Published using Google Docs
CURRICULUM D'ISTITUTO
Updated automatically every 5 minutes

CURRICULUM D’ISTITUTO


LICEO CLASSICO

LICEO SCIENTIFICO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO ECONOMICO SOCIALE


indice

Due licei, due scienziati: una sola cultura        5

INTRODUZIONE        7

CURRICULUM DI ITALIANO        10

CLASSE PRIMA - tutti gli indirizzi        11

CLASSE SECONDA –tutti gli indirizzi        11

CLASSE TERZA-tutti gli indirizzi        12

CLASSE QUARTA-tutti gli indirizzi        13

CLASSE QUINTA - tutti gli indirizzi        14

CURRICULUM DI LATINO        14

CLASSE PRIMA - (scientifico, classico, scienze umane)        14

CLASSE SECONDA – (scientifico, classico, scienze umane)        15

II BIENNIO - INDIRIZZO CLASSICO e SCIENTIFICO        17

CLASSE TERZA -  INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO        17

CLASSE QUARTA - INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO        17

CLASSE QUINTA - INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO        18

II BIENNIO - INDIRIZZO SCIENZE UMANE        19

CLASSE TERZA - INDIRIZZO SCIENZE UMANE        19

CLASSE QUARTA- INDIRIZZO SCIENZE UMANE        19

CLASSE QUINTA- INDIRIZZO SCIENZE UMANE        20

CURRICULUM DI GRECO        21

CLASSE PRIMA – indirizzo classico        21

CLASSE SECONDA – indirizzo classico        22

CLASSE TERZA - indirizzo classico        22

CLASSE QUARTA - indirizzo classico        23

CLASSE QUINTA - indirizzo classico        24

CURRICULUM DI GEOSTORIA        25

CLASSE PRIMA - TUTTI GLI INDIRIZZI        25

CLASSE SECONDA – TUTTI GLI INDIRIZZI        26

CURRICULUM DI LINGUA E CIVILTÀ STRANIERA: INGLESE        27

CLASSE PRIMA INDIRIZZO CLASSICO        28

CLASSE SECONDA INDIRIZZO CLASSICO        29

CLASSE TERZA INDIRIZZO CLASSICO        30

CLASSE QUARTA  INDIRIZZO CLASSICO        31

CLASSE QUINTA INDIRIZZO CLASSICO        33

CLASSE PRIMA - Scientifico, Scienze umane, Les        34

CLASSE SECONDA - Scientifico, Scienze umane, Les        35

CLASSE TERZA- Scientifico, Scienze umane, Les        36

CLASSE QUARTA - Scientifico, Scienze umane, Les        37

CLASSE QUINTA- Scientifico, Scienze umane, Les        39

CURRICULUM DI LINGUA E CIVILTA' STRANIERA: SPAGNOLO        40

CLASSE PRIMA (liceo economico sociale)        40

CLASSE SECONDA - (liceo economico sociale)        41

CLASSE TERZA - (liceo economico sociale)        42

CLASSE QUARTA - (liceo economico sociale)        43

CLASSE QUINTA - (liceo economico sociale)        44

CURRICULUM DI MATEMATICA        46

LICEO SCIENTIFICO        46

CLASSE PRIMA - scientifico        46

CLASSE SECONDA - scientifico        47

CLASSE TERZA - scientifico        48

CLASSE QUARTA - scientifico        49

CLASSE QUINTA - scientifico        50

LICEO CLASSICO        51

CLASSE PRIMA  - classico        51

CLASSE SECONDA   - classico        52

CLASSE TERZA  - classico        53

CLASSE QUARTA  - classico        54

CLASSE QUINTA  - classico        54

INDIRIZZO SCIENZE UMANE E LES        56

CLASSE PRIMA - SCIENZE UMANE e LES        56

CLASSE SECONDA  - SCIENZE UMANE e LES        57

LICEO DELLE SCIENZE UMANE      MATEMATICA TRIENNIO        58

CLASSE TERZA - SCIENZE UMANE        58

CLASSE QUARTA - SCIENZE UMANE        58

CLASSE QUINTA -  - SCIENZE UMANE        59

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ECONOMICO SOCIALE (LES)    MATEMATICA    TRIENNIO        60

CLASSE TERZA - LES        60

CLASSE QUARTA - LES        60

CLASSE QUINTA - LES        61

CURRICULUM DI FISICA        63

LICEO SCIENTIFICO        63

CLASSE PRIMA - scientifico        63

CLASSE SECONDA  - scientifico        64

CLASSE TERZA - scientifico        65

CLASSE QUARTA - scientifico        66

CLASSE QUINTA - scientifico        67

INDIRIZZO CLASSICO        70

CLASSE TERZA - classico        70

CLASSE QUARTA - classico        71

CLASSE QUINTA - classico        73

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E LICEO ECONOMICO SOCIALE        75

CLASSE TERZA - SU e LES        75

CLASSE QUARTA - SU e LES        77

CLASSE QUINTA - SU e LES        78

CURRICULUM DI SCIENZE NATURALI        81

CLASSE PRIMA - TUTTI GLI INDIRIZZI        81

CLASSE SECONDA – TUTTI GLI INDIRIZZI        83

CLASSE TERZA (classico, scientifico, scienze umane)        84

CLASSE QUARTA (classico, scientifico, scienze umane)        85

CLASSE QUINTA (classico, scientifico, scienze umane)        86

CURRICULUM DI STORIA        87

CLASSE TERZA - TUTTI GLI INDIRIZZI        87

CLASSE QUARTA - TUTTI GLI INDIRIZZI        88

CLASSE QUINTA - TUTTI GLI INDIRIZZI        89

CURRICULUM DI FILOSOFIA        90

LICEO SCIENTIFICO E LICEO CLASSICO        90

CLASSE TERZA - scientifico e classico        90

CLASSE QUARTA - scientifico e classico        91

CLASSE QUINTA - scientifico e classico        92

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ED ECONOMICO SOCIALE        92

CLASSE TERZA - SU e LES        93

CLASSE QUARTA - SU e LES        94

CLASSE QUINTA - SU e LES        95

CURRICULUM DI SCIENZE UMANE        97

LICEO DELLE SCIENZE UMANE        97

CLASSE PRIMA - INDIRIZZO SCIENZE UMANE        97

CLASSE SECONDA –  INDIRIZZO SCIENZE UMANE        98

CLASSE TERZA –  INDIRIZZO SCIENZE UMANE        99

CLASSE QUARTA –  INDIRIZZO SCIENZE UMANE        100

CLASSE QUINTA –  INDIRIZZO SCIENZE UMANE        102

LICEO ECONOMICO SOCIALE        105

CLASSE PRIMA - INDIRIZZO LES        105

CLASSE SECONDA – INDIRIZZO LES        107

CLASSE TERZA - INDIRIZZO LES        108

CLASSE QUARTA – INDIRIZZO LES        109

CLASSE QUINTA - INDIRIZZO LES        111

CURRICULUM DI DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA        113

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ED ECONOMICO SOCIALE        113

CLASSE PRIMA  Indirizzo Scienze Umane e LES        116

CLASSE SECONDA  Indirizzo Scienze Umane e LES        117

SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO  Indirizzo Economico Sociale        120

CLASSE TERZA - LES        120

CLASSE QUARTA - LES        122

CLASSE QUINTA - LES        124

CURRICULUM DI DISEGNO E STORIA DELL'ARTE        127

LICEO SCIENTIFICO        127

CLASSE PRIMA - INDIRIZZO SCIENTIFICO        127

CLASSE SECONDA – INDIRIZZO SCIENTIFICO        128

CLASSE TERZA - INDIRIZZO SCIENTIFICO        129

CLASSE QUARTA - INDIRIZZO SCIENTIFICO        130

CLASSE QUINTA - INDIRIZZO SCIENTIFICO        131

CURRICULUM DI STORIA DELL’ARTE        132

CLASSICO - SCIENZE UMANE - ECONOMICO-SOCIALE        132

CLASSE TERZA - classico, SU, LES        133

CLASSE QUARTA - classico, SU, LES        134

CLASSE QUINTA - classico, SU, LES        135

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE        136

CLASSE PRIMA        137

CLASSE SECONDA        137

CLASSE TERZA        139

CLASSE QUARTA        140

CLASSE QUINTA        142

Due licei, due scienziati: una sola cultura

Per una straordinaria coincidenza il caso ha voluto che , seppure a distanza di tempo, i due più importanti, e per lungo tempo i soli, Licei cittadini fossero intitolati a due scienziati, distanti fra di loro cronologicamente ma uniti sicuramente quanto a motivazione e finalità di intenti e legati entrambi al territorio del Tigullio : Federico Delpino, illustre botanico dell’ottocento , e Guglielmo Marconi, fisico e ….

