Il diritto del terzo settore preso sul serio
Un parere che rischia di far perdere al Paese un’importante occasione. In nome di una discutibile primazia del diritto euro-unitario sul diritto interno. Una visione mercantilistica piegata mestamente al principio di tutela della concorrenza, imposto persino alle forme di collaborazione tra organismi pubblici e privati che perseguono obiettivi simili (se non coincidenti).
La visione che individua l’unico strumento relazionale nel contratto d’appalto, espressa nel parere del Consiglio di Stato (il n. 2052, reso dalla Commissione speciale di Palazzo Spada il 20 agosto 2018) deprime il potenziale di una nuova stagione di coprogettazione, coprogrammazione e affidamento trasparente di servizi di interesse pubblico aperta dall’approvazione dell’art.55 del Codice del Terzo Settore. Seguendo la sola logica della competitività fine a sé stessa, si priva la pubblica amministrazione e con essa la società italiana dell’apporto originale che può essere fornito dagli enti inseriti in un procedimento di collaborazione. E più nello specifico si arretra rispetto alla possibilità di conseguire risparmi di spesa derivanti dall’apporto materiale degli enti medesimi all’implementazione degli interventi, con conseguente lesione di un altro principio di rilevanza euro-unitaria, la tutela degli equilibri di bilancio, recepito negli articoli 81, 97 e 119 della Costituzione.
Appare così chiaro il vizio di fondo: non si è di fronte a una gara fra contendenti, da una parte, e stazione appaltante, dall’altra, bensì all’attivazione di un partenariato collaborativo tra soggetti con obiettivi simili e in cui tutti apportano proprie risorse. Nel rispetto, s’intende, di una o più attività di interesse generale, quindi non lucrative. Emerge così un autonomo e solido fondamento costituzionale degli istituti disciplinati dal Titolo VII del Codice del Terzo settore, distinto da quello del Codice dei contratti pubblici.
Ma questa svista può essere corretta, tutelando gli strumenti collaborativi (artt. 55 e 56) contenuti nel Codice del terzo settore (CTS). L’aggiornamento da parte dell’ANAC delle proprie Linee Guida n. 32/2016 sugli affidamenti agli enti di Terzo settore rappresenta una prima occasione decisiva affinché il diritto del terzo settore sia davvero preso sul serio.

Qui il documento integrale http://bit.ly/2Ibh9Gj
Qui l'elenco dei firmatari http://bit.ly/2IIOnNt

Il Club degli amici dell’articolo 55
Gregorio Arena, Felice Scalvini, Carlo Borzaga, Pasquale Bonasora, Antonio Fici, Fabio Giglioni, Luca Gori, Giangiorgio Macdonald, Gianfranco Marocchi, Silvia Pellizzari, Emanuele Rossi, Elisabetta Salvatorelli, Gianluca Salvatori, Gabriele Sepio, Ettore Vittorio Uccellini.

I promotori
Il club degli Amici dell’articolo 55 del Codice del Terzo Settore nasce nel luglio 2018 per promuovere una riflessione approfondita sugli artt. 55, 56 e 57 del Codice, ritenendo che il Codice nel suo insieme e l’art. 55 in particolare rappresentino la legittimazione anche sul piano legislativo dell’amministrazione condivisa, un modello amministrativo fondato sulla collaborazione fra cittadini e fra cittadini e pubbliche amministrazioni. La mobilitazione di oggi è quindi conseguenza di tale impegno e si fonda sulla preoccupazione che l’effetto dissuasivo del parere del Consiglio di Stato sia tale da vanificare la portata innovativa delle nuove disposizioni legislative.



Per richieste o informazioni scrivi a marika.damaggio@euricse.eu
Email address *
Nome e Cognome *
Your answer
Qualifica *
Your answer
Ente/Organizzazione
Your answer
Per Ente/Organizzazione
Confermo di voler sottoscrivere il documento e consento ai promotori di aggiungere il mio nome all'elenco *
Required
*Euricse, titolare del trattamento dei Suoi dati personali, ai sensi dell'art. 13 del Reg. UE 679/2016 (GDPR), La informa che i dati da Lei forniti saranno trattati unicamente per rispondere alla Sua richiesta e per finalità amministrative e contabili. I dati personali da Lei forniti saranno trattati in modo lecito e secondo correttezza. I Suoi dati non saranno soggetti a comunicazioni e/o diffusioni senza il Suo consenso. In ogni momento potrà esercitare i diritti riconosciuti all'interessato dal già citato Regolamento. Per ottenere l'informativa completa potrà contattarci all'indirizzo mail info@euricse.eu.

A copy of your responses will be emailed to the address you provided.
Submit
Never submit passwords through Google Forms.
reCAPTCHA
This form was created inside of Euricse. Report Abuse - Terms of Service