QUESTIONARIO PER VALUTARE L'INSEGNANTE EFFICACE
Email address *
1.un bravo insegnante nella presentazione arricchisce le informazioni essenziali con elementi attrattivi per aumentare la motivazione
2.un bravo insegnante ritiene che devono essere gli alunni a decidere l'argomento da trattare in modo che corrisponda ai loro interessi
3.un bravo insegnante ritiene che la didattica deve partire da esperienze concrete e problemi reali
4. un bravo insegnante ritiene più informazioni vengono offerte agli alunni e meglio è
5. un bravo insegnante ritiene che è importante lasciare che l'alunno arrivi spontaneamente alla soluzione del problema
6.un bravo insegnante ritiene che richiamare le conoscenze già acquisite sia un punto fondamentale
7.un bravo insegnante ritiene che ripetere le conoscenze, fare esercizi e ripassi sono operazioni necessarie per apprendere
8. l'insegnante ha avviato una discussione aperta sui problemi maggiori che l'uomo dovrà affrontare nei prossimi anni. L'attenzione si sofferma sull'inquinamento che, secondo alcuni alunni, sarà il problema più grave, mentre altri non sono d'accordo. Dopo 10 minuti l'insegnante interviene: "hanno ragione quelli che hanno detto che il problema più grave è l'inquinamento, tutti ne vediamo gli effetti: passiamo ora a un'altra attività".
9. l'insegnante ha avviato una discussione aperta sui problemi maggiori che l'uomo dovrà affrontare nei prossimi anni. L'attenzione si sofferma sull'inquinamento che, secondo alcuni alunni, sarà il problema più grave, mentre altri non sono d'accordo. Dopo 10 minuti l'insegnante interviene: "facciamo uno schema alla lavagna: qui scriviamo i problemi più gravi che avete indicato e sotto il perché della scelta"
10. l'insegnante ha avviato una discussione aperta sui problemi maggiori che l'uomo dovrà affrontare nei prossimi anni. L'attenzione si sofferma sull'inquinamento che, secondo alcuni alunni, sarà il problema più grave, mentre altri non sono d'accordo. Dopo 10 minuti l'insegnante interviene: "secondo voi, da cosa dipende questa differenza di opinioni?"
11. L'insegnante ha dimostrato, nella lezione precedente, come si calcola la superficie di un trapezio e ha già fatto fare diversi esercizi di calcolo. Adesso vuole portare gli alunni a una comprensione geometrica più profonda. Presenta altri trapezi di varie dimensioni e , fornendo i necessari valori ( basi e altezze), chiede loro di calcolare la superficie.
12. L'insegnante ha dimostrato, nella lezione precedente, come si calcola la superficie di un trapezio e ha già fatto fare diversi esercizi di calcolo. Adesso vuole portare gli alunni a una comprensione geometrica più profonda. Presenta trapezi in posizioni inconsuete, ad esempio disposti in obliquo, chiedendo di indicare come si possa calcolare l'area in tali circostanze.
13. L'insegnante ha dimostrato, nella lezione precedente, come si calcola la superficie di un trapezio e ha già fatto fare diversi esercizi di calcolo. Adesso vuole portare gli alunni a una comprensione geometrica più profonda. Fa eseguire disegni di trapezi con un programma di grafica al computer ( tipo paint)
14. L'insegnante ha trattato negli incontri precedenti il sistema solare attraverso una presentazione descrittiva. Adesso vuole indurre gli alunni a una comprensione più approfondita. Applica un questionario di conoscenza ( v/f o di completamento) per controllare che essi abbiano ben compreso i termini e i concetti ( ad es. "il movimento della Terra intorno al Sole si chiama....?)
15. L'insegnante ha trattato negli incontri precedenti il sistema solare attraverso una presentazione descrittiva. Adesso vuole indurre gli alunni a una comprensione più approfondita.Interviene con domande del tipo: " Che cosa succederebbe se..." ( ad es. " che cosa succederebbe alla Terra se, per qualche strana magia, smettesse di girare intorno al sole e se non ruotasse più su se stessa?" ).
16. L'insegnante ha trattato negli incontri precedenti il sistema solare attraverso una presentazione descrittiva. Adesso vuole indurre gli alunni a una comprensione più approfondita. Assegna una ricerca in internet sul sistema solare.
17. L'insegnante pone alcune domande di controllo sulla comprensione dei concetti coinvolti in una lezione di scienze: " Come si chiama la trasformazione dell'acqua dallo stato liquido allo stato gassoso?". Un alunno risponde . " Condensazione". L'insegnante : " Vediamo...vediamo... ".
18. L'insegnante pone alcune domande di controllo sulla comprensione dei concetti coinvolti in una lezione di scienze: " Come si chiama la trasformazione dell'acqua dallo stato liquido allo stato gassoso?". Un alunno risponde . " Condensazione". L' insegnante : " Hai sbagliato, si chiama evaporazione".
19. L'insegnante pone alcune domande di controllo sulla comprensione dei concetti coinvolti in una lezione di scienze: " Come si chiama la trasformazione dell'acqua dallo stato liquido allo stato gassoso?". Un alunno risponde . " Condensazione". L' insegnante : " uhm...e se ti chiedessi come si chiama il passaggio dallo stato gassoso a quello liquido?"