Si è letto in questa particolarità, volutamente mantenuta nella denominazione della nuova entità liceale sorta quest’anno, uno stimolo, un invito a riflettere sul valore,  sul significato e sull’unità della CULTURA in ogni epoca . Queste due figure hanno infatti operato a distanza di più di cento anni con modalità e mezzi indubbiamente molto diversi, ma hanno saputo conservare inalterata a distanza di tanto tempo l’esemplarità del loro lavoro , segnato certamente da quella CURIOSITAS che è dote immancabile in uno scienziato e che la scuola dovrebbe prefiggersi di stimolare e mantenere viva nelle nuove generazioni.  

Traendo esempio dall’operato di queste due figure i docenti dei licei ,dunque, si vedono assegnato il compito più oneroso, ma anche la sfida più bella soprattutto in questo periodo di crisi: riportare la cultura al centro dell’attenzione e consentirne l’esperienza nei giovani che vengono loro affidati, perché essi sappiano scoprire quell’interdisciplinarietà della scienza che è la base del vero SAPERE , non sterile e teorico, ma capace di farsi “VITA” per ognuno di loro. Seguendo dunque le parole che Cicerone ha lasciato “..Quis est tam vecors, qui ea quae tanta mente fiunt, casu putet posse  fieri ?...” ( Chi è così stolto da pensare che le cose che accadono secondo un disegno a tal punto razionale, avvengano per caso?) compito  e intento  primario della scuola resta infatti quello di stimolare il gusto per la scoperta che è fondamento per la crescita di una personalità equilibrata e matura.

Chi era Guglielmo Marconi

“… amo la bellezza della natura, …dove si possono trovare i valori ideali eterni: la verità, il bello e il buono. L'unità armoniosa delle cause e delle leggi rappresenta la Verità, l'unità armoniosa delle linee, colori, suoni e idee costituisce la Bellezza, mentre l'armonia delle emozioni e la volontà costituisce il Bene, che essendo la massima espressione dell'Eterno e Supremo Creatore porta l'uomo a compimento e ci spinge a cercare la perfezione assoluta.”

 (da una lettera di Guglielmo Marconi a sua moglie Maria Cristina risalente al 17/03/1927)

Guglielmo Marconi nacque a Bologna il 25 aprile 1874. Suo padre Giuseppe Marconi era un proprietario terriero che viveva nelle campagne di Pontecchio,la madre invece era  una giovane irlandese, Annie Jameson, nipote del fondatore della storica distilleria Jameson & Sons in visita in Italia per studiare bel canto. Dal matrimonio nacquero prima Alfonso e poi Guglielmo. Marconi, appena ventenne, cominciò i primi esperimenti lavorando come autodidatta, aiutato dal maggiordomo Mignani. Nell'estate del 1894 costruì,infatti, un segnalatore di temporali costituito da una pila, un coesore (detto anche coherer, un tubetto con limatura di nickel e argento posta fra due tappi d'argento) e un campanello elettrico, che emetteva uno squillo in caso di fulmine. Dopo questi primi esperimenti non abbandonò mai i tentativi che lo portarono ad effettuare la prima trasmissione senza fili sul mare da Ballycastle (Irlanda del nord) all'isola di Rathlin nel 1898, stabilendo un ponte radio tra la residenza estiva della regina Vittoria e lo yacht reale sul quale c'era il principe di Galles, il futuro Edoardo VII. L’inarrestabile ricerca lo portò ad effettuare, in seguito, esperimenti anche  nel golfo del Tigullio; tali tentativi  avevano come postazione a terra una torre, posta sulla penisola di Sestri Levante, che successivamente prese il nome di "Torre Marconi", mentre nelle carte ufficiali della Marina italiana il golfo del Tigullio assunse il nome di "Golfo Marconi". A lui si deve il primo sviluppo di un efficace sistema di comunicazione con telegrafia senza fili via onde radio o radiotelegrafo che ottenne notevole diffusione, la cui evoluzione portò allo sviluppo dei moderni sistemi e metodi di radiocomunicazione, come la radio, la televisione e in generale tutti i sistemi che utilizzano le comunicazioni senza fili, e che gli valse il premio Nobel per la fisica nel 1909.Benchè altri scienziati avessero tentato esperimenti simili negli stessi anni, gli esperimenti di Marconi portarono alle prime applicazioni commerciali su vasta scala di tale tecnologia. Guglielmo Marconi morì a Roma all'età di 63 anni, il 20 luglio 1937, dopo essere stato nominato dottore honoris causa dalle università di Bologna, di Oxford, di Cambridge, e senatore a vita del Regno d’Italia nel 1914.


CURRICOLO VERTICALE

INTRODUZIONE

Il curricolo della scuola rientra nel processo di definizione degli apprendimenti delineati dal corpo docente del Liceo “MARCONI-DELPINO”  ed è il frutto di un lavoro collettivo che ha coinvolto tutti i Dipartimenti disciplinari, dunque tutti i docenti, dell'Istituto.

La stesura del curricolo è avvenuta secondo quanto disposto nelle indicazioni nazionali per i Licei, inserite in un quadro generale che prende il nome di PROFILO EDUCATIVO CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE.

Ogni disciplina concorre infatti alla formazione dello studente mediante il raggiungimento di obiettivi specifici di apprendimento distinti per ogni indirizzo e diversificati in obiettivi per il biennio, per il secondo biennio e in uscita dal quinto anno. Il Profilo educativo culturale e professionale dello studente , oltre a definire tali obiettivi specifici, indica i risultati di apprendimento comuni e peculiari a ciascun percorso di studio.

Il curricolo è inoltre espressione della libertà di insegnamento e dell'autonomia scolastica e al tempo stesso esprime le scelte della comunità professionale docente e l'identità dell'istituto scolastico.

La scuola , per perseguire queste finalità, deve dare fondamentale importanza non solo ai saperi ma ai metodi e alle modalità relazionali, agli strumenti e agli ambienti di apprendimento, alle possibilità di scelta.

Nella costruzione del curricolo verticale , dunque, la prima operazione sarà l'identificazione delle competenze da perseguire, dando spazio a quelle sociali, civiche e metacognitive ( riunite intorno alle competenze chiave “imparare a imparare” e “spirito di iniziativa e imprenditorialità”).

Poichè sarebbe infatti limitante partire dalle discipline, pur riconoscendo la loro indiscussa centralità nei processi di insegnamento/apprendimento, occorrerà avere chiaro il risultato finale dell'apprendimento rappresentato infatti dalle competenze che la normativa vigente chiede di certificare . Le discipline dunque devono essere ripensate in modo da acquistare un senso personale per chi apprende e tradursi in competenze verificabili e spendibili. Ciò può portare anche a una riorganizzazione della struttura tradizionale dei saperi secondo criteri ricavabili dai nuclei fondanti (nell'ottica della disciplina) e dalla significatività per l'apprendimento (nell'ottica dell'allievo) , selezionando gli elementi essenziali e prioritari, nell'ambito di un curricolo concepito in verticale.

Ai docenti spetterà sviluppare l'intero curricolo, garantendo la differenziazione dei percorsi in base ai diversi indirizzi, graduando le competenze da raggiungere e adottando, se necessario, strumenti di flessibilità.

Il curricolo verticale delineato dal Liceo Marconi-Delpino va dunque in questa direzione  e persegue l'acquisizione di competenze trasversali , comuni a più discipline non in quanto astraggono dalle discipline ma perché  attengono a più discipline o a tutte, declinandosi diversamente in ciascuna di esse nelle competenze specifiche o settoriali,.

Le competenze possono infatti essere ricondotte nel loro grado massimo di generalità e sotto questo profilo alle  categorie del :

Nei diversi indirizzi si conseguiranno pertanto gradi diversi delle medesime competenze , specificati entro ciascuna disciplina , a cui è affidato il compito di riconoscere ed indicare le proprie competenze peculiari rispetto a queste linee trasversali individuate.

Programmazione  di Educazione Civica

La  legge 92 /2019 ha introdotto l’insegnamento di Educazione civica  con almeno 33 ore all’anno dedicate ed un voto specifico. La normativa prevede tre macroaree attorno alle quali ruoterà l’intera disciplina: lo studio della Costituzione Italiana, lo sviluppo sostenibile, la cittadinanza digitale. 

