Mya Lurgo, Out of the Blue. L'Immateriale di Yves Klein incontra l'acentrismo
L’acentrismo incontra l’Immateriale di Yves Klein in modo particolare nei contenuti del Manifesto dell’Hotel Chelsea (New York, 1961) e in testi affini, ripercorrendone e ampliandone i sentieri concernenti la Cosmogonia dei Rosacroce cara all’artista, nonché all’autrice che di fatto, è studente iscritta all’Ordine. La parola a-centr-ismo è un “nome-non-nome” data dall’unione dell’aggettivo acentrico (senza centro) con il suffisso –ismo, stante per classificazione o categorizzazione. L’acentrismo è, in sintesi, via per estraniarsi da tutto ciò che etichetta, definisce, circoscrive e limita il potenziale della vita, inteso quale espansione senza contorno. L’arte acentrica si propone pertanto di ridurre ai minimi termini la componente egocentrica/egoistica/egotista dell’esistenza e il relativo corredo di condizionamenti acquisiti, per poter sviluppare un habitat mentale ed emotivo sempre più neutrale e privo di "ismi" accentratori, al fine di permettere la trasmissione dell’Immateriale nell’arte.

Seconda Edizione, 2017

FREE DOWNLOAD
Lascia i tuoi dati per ricevere il link diretto al download.
Nome Cognome
Your answer
e-mail
Your answer
Next
Never submit passwords through Google Forms.
This content is neither created nor endorsed by Google. Report Abuse - Terms of Service - Additional Terms