo perché avevo bisogno di imparare e capire come funzionava la realtà.
    014. Studiavo per far vedere ai miei docenti che ero più bravo dei miei compagni.
    015. Studiavo perché volevo sentirmi protagonista della mia vita.
    016. In classe ero attento per apprendere bene e per memorizzare subito quello che veniva spiegato.
    017. Ero soddisfatto del mio rendimento scolastico.
    018. Studiavo in modo frettoloso, superficiale o all'ultimo momento.
    019. Se trovavo difficoltà nello studio, mi incoraggiavo e mi sforzavo per insistere a capire quello che devevo imparare.
    020. La maggior parte dei miei docenti è stata capace di trasmettermi l'importanza o il valore di ciò che insegnano.
    021. Studiavo per sentirmi dire che er bravo ed intelligente.
    022. Studiavo per la soddisfazione personale.
    023. Mi riusciva facile controllare i miei impulsi.
    024. Usavo delle buone strategie di metodo di studio.
    025. Le mie abilità di studio (il mio metodo di studiare e le mie tecniche di studio) erano scarse o deboli.
    026. Dedicavo del tempo a considerare o a prevedere le conseguenze delle mie azioni.
    027. Ero capace di essere calmo di fronte a situazioni difficili o frustranti.
    028. Studiavo per non ricevere rimproveri e punizioni.
    029. Studiavo per realizzare i miei talenti.
    030. Se non riuscivo a comprendere certi concetti, insistevo finché riuscivo a capirli bene.
    031. Ero capace di resistere alle distrazioni che mi allontanavano dai miei compiti di studio.
    032. Con lo studio ho sviluppato o migliorato la mia personalità.
    033. Sentivo che con lo studio potevo dare un buon contributo alla società.
    034. Studiavo per affermare la mia identità o personalità.
    035. Studiavo per far colpo (o bella figura) sui miei compagni.
    036. Ero convinto che gli errori che commettevo fossero il segno delle difficoltà di apprendimento che potevo superare.
    037. Mi impegnavo ogni giorno a coltivare e a sviluppare i miei talenti.
    038. Mi sentivo libero di poter scegliere come vivere la mia vita.
    039. Sentivo di poter fare grandi cose con le capacità cognitive che possedevo.
    040. Conoscevo molte strategie per studiare meglio con soddisfazione e buoni risultati
    041. Studiare era diventato per me piacevole.
    042. Studiavo per poi svolgere una professione che mi procurasse solo un grande prestigio sociale.
    043. Il clima di classe era positivo e accogliente.
    044. Ero soddisfatto di come stavo coltivando o realizzando le mie potenzialità.
    045. Sapevo automotivarmi e trovare da solo delle ragioni o motivi per studiare di più e meglio.
    046. La maggior parte dei docenti mi ha aiutato a sviluppare la mia personalità e i miei talenti.
    047. Ho capito l'importanza, il valore e l'utilità di ciò che studiavo.
    048. Studiavoo perché avevo avvertito (percepito) il "gusto" di imparare.
    049. Studiavo per accrescere le mie competenze o la mia intelligenza.
    050. A scuola mi annoiavo.
    051. Continuavo a impegnarmi nello studio, anche si fromte alle difficoltà di apprendimento.
    052. Mi era facile motivarmi e a sviluppare in me la voglia di studiare.
    053. Con lo studio ho coltivato e sviluppato i miei talenti.
    054. Studiavo di più e meglio perché comprendevo il senso, il valore e l'utilità di quello che stavo studiando.
    055. Studiavo per capire meglio me stesso e la mia esperienza.
    056. Studiavo per ricevere qualche un premio concreto e tangibile (tipo denaro, privilegi, moto, auto).
    057. Ero convinto che gli errori che commettevo fossero un segno della mia scarsa intelligenza.
    058. In classe facevo domande per capire meglio quello che veniva spiegato.
    059. Studiavo di più, se potevo scegliere e personalizzare gli argomenti (o contenuti) da apprendere.
    060. Quando studiavo, sentivo che stavo facendo qualcosa di utile o di importante per la mia persona e la mia vita.
    061. Ero capace di controllare bene il mio comportamento e le mie azioni.
    062. Studiavo per sviluppare e realizzare le mie potenzialità e talenti.
    063. Studiavo per poi svolgere solo una professione che mi facesse guadagnare molto.
    064. Studiavo per poi sentirmi utile agli altri.
    065. In classe partecipavo con domande all'approfondimento degli argomenti svolti.
    066. Ero soddisfatto del mio ritmo di apprendimento.
    067. Sapevo pianificare e rispettare i miei tempi di studio.
    068. Ripetevo in modo sistematico per assimilare bene i contenuti studiati.
    069. Sapevo mantenere un buon ritmo di lavoro nello studio, superando momenti di stanchezza e di scoraggiamento.
    070. Studiare era diventato per me spiacevole.
    071. Studiavo per avere stima di me stesso.
    072. Mi era facile impormi un'autodisciplina quando studio.
    073. Ero soddisfatto della mia efficienza mentale nello studio.
    074. Mi impegnavo a migliorare continuamente la mia motivazione a studiare.
    075. Mi sentivo senza voglia di studiare.
    076. Studiavo perché provavo piacere a imparare e a capire come funzionava la realtà.
    077. Studiavo solo per il voto e per la sua esibizione o vanto.
    078. Studiavo perché avevo capito l'importanza e il valore di ciò che studiavo per arricchire la mia vita.
    079. Quando studiavo riuscivo a concentrarmi in modo stabile e costante.
    080. Mi era facile incoraggiarmi di fronte alle difficoltà dello studio.
    081. A scuola mi sentivo ansioso, teso o preoccupato.
    082. Studiavo in modo attivo, creativo e personalizzato.
    083. Studiavo perché ero curioso e mi piaceva esplorare nuove conoscenze o nuove attività.
    084. Studiavo perché vedevo l'utilità di ciò che imparavo a scuola.
    085. Il clima di classe era negativo e ostile.
    086. Avevo fiducia nelle mie capacità cognitive o intelligenza.
    087. Mi riusciva facile concentrarmi per lungo tempo nello studio.
    088. Come studente, mi consideravo una persona intelligente.
    089. Come studente davo valore alla mia esperienza scolastica e di studio.
    090. La maggior parte dei miei docenti mi ha insegnato delle buone strategie di metodo di studio.
    091. Studiavo per sentirmi camace di dare un aiuto (professionale) agli altri.
    092. Condividevo la teoria che l'intelligenza fosse una qualità (dote) non innata e non fissa, ma che si poteva modificare e migliorare.
    093. Mi distraevo facilmente a scuola o quando studiavo.
    094. Riuscivo bene a scuola.
    095. Mi impegnavo a monitorare continuamente il mio modo di studiare per capire se era efficace o meno.
    096. Mi piaceva studiare molto per la soddisfazione interiore di sentirmi bravo e competente.
    097. La maggior parte dei miei docenti insegnava in modo noioso e uniforme.
    098. Studiavo per far contenti i miei genitori (o per ricevere le loro lodi e apprezzamenti).
    099. Studiavo perché vedevo la connessione tra la scuola e la mia vita.
    100. Ero convinto che quello che studiavo a scuola mi sarebbe servito nella vita.
    Please enter one response per row
    This is a required question