Si è resa  pertanto necessaria l’esigenza di introdurre nel PTOF l’indicazione degli obiettivi e delle metodologie necessarie, tenendo sempre presente l’esigenza di curvare la disciplina   con le specificità dei quattro  indirizzi del nostro Liceo  e  di assicurare la  trasversalità coniugandola con le diverse discipline, per garantire inoltre  i processi di interconnessione tra saperi disciplinari ed extradisciplinari.

Il coordinamento di Educazione civica, a livello scolastico, viene affidato ad una commissione specifica composta da docenti che hanno il compito di monitorare scelte e risultati dei percorsi di Ed. civica, attraverso una rendicontazione dei Coordinatori di classe. L’attività ha carattere pluridisciplinare e deve pertanto coinvolgere il numero maggiore possibile di discipline, includendo eventualmente uscite didattiche, mostre, film, spettacoli teatrali, conferenze a tema e momenti di viaggi di istruzione.

Obiettivi

l’approfondimento degli elementi fondamentali del diritto che la regolano;


Metodologie:

Tipologia di verifica (almeno una quadrimestre o trimestre/pentamestre)

La valutazione finale sarà collegiale

Contenuti

Classi prime: cittadinanza digitale e netiquette

Classi seconde: educazione ambientale

Altre proposte specifiche:

1. Problema etico del testamento biologico, eutanasia , donazione organi (religione e filosofia materie più coinvolte)

2. Libertà di pensiero in relazione alla stampa e agli spettacoli teatrali

3. Il rispetto della persona nello sport.   Problema dell'uso di sostanze dopanti

Altre proposte specifiche:

1. Problema etico del testamento biologico, eutanasia , donazione organi (religione e filosofia materie più coinvolte)

2. Libertà di pensiero in relazione alla stampa e agli spettacoli teatrali

3. Il rispetto della persona nello sport.   Problema dell'uso di sostanze dopanti

4. Educazione ambientale approcciata sotto i vari profili: sociologico, antropologico.

Altre proposte specifiche:

1. Problema etico del testamento biologico, eutanasia , donazione organi (religione e filosofia materie più coinvolte)

2. Libertà di pensiero in relazione alla stampa e agli spettacoli teatrali

3. Il rispetto della persona nello sport.   Problema dell'uso di sostanze dopanti

CURRICULUM DI ITALIANO

INTRODUZIONE

Il docente di Lingua e Letteratura italiana concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, risultati di apprendimento che lo mettano in grado di:

  1. utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti (sociali, culturali, scientifici, economici, tecnologici);
  2. riconoscere le linee essenziali della storia delle idee, della cultura, della letteratura, delle arti e orientarsi agevolmente fra testi e autori fondamentali, con riferimento soprattutto a tematiche di tipo scientifico, tecnologico ed economico;
  3. stabilire collegamenti fra le tradizioni culturali locali, nazionali e internazionali, sia in una prospettiva interculturale sia ai fini della mobilità di studio e di lavoro;
  4. riconoscere il valore e le potenzialità dei beni artistici e ambientali, per una loro corretta fruizione e valorizzazione;
  5. utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete.

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - tutti gli indirizzi

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Fonologia, morfologia ed elementi di sintassi

Conoscere la fonologia; la morfologia e la sintassi della frase semplice

Riconoscere e distinguere gli elementi fondamentali di fonologia, morfologia e sintassi nell’ambito di un testo

Il testo narrativo: romanzo e racconto

Conoscere la struttura del testo narrativo (storia, sequenze, fabula e intreccio…)

Conoscere adeguatamente i diversi generi di racconto (avventura, fantasy, horror…) e di romanzo (di formazione, storico…)

Saper fare l’analisi testuale di un testo narrativo, individuandone le caratteristiche principali

Epica antica

Conoscere la caratteristiche principali della poesia epica (concetto di epos, oralità, funzione, evoluzione…)

Approfondire la conoscenza dell’epica classica, attraverso la lettura in lingua italiana dei brani più significativi di Iliade, Odissea, Eneide

Saper individuare e riconoscere nel testo le componenti e le caratteristiche espressive del linguaggio epico

La comunicazione

Conoscere i principi base della comunicazione

Conoscere le tipologie della comunicazione (verbali, non verbale…)

Produrre sia oralmente sia per iscritto in modo coerente e coeso testi differenti (fra cui anche parafrasi e riassunto), a seconda dello scopo e del destinatario, utilizzando correttamente le norme che regolano il funzionamento della lingua

Esprimersi in modo chiaro e appropriato

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO( ICD – 10: F 70)  ANNO

  1. conoscere con chiarezza di riferimenti le strutture dell’analisi grammaticale e logica
  2. conoscere le tecniche indispensabili per l’analisi del testo narrativo (divisione in sequenze,distinzione fabula/intreccio,punto di vista ecc…)
  3. sapersi esprimere a livello sia scritto che orale con chiarezza comunicativa rispettando le regole proprie dell’italiano (ortografia,grammatica,lessico ecc…)
  4. saper riassumere e commentare un brano in prosa
  5. saper parafrasare e commentare un passo di poesia epica
  6. saper svolgere un tema rispettando le consegne della traccia ed elaborando organicamente il contenuto in una forma scorrevole.

CLASSE SECONDA –tutti gli indirizzi

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Sintassi della frase complessa

Conoscere la sintassi della frase complessa (proposizioni principali, coordinazione e subordinazione…)

Saper decodificare e produrre testi sintatticamente complessi

Il testo poetico

Conoscere gli elementi propri del testo poetico (metrica, figure retoriche…)

Conoscere poesie di autori significativi  

Saper fare l’analisi testuale di un testo poetico, riconoscendone gli elementi costitutivi e individuandone le strutture metrico-formali che lo compongono

I Promessi sposi

Conoscere le principali caratteristiche e il significato fondamentale della storia e dei personaggi del romanzo, attraverso la lettura integrale o antologizzata dell’opera

Riconoscere i temi fondamentali e caratterizzanti dell’opera

Rielaborare i contenuti appresi in modo personale e critico

La letteratura italiana delle origini

Conoscere, attraverso la lettura diretta dei testi, la storia letteraria italiana ed europea delle origini (dalla poesia provenzale ai siculo-toscani)

Saper individuare e comprendere gli elementi stilistici e contenutistici di continuità e di innovazione all’interno del percorso letterario

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO  ANNO

  1. conoscere con chiarezza di riferimenti le strutture dell’analisi grammaticale e logica
  2. conoscere gli elementi fondamentali per l’analisi del testo poetico (strutture metriche principali,parafrasi, figure retoriche più ricorrenti,analisi del lessico, prima contestualizzazione del contenuto)
  3. sapersi esprimere a livello sia scritto che orale con chiarezza ed efficacia comunicativa rispettando le regole proprie dell’italiano
  4. saper analizzare,riassumere e commentare un brano in prosa
  5. saper parafrasare e commentare un testo poetico
  6. saper svolgere un tema rispettando le consegne della traccia ed elaborando organica mente il contenuto in una forma scorrevole.

CLASSE TERZA-tutti gli indirizzi

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Dallo Stilnovo al Cinquecento.

Inferno dantesco

Conoscenza, tramite lettura integrale, di almeno due testi del ‘900

Riconoscere e identificare le linee di sviluppo della cultura.

Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali dei testi letterari attraverso l’analisi di opere scelte.

Leggere, comprendere e interpretare testi letterari, padroneggiando il patrimonio lessicale ed espressivo.

Contestualizzare opere letterarie e testi formulando un motivato giudizio critico.

PRODUZIONE SCRITTA

Tipologie testuali previste dall’Esame di Stato

Saper utilizzare la lingua in modo corretto sia a livello di produzione che di ricezione.

Saper produrre testi scritti di diversa tipologia nel rispetto delle specifiche regole di composizione.

Saper individuare le caratteristiche essenziali proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Saper riconoscere nei brani letti le principali caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

  1. Utilizzare i registri comunicativi adeguati in modo semplice
  2. Produrre testi scritti - di diversa tipologia - sufficientemente corretti da un punto di vista grammaticale ed espressi con lessico essenziale e coerente
  3. Analizzare in modo semplice ma corretto un’opera individuandone contenuto, messaggio e caratteristiche stilistiche
  4. Conoscere le linee essenziali dei contenuti dei singoli moduli, saper contestualizzare opere e autori in rapporto al quadro culturale di riferimento

CLASSE QUARTA-tutti gli indirizzi

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Dal Rinascimento al Romanticismo.

Purgatorio dantesco.