20. Gli alunni hanno svolto un esercizio intermedio in cui si chiede di inserire le voci mancanti all'interno di una mappa concettuale. Appena finito il lavoro l'insegnante dice loro (rivolgendosi a tutti): "Bene, avete finito tutti. Adesso passiamo a un'altra attività".
21. Gli alunni hanno svolto un esercizio intermedio in cui si chiede di inserire le voci mancanti all'interno di una mappa concettuale. Appena finito il lavoro l'insegnante dice loro ( rivolgendosi a tutti): " Bene, controlliamo subito il lavoro. Cominciamo dalla prima freccia: che verbo avete messo tra questi due nodi?"
22. Gli alunni hanno svolto un esercizio intermedio in cui si chiede di inserire le voci mancanti all'interno di una mappa concettuale. Appena finito il lavoro l'insegnante dice loro ( rivolgendosi solo a Laura, alunna che incontra solitamente difficoltà e che questa volta, invece, se l'è cavata): " Laura sei stata bravissima!".
23. Mario è un alunno che ha particolare difficoltà di apprendimento . L'insegnante ha assegnato a tutta la classe degli esercizi individuali. Dopo qualche istante Mario manifesta, a suo modo, che non riesce a fare il compito assegnato. L'insegnante si colloca con calma accanto a Mario e lo guida passo passo sino alla soluzione dell'esercizio.
24. Mario è un alunno che ha particolare difficoltà di apprendimento . L'insegnante ha assegnato a tutta la classe degli esercizi individuali. Dopo qualche istante Mario manifesta, a suo modo, che non riesce a fare il compito assegnato. L'insegnante, passando tra i banchi, si sofferma accanto a Mario, gli suggerisce la soluzione del primo step: " fai così...prova ora a continuare tu"
25. Mario è un alunno che ha particolare difficoltà di apprendimento . L'insegnante ha assegnato a tutta la classe degli esercizi individuali. Dopo qualche istante Mario manifesta, a suo modo, che non riesce a fare il compito assegnato. L'insegnante per incoraggiare Mario gli dice: "Non preoccuparti, fai del tuo meglio".
26. Marco è un iperattivo, non riesce a stare fermo, si alza di continuo. L'insegnante provvede a : richiamarlo tutte le volte che si alza dal banco, dicendogli: " Marco non muoverti! Devi imparare a controllarti".
27. Marco è un iperattivo, non riesce a stare fermo, si alza di continuo. L'insegnante provvede a : spostarlo in un posto più vicino alla cattedra.
28. Marco è un iperattivo, non riesce a stare fermo, si alza di continuo. L'insegnante provvede a : farlo lavorare in gruppo.
29. Sta finendo il tempo che l'insegnante può dedicare alla lezione. Interviene dicendo: " Siete stati molto attenti e abbiamo finito. Domani affronteremo un altro argomento".
30. Sta finendo il tempo che l'insegnante può dedicare alla lezione. Interviene dicendo: "Che cosa abbiamo imparato oggi? Quali informazioni ricordate?". L'insegnante trascrive alla lavagna i concetti principali accogliendo i suggerimenti degli alunni.
31. Sta finendo il tempo che l'insegnante può dedicare alla lezione. Interviene dicendo: " Bene, oggi abbiamo visto molte cose, ma l'argomento non è ancora finito. Ci sono molte altre questioni interessanti da vedere. Domani continueremo ancora".
32. In un'unità di geografia gli obiettivi del percorso di apprendimento sul sistema solare erano stati così definiti: acquisire una buona conoscenza della meccanica del movimento di rotazione e rivoluzione; conoscere le forza che ne stanno alla base e le loro conseguenze; impiego di capacità logica, astrattiva e deduttiva e capacità di formulare ipotesi. Per verificare se gli obiettivi sono stati conseguiti dai singoli alunni, l'insegnante predispone varie soluzioni. Colloquio con un esperto attraverso un'uscita didattica al planetario.
33. In un'unità di geografia gli obiettivi del percorso di apprendimento sul sistema solare erano stati così definiti: acquisire una buona conoscenza della meccanica del movimento di rotazione e rivoluzione; conoscere le forza che ne stanno alla base e le loro conseguenze; impiego di capacità logica, astrattiva e deduttiva e capacità di formulare ipotesi. Per verificare se gli obiettivi sono stati conseguiti dai singoli alunni, l'insegnante predispone varie soluzioni. Lavoro personale: composizione libera sul sistema solare.
34. In un'unità di geografia gli obiettivi del percorso di apprendimento sul sistema solare erano stati così definiti: acquisire una buona conoscenza della meccanica del movimento di rotazione e rivoluzione; conoscere le forza che ne stanno alla base e le loro conseguenze; impiego di capacità logica, astrattiva e deduttiva e capacità di formulare ipotesi. Per verificare se gli obiettivi sono stati conseguiti dai singoli alunni, l'insegnante predispone varie soluzioni. Questionario con domande di conoscenza e di comprensione/ applicazione ( chiuse o a risposta breve del tipo " Perchè a Trento fa più freddo che a Palermo?", Che cosa succederebbe ai pianeti se non esistesse la forza gravitazionale?"
Submit
reCAPTCHA
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service