Conoscenza, tramite lettura integrale, di almeno due testi del ‘900

Riconoscere e identificare le linee di sviluppo della cultura.

Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali dei testi letterari attraverso l’analisi di opere scelte.

 Leggere, comprendere e interpretare testi letterari, padroneggiando il patrimonio lessicale ed espressivo.

Contestualizzare opere letterarie e testi formulando un motivato giudizio critico.

PRODUZIONE

Tipologie testuali previste dall’Esame di Stato

Saper utilizzare la lingua in modo corretto sia a livello di produzione che di ricezione.

Saper produrre testi scritti di diversa tipologia nel rispetto delle specifiche regole di composizione.

Saper individuare le caratteristiche essenziali proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Saper riconoscere nei brani letti le principali caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

  1. Utilizzare i registri comunicativi in modo adeguato
  2. Produrre testi scritti argomentati con riferimenti a dati e letture di studio, corretti da un punto di vista grammaticale ed espressi con lessico adeguato
  3. Analizzare in modo corretto e chiaro un’opera individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale
  4. Padroneggiare i contenuti, saper contestualizzare opere e autori in rapporto al quadro culturale di riferimento

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

  1. Utilizzare i registri comunicativi con padronanza
  2. Acquisire piena autonomia nella produzione di testi scritti efficaci dal punto di vista della sintesi, articolati in relazione ai diversi contesti comunicativi ed espressi con lessico formale e formalizzato
  3. Saper autonomamente analizzare in modo completo e approfondito un’opera, individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale

CLASSE QUINTA - tutti gli indirizzi

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Dal Romanticismo alla letteratura del ‘900.

Paradiso dantesco.

Conoscenza, tramite lettura integrale, di almeno due testi del ‘900.

Saper collocare gli autori e le opere avvicinate all’interno del contesto storico-culturale di appartenenza.

Saper individuare le caratteristiche proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Saper riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

PRODUZIONE

Tipologie testuali previste dall’Esame di Stato

Saper utilizzare la lingua in modo corretto sia a livello di produzione che di ricezione.

Saper produrre testi scritti di diversa tipologia nel rispetto delle specifiche regole e in modo originale

Saper individuare le caratteristiche proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Saper riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

CURRICULUM DI LATINO 

INTRODUZIONE

Il docente di Lingua e Letteratura latina concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, risultati di apprendimento che lo mettano in grado di:

  1. utilizzare consapevolmente  il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana
  2. approcciarsi ai testi classici cogliendone direttamente il messaggio complessivo
  3. riconoscere le linee essenziali della cultura classica
  4. stabilire collegamenti fra la cultura classica e il mondo contemporaneo
  5. riconoscere il valore del passato come strumento di interpretazione del presente

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - (scientifico, classico, scienze umane)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Fonetica

Conoscere la fonetica le norme di lettura

Saper leggere correttamente applicando le regole studiate

Morfologia

Conoscere la morfologia del nome dell’aggettivo

Conoscere la morfologia dei verbi regolari

Conoscere la morfologia di alcuni pronomi (personali, dimostrativi, determinativi)

Conoscere i principali complementi

Riconoscere nel testo le strutture linguistiche studiate

Saper applicare le regole morfosintattiche studiate

Sintassi

Elementi di sintassi della frase semplice e della frase complessa (coordinazione e semplici subordinate)

Saper tradurre semplici testi

Lessico

Conoscere il lessico di base della lingua

Saper consultare il vocabolario

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

  1. conoscere la morfologia nominale (declinazioni, classi degli aggettivi), pronominale (limitatamente alle tipologie studiate) e verbale (coniugazioni attive e passive, verbo sum, verbi anomali)
  2. conoscere i complementi fondamentali
  3. conoscere le strutture essenziali del periodo latino (subordinate causale e temporale, …)
  4. saper consultare il vocabolario
  5. saper leggere,analizzare e tradurre un brano elementare in lingua rispettando le  strutture morfosintattiche e operando scelte espressive adeguate per una resa corretta in italiano.

CLASSE SECONDA – (scientifico, classico, scienze umane)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Morfologia del nome e del verbo

Conoscere la morfologia del nome (i gradi dell’aggettivo; i pronomi) e del verbo (irregolari e difettivi)

Riconoscere  e applicare le regole morfosintattiche

Sintassi dei casi

Conoscere la sintassi dei casi (solo indirizzo classico)

Riconoscere  e applicare le regole morfosintattiche

Sintassi della frase complessa

Conoscere tutti i principali costrutti subordinanti (ablativo assoluto, perifrastiche, consecutio…)

Comprendere e tradurre testi di media difficoltà

Uso funzionale del vocabolario

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

  1. conoscere la morfologia nominale, pronominale e verbale
  2. conoscere i costrutti della sintassi dei casi (solo indirizzo classico)
  3. conoscere la sintassi del verbo (uso modi, costrutti ecc..)
  4. conoscere i costrutti fondamentali del periodo latino (infinitiva, finale, narrativa,consecutiva  ecc…)
  5. saper consultare il vocabolario
  6. saper leggere, analizzare e tradurre un brano in lingua di media difficoltà rispettando   le strutture morfosintattiche ed operando le scelte espressive più appropriate per una resa efficace in italiano.

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO

  1. Cogliere il messaggio complessivo di testi latini semplici, riconoscendone le principali strutture morfosintattiche
  2. Cogliere aspetti dell’evoluzione della lingua italiana nel suo rapporto con la lingua latina
  3. Cogliere nel testo (anche in traduzione), testimonianze del patrimonio storico e culturale

II BIENNIO - INDIRIZZO CLASSICO e SCIENTIFICO

CLASSE TERZA -  INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Storia della letteratura latina dall’età arcaica all’età cesariana, attraverso gli autori e i generi più significativi, da leggere in lingua originale e in traduzione: il teatro (Plauto e/o Terenzio); la lirica (Catullo); gli altri generi poetici, dall’epos alla poesia didascalia, alla satira, alla trattatistica  

Confrontare linguisticamente il latino con l’italiano e con lingue straniere moderne

Saper         cogliere la specificità della letteratura classica  attraverso l’approccio diretto ai testi ( anche in traduzione)

Riconoscere il valore fondamentale della classicità romana per la tradizione europea
Interpretare e commentare opere in prosa e in versi.

LINGUA

Aspetti fondamentali della sintassi; costrutti  e sintassi del periodo.


Traduzione di testi d’autore di complessità crescente, comunque adeguati alle conoscenze morfosintattiche acquisite.

Saper operare scelte lessicali coerenti con lo spirito del testo originale.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

  1. Saper contestualizzare almeno in modo adeguato nell’ambito storico-culturale di riferimento gli autori e le opere studiate.
  2. Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori attraverso i testi avvicinati.
  3. Saper cogliere il significato di testi di complessità adeguata alle conoscenze linguistiche e culturali acquisite.

CLASSE QUARTA - INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Conoscere la storia della letteratura latina di età cesariana e augustea attraverso gli autori e i generi più significativi da leggere in lingua originale e in traduzione (Cicerone , opere filosofiche e politiche- Virgilio, Orazio)

Conoscere la tipologia dei testi, le principali figure retoriche e strutture metriche.

Conoscere la tipologia dei testi e le loro caratteristiche stilistiche.

Saper contestualizzare gli autori e le opere studiate nell’ambito  storico-culturale di riferimento

Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori.

LINGUA

Incrementare la conoscenza dei principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua

Tradurre in modo adeguato al senso globale del testo nel rispetto dei principali costrutti della lingua.

Aver acquisito una tecnica e un metodo di traduzione adeguati alla comprensione di un testo in modo globalmente corretto e appropriato.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

  1. Analizzare in modo corretto e chiaro un’opera individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale
  2. Padroneggiare i contenuti, saper contestualizzare opere e autori in rapporto al quadro culturale di riferimento

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA - INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO

  1. Utilizzare i registri comunicativi con padronanza
  2. Acquisire piena autonomia nella produzione di testi scritti efficaci dal punto di vista della sintesi, articolati in relazione ai diversi contesti comunicativi ed espressi con lessico formale e formalizzato
  3. Saper autonomamente analizzare in modo completo e approfondito un’opera, individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale

CLASSE QUINTA - INDIRIZZI CLASSICO E SCIENTIFICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Conoscere i caratteri salienti della letteratura latina di età imperiale ( I-IV d.C)

Conoscere la tipologia dei testi, le principali figure retoriche e strutture metriche

Conoscere  passi tratti dalle opere degli autori studiati in lingua e/o tradotti

Collocare gli autori e le opere avvicinate all’interno del contesto storico-culturale di appartenenza.

Riconoscere in modo autonomo  le caratteristiche proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

Orientarsi all’interno del panorama letterario con consapevolezza critica cogliendo persistenze e alterità.

LINGUA

Incrementare e consolidare  la conoscenza dei principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua

Conoscere aspetti fondamentali della lingua latina nel suo sviluppo diacronico

Saper riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

Saper cogliere e rendere opportunamente in traduzione passi di maggiore complessità argomentativa ed  espressiva.

II BIENNIO - INDIRIZZO SCIENZE UMANE

CLASSE TERZA - INDIRIZZO SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA e LINGUA

Storia della letteratura latina dall’età arcaica all’età cesariana, attraverso gli autori e i generi più significativi, da leggere in lingua originale e in traduzione: il teatro ( Plauto e/o Terenzio); la lirica (Catullo); la memorialistica e la storiografia (Cesare e/o Sallustio)

Confrontare linguisticamente il latino con l’italiano e con lingue straniere moderne

Saper         cogliere la specificità della letteratura classica  attraverso l’approccio diretto ai testi ( soprattutto in traduzione)

Riconoscere il valore fondamentale della classicità romana per la tradizione europea

Interpretare e commentare opere con testo  in prosa e in versi.

Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori principalmente attraverso la traduzione con testo a fronte

Cogliere alcuni aspetti fondamentali della sintassi; costrutti  e sintassi del periodo

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

  1. Saper contestualizzare almeno in modo adeguato nell’ambito storico-culturale di riferimento gli autori e le opere studiate.
  2. Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori attraverso i testi avvicinati.
  3. Saper cogliere il significato di testi di complessità adeguata alle conoscenze linguistiche e culturali acquisite.

CLASSE QUARTA- INDIRIZZO SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA e LINGUA

Conoscere la storia della letteratura latina di età cesariana e augustea attraverso gli autori e i generi più significativi da leggere in lingua originale e in traduzione (Lucrezio, Cicerone , Virgilio, Orazio)

Conoscere la tipologia dei testi e le principali figure retoriche

Saper contestualizzare gli autori e le opere studiate nell’ambito  storico-culturale di riferimento

Saper         cogliere la specificità della letteratura classica  attraverso l’approccio diretto ai testi ( con traduzione a fronte)

Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori principalmente attraverso la traduzione con testo a fronte.

Cogliere gli aspetti fondamentali della sintassi e della lingua poetica

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

  1. Analizzare in modo corretto e chiaro un’opera individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche lessicali e significato culturale
  2. Padroneggiare i contenuti, saper contestualizzare opere e autori in rapporto al quadro culturale di riferimento

QUINTO ANNO- INDIRIZZO SCIENZE UMANE

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA - LICEO DELLE SCIENZE UMANE

  1. Analizzare ed interpretare testi letterari di autori oggetto di studio, utilizzando in modo adeguato metodologia e strumenti per coglierne la tipologia, il genere di riferimento, l’intenzione comunicativa ed i valori culturali;  
  2. padroneggiare le principali strutture morfosintattiche ed il lessico della lingua italiana, avendo consapevolezza delle loro radici latine;
  3. decodificare il messaggio di un testo in latino ed italiano;  
  4. acquisire consapevolezza dei tratti più significativi della civiltà romana attraverso i testi;
  5. cogliere analogie e differenze tra la realtà del passato e quella del presente, riconoscendo nella cultura del presente la persistenza/evoluzione di tematiche rispetto al passato.

CLASSE QUINTA- INDIRIZZO SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA e LINGUA

Conoscere i caratteri salienti della letteratura latina di età imperiale ( I-IV d.C)
Conoscere la tipologia dei testil e le  principali figure retoriche

Conoscere  passi tratti dalle opere degli autori studiati in lingua e/o tradotti

Conoscere aspetti fondamentali della lingua latina nel suo sviluppo diacronico

Collocare gli autori e le opere avvicinate all’interno del contesto storico-culturale di appartenenza.

Riconoscere in modo consapevole  le caratteristiche proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Riconoscere nei brani letti le principali caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

Orientarsi all’interno del panorama letterario con consapevolezza critica cogliendo persistenze e alterità.


CURRICULUM DI GRECO

INTRODUZIONE

Il docente di Lingua e Letteratura greca concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, risultati di apprendimento che lo mettano in grado di:

  1. utilizzare consapevolmente  il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana
  2. approcciarsi ai testi classici cogliendone direttamente il messaggio complessivo
  3. riconoscere le linee essenziali della cultura classica
  4. stabilire collegamenti fra la cultura classica e il mondo contemporaneo
  5. riconoscere il valore del passato come strumento di interpretazione del presente

atteso che la conoscenza pertinente ed approfondita del mondo antico è funzionale alla comprensione delle basi,delle forme e dei contenuti del sapere moderno nei diversi ambiti disciplinari

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA – indirizzo classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Fonetica

Conoscere la fonetica e norme di lettura (alfabeto, pronuncia, segni diacritici, accentazione)

Saper leggere correttamente applicando le regole studiate

Morfologia

Conoscere la morfologia dell’articolo, del nome  e dell’aggettivo

Conoscere la morfologia dei verbi regolari e contratti (presente e imperfetto)

Conoscere la morfologia di alcuni pronomi (personali, dimostrativi, determinativi)

Conoscere i principali complementi

Riconoscere nel testo le strutture linguistiche studiate

Saper applicare le regole morfosintattiche studiate

Sintassi

Elementi di sintassi della frase semplice e della frase complessa (coordinazione e semplici subordinate)

Saper tradurre semplici testi

Lessico

Conoscere il lessico di base della lingua

Saper consultare il vocabolario

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

  1. conoscere la morfologia nominale (declinazioni, classi degli aggettivi), pronominale (limitatamente alle tipologie studiate) e verbale (coniugazioni attive e mediopassive, verbo essere,verbi contratti)
  2. conoscere i complementi fondamentali
  3. conoscere le strutture essenziali del periodo greco (subordinate causale e temporale, …)
  4. saper consultare il vocabolario
  5. saper leggere, analizzare e tradurre un brano elementare in lingua rispettando le  strutture morfosintattiche e operando scelte espressive adeguate per una resa corretta in italiano.

CLASSE SECONDA – indirizzo classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Morfologia del nome e del verbo

Conoscere la morfologia del nome (i gradi dell’aggettivo; i pronomi) e del verbo (futuro, aoristo, perfetto)

Riconoscere  e applicare le regole morfosintattiche

Sintassi

Conoscere la sintassi del verbo

Riconoscere  e applicare le regole morfosintattiche

Sintassi della frase complessa

Conoscere tutti i principali costrutti subordinanti (funzioni del participio, valore delle congiunzioni fondamentali…)

Comprendere e tradurre testi di media difficoltà

Uso funzionale del vocabolario

Lessico

Aspetti della civiltà greca (etimologia, radice, famiglie di parole…)

Saper risalire all’etimologia delle parole, confrontandole con gli esiti in latino, in italiano e nelle altre lingue europee

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

  1. conoscere la morfologia nominale, pronominale e verbale
  2. conoscere i costrutti della sintassi dei casi (complementi, costruzione di verbi e aggettivi ecc…)
  3. conoscere la sintassi del verbo (uso modi, costrutti ecc..)
  4. conoscere i costrutti fondamentali del periodo greco (infinitiva, finale, funzioni del participio, consecutiva  ecc…)
  5. saper consultare il vocabolario
  6. saper leggere, analizzare e tradurre un brano in lingua di media difficoltà rispettando   le strutture morfosintattiche ed operando le scelte espressive più appropriate per una resa efficace in italiano.

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO

  1. Cogliere il messaggio complessivo di testi semplici in lingua greca, riconoscendone le principali strutture morfosintattiche
  2. Cogliere aspetti dell’evoluzione della lingua italiana nel suo rapporto con la lingua greca
  3. Cogliere nel testo (anche in traduzione), testimonianze del patrimonio storico e culturale

CLASSE TERZA - indirizzo classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Storia della letteratura greca dell’età arcaica nei diversi generi:

epica :Omero ed Esiodo

poesia: la lirica, Archiloco, Saffo e Alceo

lettura di brani antologici in lingua e in traduzione

Saper         cogliere la specificità della letteratura classica  attraverso l’approccio diretto ai testi (anche in traduzione)

Riconoscere il valore fondamentale della classicità greca per la tradizione europe

Interpretare e commentare opere in prosa e in versi.

LINGUA

Sistema verbale del perfetto



Traduzione di testi d’autore di complessità crescente, comunque adeguati alle conoscenze morfosintattiche acquisite.

Saper operare scelte lessicali coerenti con lo spirito del testo originale.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

  1. Saper contestualizzare almeno in modo adeguato nell’ambito storico-culturale di riferimento gli autori e le opere studiate.
  2. Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori attraverso i testi avvicinati.
  3. Saper cogliere il significato di testi di complessità adeguata alle conoscenze linguistiche e culturali acquisite.

CLASSE QUARTA - indirizzo classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Conoscere la storia della letteratura greca di età classica, in particolare nei generi teatrali della tragedia e della commedia e della storiografia.

Conoscere la tipologia dei testi, le principali figure retoriche e strutture metriche.

Conoscere la tipologia dei testi e le loro caratteristiche stilistiche e metriche

Saper contestualizzare gli autori e le opere studiate nell’ambito  storico-culturale di riferimento

Saper riconoscere le principali peculiarità del pensiero e dello stile degli autori.

LINGUA

Incrementare la conoscenza dei principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua greca, riflettendo sull’uso dei modi
nelle proposizioni principali e degli aggettivi verbali

Tradurre in modo adeguato al senso globale del nel rispetto dei principali costrutti della lingua.

Aver acquisito una tecnica e un metodo di traduzione adeguati alla comprensione di un testo in modo globalmente corretto e appropriato.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

  1. Analizzare in modo corretto e chiaro un’opera individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale
  2. Padroneggiare i contenuti, saper contestualizzare opere e autori in rapporto al quadro culturale di riferimento

QUINTO ANNO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

  1. Raggiungere una padronanza approfondita delle linee di sviluppo della nostra civiltà nei suoi diversi aspetti ed essere in grado di riconoscere il valore della tradizione come possibilità di interpretazione del presente
  2. Acquisire la conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi, attraverso lo studio organico delle strutture linguistiche (morfosintattiche, lessicali, semantiche) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica  e retorica, anche al fine di raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico  
  3. Saper autonomamente analizzare in modo completo e approfondito un’opera, individuandone contenuto, messaggio, caratteristiche stilistiche e significato culturale
  4. Maturare una buona capacità di argomentare, di interpretare testi anche complessi
  5. Riflettere criticamente sulle forme del sapere e sulle reciproche relazioni

CLASSE QUINTA - indirizzo classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LETTERATURA

Conoscere i caratteri salienti della letteratura greca, dall’età classica all’età ellenistica nell’ambito della lirica, della storiografia, dell’epica, del teatro e dell’oratoria

Conoscere i principali autori, le opere e le scuole della filosofia greca nel suo sviluppo, in particolare dall'età classica all'età ellenistica e greco-romana, attraverso le voci dei suoi più autorevoli esponenti

Conoscere la tipologia dei testi, le principali figure retoriche e strutture metriche

Conoscere  passi tratti dalle opere degli autori studiati in lingua e/o tradotti

Collocare gli autori e le opere avvicinate all’interno del contesto storico-culturale di appartenenza.

Riconoscere in modo autonomo  le caratteristiche proprie del pensiero e dello stile dei vari autori.

Riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

Orientarsi all’interno del panorama letterario con consapevolezza critica cogliendo persistenze e alterità.

LINGUA

Incrementare e consolidare  la conoscenza dei principali strutture morfologiche e sintattiche della lingua

Conoscere aspetti fondamentali della lingua  nel suo sviluppo diacronico

Saper riconoscere nei brani letti le caratteristiche stilistiche, retoriche e lessicali peculiari dei diversi autori.

Saper cogliere e rendere opportunamente in traduzione passi di maggiore complessità argomentativa ed  espressiva.


CURRICULUM DI GEOSTORIA

INTRODUZIONE

Lo studente, al termine del primo biennio degli studi superiori, deve aver acquisito le seguenti capacità:

  1. conoscere, inquadrandoli nelle esatte coordinate spaziali e temporali, gli snodi più significativi del processo di sviluppo storico dell'uomo, riuscendo a coglierne spunti di riflessione  in vista di un confronto con le questioni cruciali della realtà contemporanea
  2. conoscere gli elementi chiave della disciplina geografica (uso di strumenti specifici, temi e problemi dello studio dei fenomeni geografici) al fine di riuscire a orientarsi nel mondo di oggi
  3. comprendere ed utilizzare i linguaggi specifici disciplinari
  4. maturare una sensibilità critica nei confronti dei temi di cittadinanza

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - TUTTI GLI INDIRIZZI

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Preistoria

Dalla storia alla geografia: il rapporto uomo-ambiente

Conoscere le tappe fondamentali dell’evoluzione della specie umana, attraverso lo studio delle fonti

Conoscere i momenti chiave dello sviluppo della civiltà umana (rivoluzione agricola, rivoluzione urbana…)

Saper collocare nel tempo e nello spazio i fatti storici

Saper utilizzare le fonti storiche, archeologiche, geografiche e gli strumenti relativi alla disciplina (cartine, ecc.)

Saper usare un registro linguistico caratterizzante la disciplina

Le civiltà fluviali

Conoscere le principali civiltà della storia antica (Mesopotamia, Egitto)

L’acqua come risorsa fondamentale per la vita, le guerre per l’acqua

Saper cogliere somiglianze e differenze fra le diverse civiltà

Saper cogliere l’importanza delle scoperte tecnologiche e le loro implicazioni

I popoli mediterranei (Fenici, Ebrei, ecc.)

Conoscere gli elementi caratterizzanti e specifici delle civiltà affacciate sul Mediterraneo

Conoscere i fenomeni migratori (cause e conseguenze), anche in rapporto con l’attualità

Saper cogliere l’eredità culturale delle civiltà mediterranee

Saper confrontare le aree geografiche del passato con quelle odierne

La civiltà greca

Dalla storia alla geografia: la Grecia e il contesto europeo odierno

Conoscere le origini e l’evoluzione della civiltà greca nei suoi momenti più significativi (dall’età arcaica all’età ellenistica)

Saper cogliere l’influenza della civiltà greca sul mondo occidentale

I popoli italici e Roma: nascita ed espansione

Elementi di cittadinanza e Costituzione: famiglia, Stato…

Conoscere i tratti salienti delle civiltà italiche preromane (Etruschi…)

Conoscere l’evoluzione delle strutture sociopolitiche di Roma dalle origini a Giulio Cesare

Saper collocare nello spazio e nel tempo le civiltà italiche preromane, in confronto anche con i popoli mediterranei

Saper comprendere ed esporre cause e conseguenze dei mutamenti socio-politici dello Stato romano

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

  1. Linee essenziali dei principali eventi storici
  2. I principali temi della geografia umana
  3. Collocare gli eventi studiati nel tempo e nello spazio
  4. Utilizzare gli strumenti della disciplina (carte, tabelle, grafici)
  5. Usare il lessico base della disciplina
  6. Dimostrare consapevolezza degli eventi del passato
  7. Individuare nella propria esperienza e nella realtà circostante l'applicazione dei principi della Costituzione italiana

CLASSE SECONDA – TUTTI GLI INDIRIZZI

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Augusto: dalla Repubblica all’Impero (le dinastie: dai Giulio-Claudii agli Antonini)

Dalla storia alla geografia: la globalizzazione

Conoscere gli aspetti principali della restaurazione augustea

Conoscere le caratteristiche delle dinastie successive

Comprendere i cambiamenti storici, politici, sociali e culturali che hanno segnato l’età imperiale

Saper osservare la realtà in modo critico cogliendo i parallelismi fra romanizzazione e globalizzazione

La crisi dell’impero (dai Severi alle invasioni barbariche)

Conoscere le cause e le conseguenze della crisi dell’Impero romano

Saper individuare gli apporti delle nuove popolazioni nella costruzione della civiltà europea

L’Alto Medioevo: epoca di cambiamenti (dai regni romano-barbarici al Sacro Romano Impero)

Diffusione e consolidamento del Cristianesimo; espansione dell’Islam

Le istituzioni europee

Conoscere la formazione e lo sviluppo dei regni romano-barbarici

La formazione degli stati europei odierni

Saper cogliere i diversi passaggi che hanno portato dalla dissoluzione dell’Impero romano alla costruzione dell’identità europea

Saper cogliere i legami e le differenze fra mondo occidentale e mondo mediorientale


CURRICULUM DI LINGUA E CIVILTÀ STRANIERA: INGLESE

INTRODUZIONE

Studiare lingua e cultura straniera nei Licei significa continuare un processo di apprendimento, già intrapreso nei cicli di studio precedenti, dotando gli studenti di competenze in lingua straniera che, oltre a contribuire all’arricchimento della formazione individuale, sono indispensabili per gli studi universitari, per la crescente mobilità delle persone, per una professionalità rispondente alle esigenze della “società della conoscenza”, per la promozione del plurilinguismo e dell’intercomprensione in una dimensione europea.

Gli obiettivi specifici dello studio delle Lingue Straniere sono dunque: l’uso del linguaggio  in vista di un’interazione in contesti il più possibile diversi; l’utilizzo di forme di comunicazione tecnologicamente avanzate; il confronto tra metodi di studio e di lavoro; la riflessione sulla tipicità delle culture locali e internazionali, nella prospettiva di una sempre maggiore mobilità di studio e di formazione.

  1. BIENNIO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Nel primo biennio il docente di lingua Inglese persegue, nella propria azione didattica ed educativa, i seguenti obiettivi:

Gli studenti vengono guidati, anche nel confronto con la lingua madre, all’uso progressivamente consapevole delle strategie comunicative, per favorire il trasferimento di competenze, abilità e conoscenze tra le due lingue e facilitare gli apprendimenti in un’ottica di educazione linguistica e interculturale.


PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA INDIRIZZO CLASSICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • Tempi verbali: present simple, present continuous,imperatives, past continuous, past simple, future, present perfect simple
  • interrogativi, dimostrativi, possessivi, indefiniti
  • modali: can, could, must, have to, should
  • nomi numerabili e non numerabili
  • comparativi e superlativi
  • preposizioni di tempo, luogo e direzione

Interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse        personale, quotidiano, sociale o professionale.

Utilizzare un repertorio lessicale di base, funzionale ad esprimere bisogni concreti della vita quotidiana.

Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi, relativi all’ambito personale e sociale.

Scrivere brevi e semplici testi su tematiche di interesse personale e quotidiano, utilizzando in

modo adeguato le strutture

grammaticali.

Lessico

  • Presentare se stessi e gli altri
  • Gli oggetti della classe
  • La famiglia
  • Il tempo libero
  • Le attività quotidiane
  • Aspetto fisico e personalità
  • Proposte,        inviti        e suggerimenti
  • La casa e l'arredamento
  • Abbigliamento
  • Il tempo atmosferico
  • Malattie e parti del corpo
  • Le professioni

Comprendere e utilizzare parole ed espressioni familiari di uso quotidiano.

Raccontare episodi della propria vita, fatti quotidiani, abitudini e preferenze

Descrivere        situazioni utilizzando un lessico adeguato

Cultura e Civiltà

  • La musica
  • Lo sport
  • Il cibo
  • Feste e festività
  • La scuola
  • I viaggi

Acquisire e interpretare l’informazione, sapendo esprimere il proprio punto di vista.

CLASSE SECONDA INDIRIZZO CLASSICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

Tempi verbali:

  • present perfect simple and continuous
  • past simple, past continuous,past perfect
  • used to
  • be going to, present continuous for future, will,
  • modali: can’t, must, may, might, could, must have, can’t have, could have
  • periodi ipotetici:zero conditional, if+ present
  • +imperative, first, second, third conditional
  • Proposizione relativa: defining / non-defining
  • gli indefiniti composti

Capire i punti essenziali di brevi articoli di giornale su temi attuali e noti.

Comprendere le informazioni essenziali di un notiziario radiofonico o di una semplice registrazione audio su argomenti familiari.

Conversare su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale.

Produrre semplici testi scritti di interesse personale e quotidiano utilizzando correttamente le  strutture grammaticali.

Lessico

  • Alla ricerca di un lavoro
  • Viaggi e vacanze
  • I mezzi di trasporto
  • Esperienze insolite ed eventi soprannaturali
  • Progetti per il futuro
  • Conversazioni telefoniche
  • La tecnologia
  • L’ambiente
  • Sentimenti e relazioni interpersonali
  • Libertà e regole
  • Situazioni di emergenza
  • I crimini

Comprendere il lessico di semplici testi di vario genere mediante la lettura e l’ascolto.

Dialogare in negozi,

 ristoranti, luoghi pubblici, ecc. padroneggiando un  lessico di base legato alla vita quotidiana.

Raccontare e descrivere eventi personali, fatti quotidiani, storie lette e ascoltate in vari contesti.

Scrivere un testo semplice e coerente su temi diversi inerenti alla sfera individuale, esprimendo

opinioni e idee personali.

Cultura e Civiltà

  • All’aeroporto e sull’aereo
  • E-mails e chat-rooms
  • British and American English
  • Conoscenza di luoghi, fatti e personaggi di rilevanza storica, sociale e culturale  in genere.
  • Lettura di short stories

Ascoltare, leggere, descrivere e raccontare aspetti della cultura e civiltà anglosassone e anglofona.

Comprendere produrre brevi short stories su traccia.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

Conoscenze

- del lessico e delle strutture morfo-sintattiche appropriate ai significati, usi e situazioni quotidiane.

Abilità

(produttive):

-usare espressioni per soddisfare bisogni di tipo concreto e  sostenere una conversazione funzionale alla situazione e ai luoghi;

-esprimere semplici opinioni personali, utilizzando strutture morfo-sintattiche  con sinonimi, connettori  logici e subordinate

 semplici;

-produrre un semplice testo scritto su argomenti riguardanti il contesto quotidiano esprimendo anche opinioni personali

utilizzando semplici strutture sintattiche;

-riassumere un testo letto riguardante argomenti familiari e comuni al mondo giovanile con l'ausilio di mappe/ schemi.

(ricettive):

-comprendere il senso generale di un brano letto o ascoltato e coglierne gli elementi essenziali con l'aiuto di domande o lessico;

Competenze

  1. interagire in maniera semplice ma autonoma in situazioni familiari e quotidiane;
  2. scegliere autonomamente articoli tratti da riviste scolastiche o letture facilitate.

II  BIENNIO

CLASSE TERZA INDIRIZZO CLASSICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

revisione del sistema verbale:

  • modo indicativo: tempi presente/ passato/ perfetto

  • consolidamento della forma di durata  (present e past perfect continuous)
  • consolidamento delle forme composte e progressive del futuro
  • modo condizionale
  • periodo ipotetico: (forme 1°2°3° tipo,  miste )
  • il 'future in the past'
  • verbi modali (rvisione e consolidamento)

revisione del sistema morfologico:

  • i gradi dell'aggettivo:  comparativi e superlativi (forme irregolari e idiomatiche)

contenuti nuovi

  • Costruzione would rather  e  wish
  • Uso del verbo need come semi-modale
  • will have, will be + ing, will have+ing

Saper utilizzare la L2 in contesti comunicativi di base, in situazioni diverse ma di esperienza quotidiana    con sufficiente proprietà di linguaggio.

Sviluppare l'aspetto lessicale anche con l'apporto di termini specifici riferiti all'ambito letterario

Sviluppare la correttezza del l'esposizione orale e scritta

Civilta’

  • Cenni alle origini e allo sviluppo della lingua e della civiltà

Presentare un quadro sintetico della storia della lingua inglese con riferimenti allo sviluppo della civiltà

Letteratura

  • Cenni alle origini della letteratura
  • Le ballate
  • Il teatro elisabettiano
  • William Shakespeare

Analizzare alcuni esempi di produzioni letterarie medievali e due opere di Shakespeare.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

Conoscenze

Abilità

(produttive):

 (ricettive):

Competenze

CLASSE QUARTA  INDIRIZZO CLASSICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

           

          Grammatica

Revisione Grammaticale

  • Il sistema verbale

La forma attiva

  • verbi modali
  • would rather +  infinito
  • wish / needn't have + p.p.
  • modo condizionale: if-clauses
  • (forme base, miste, progressive)
  • La frase relativa (revisione)
  • defining non-defining clauses)

Contenuti nuovi

  • Il discorso indiretto
  • la forma passiva: costruzioni personali e impersonali
  • revisione e ampliamento con rif. alle reggenze dei verbi
  • have sth done
  • fare+infinito
  • uso della forma -ING
  • uso dell’infinito con/senza “TO”
  • verbi di percezione
  • linkers and connectors

( causa effetto, paragone, contrasto)

Saper utilizzare la L2 in contesti comunicativi in modo da interagire con native speakers  a velocità normale e con proprietà, in contesti diversi e su una pluralità di argomenti

Storia

  • Il contesto storico politico culturale e letterario del XVIII secolo: l’Età Augustea.
  • L’Età delle rivoluzioni

Conoscere le linee essenziali della società fino all’età delle rivoluzioni

Letteratura

  • W. Shakespeare:
  • analisi di alcune opere teatrali

Saper argomentare su contenuti letterari del periodo rinascimentale operando  confronti

Saper esprimere riflessioni  sulla base di una lettura critica dei testi antologici

  • Il panorama letterario del XVII e XVIII secolo con attenzione ad autori e opere significative
  • La nascita del romanzo borghese.
  • Autori e testi significativi del periodo

Conoscere le linee generali del panorama culturale

Saper argomentare sull'importanza delle innovazioni letterarie  operando  confronti

Presentare alcuni esponenti significativi del periodo

  • L’Età Romantica: poesia e romanzo.
  • Il nuovo concetto di poesia
  • Il ruolo della fantasia creatrice  (Imagination).
  • Il concetto di “natura”.
  • Il ruolo del poeta.
  • L'eroe romantico
  • Le linee di sviluppo del romanzo

Conoscere il panorama culturale della fine del  XVIII sec

Saper argomentare sui contenuti letterari del periodo analizzando le tematiche proprie del movimento Romantico Inglese

  • Autori e testi significativi del periodo romantico.

Saper esprimere personali opinioni sulla base di una lettura critica dei testi antologici.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

Conoscenze

                comune europeo di riferimento per le lingue straniere;

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

QUINTO ANNO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Conoscenze

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

CLASSE QUINTA INDIRIZZO CLASSICO

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

 

 Civiltà

e storia

  • La Rivoluzione Industriale
  • Le riforme politiche e sociali
  • Il  “Compromesso Vittoriano”.
  • Darwin e l'evoluzionismo

Conoscere il panorama sociale e culturale dell'800 inglese

Letteratura

  •  Principali correnti letterarie, autori e testi significativi del periodo vittoriano

 Saper argomentare sui contenuti letterari del periodo analizzando le tematiche proprie del Vittorianesimo.

Collegare i contenuti teorici e le tematiche generali alla specifica produzione di autori rappresentativi con riferimento a letture antologiche.

 Civiltà

e  storia

  • L’Inghilterra tra le due guerre mondiali

 Conoscere lo sviluppo della società e i cambiamenti avvenuti nella prima metà del ‘900.

Letteratura

  • Lo sperimentalismo nella narrativa: il romanzo modernista
  • Lo sperimentalismo nella poesia.
  • Il romanzo distopico                                                 
  • La crisi dei valori nel dramma moderno

Collegare i contenuti teorici e le tematiche generali alla specifica produzione di autori rappresentativi con riferimento a letture antologiche

  • Correnti e autori significativi del ‘900 nella letteratura inglese e americana

Saper esprimere personali opinioni sulla base di una lettura critica dei testi antologici.

CLASSE PRIMA - Scientifico, Scienze umane, Les

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

 Grammatica

  • Tempi verbali: present simple, present continuous,imperatives, present perfect , past simple, future
  • interrogativi, dimostrativi, possessivi, indefiniti
  • modali: can, could, must, have to, should
  • nomi numerabili e non numerabili
  • comparativi e superlativi
  • preposizioni di tempo, luogo e direzione

Interagire in conversazioni brevi e semplici su temi di interesse        personale, quotidiano, sociale o professionale.

Utilizzare un repertorio lessicale di base, funzionale ad esprimere bisogni concreti della vita quotidiana.

Descrivere in maniera semplice esperienze ed eventi, relativi all’ambito personale e sociale.

Scrivere brevi e semplici testi su tematiche di interesse personale e quotidiano, utilizzando in modo adeguato le strutture grammaticali.

Lessico

  • Presentare se stessi e gli altri
  • Gli oggetti della classe
  • La famiglia
  • Il tempo libero
  • Le attività quotidiane
  • Aspetto fisico e personalità
  • Proposte, inviti e suggerimenti
  • La casa e l'arredamento
  • Abbigliamento
  • Il tempo atmosferico
  • Malattie e parti del corpo
  • Le professioni

Comprendere e utilizzare parole ed espressioni familiari di uso quotidiano.

Raccontare episodi della propria vita, fatti quotidiani, abitudini e preferenze

Descrivere situazioni utilizzando un lessico adeguato

Cultura e Civiltà

  • La musica
  • Lo sport
  • Il cibo
  • Feste e festività
  • La scuola
  • I viaggi

Acquisire e interpretare l’informazione, sapendo esprimere il proprio punto di vista.


CLASSE SECONDA - Scientifico, Scienze umane, Les

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • Tempi verbali:
  • present perfect simple and continuous
  • past simple, past continuous,past perfect
  • used to, be/get used to
  • be going to, present continuous for future, will, will have, will be + ing
  • modali: can’t, must, may, might, could, must have, can’t have, could have
  • periodi ipotetici:zero conditional, if+ present
  • +imperative, first, second, third conditional

Capire i punti essenziali di brevi articoli di giornale su temi attuali e noti.

Comprendere le informazioni essenziali di un notiziario radiofonico o di una semplice registrazione audio su argomenti familiari.

Conversare su argomenti di interesse personale, quotidiano, sociale o professionale.

Produrre semplici testi scritti di interesse personale e quotidiano utilizzando correttamente le  strutture grammaticali.

Lessico

  • Alla ricerca di un lavoro
  • Viaggi e vacanze
  • I mezzi di trasporto
  • Esperienze insolite ed eventi soprannaturali
  • Progetti per il futuro
  • Conversazioni telefoniche
  • La tecnologia
  • L’ambiente
  • Sentimenti e relazioni interpersonali
  • Libertà e regole
  • Situazioni di emergenza
  • I crimini

Comprendere il lessico di semplici testi di vario genere mediante la lettura e l’ascolto

Dialogare in negozi,  ristoranti, luoghi pubblici, ecc. padroneggiando un lessico di base legato alla vita quotidiana.

Raccontare e descrivere eventi personali, fatti quotidiani, storie lette e ascoltate in vari contesti.

Scrivere un testo semplice e coerente su temi diversi inerenti alla sfera individuale, esprimendo opinioni e idee personali.

Cultura e Civiltà

  • All’aeroporto e sull’aereo
  • E-mails e chat-rooms
  • British and American English
  • Conoscenza di luoghi, fatti e personaggi di rilevanza storica, sociale e culturale in genere.

Ascoltare, leggere, descrivere e raccontare aspetti della cultura e civiltà anglosassone e anglofona.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

Conoscenze

Abilità

(produttive):

 (ricettive):

Competenze

II  BIENNIO

CLASSE TERZA- Scientifico, Scienze umane, Les

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

revisione del sistema verbale:

  • modo indicativo: tempi presente/ passato/ perfetto
  • consolidamento della forma di durata  (present e past perfect continuous)
  • consolidamento delle forme composte e progressive del futuro
  • modo condizionale
  • periodo ipotetico: (forme 1°2°3° tipo  miste e progr)
  • il 'future in the past'
  • verbi modali

revisione del sistema morfologico:

i gradi dell'aggettivo:  comparativi e superlativi (forme irregolari e idiomatiche)

contenuti nuovi

  • Costruzione would rather  e  wish
  • Uso del verbo need come semi-modale
  • gli indefiniti composti
  • Proposizione relativa: defining / non-defining

Saper utilizzare la L2 in contesti comunicativi di base, in situazioni diverse ma di esperienza quotidiana    con sufficiente proprietà di linguaggio.

Sviluppare l'aspetto lessicale anche con l'apporto di termini specifici riferiti all'ambito letterario

Sviluppare la correttezza del l'esposizione orale e scritta

Civiltà e Storia

  • Cenni al contesto storico-sociale dalle origini fino al XIV secolo .                              
  • L’origine della lingua: Old English.
  • La questione della lingua: Il Middle English.
  • La fine del Medio Evo: la Guerra delle Rose e l’ascesa dei Tudor
  • I Tudor
  • Henry VIII e la Riforma
  • Il regno di Elizabeth I

Presentare un quadro sintetico della storia inglese dalle origini al Rinascimento con riferimenti anche all'evoluzione linguistica

Letteratura

  • Cenni alla poesia epica anglo-sassone
  • Letteratura cavalleresca e popolare
  • la ballata
  • Il dramma medioevale
  • G. Chaucer e i Canterbury Tales
  • Umanesimo e Rinascimento inglese
  • La poesia elisabettiana
  • Il teatro elisabettiano
  • W. Shakespeare

Conoscere le linee generali della letteratura , dal periodo anglosassone al Rinascimento

Seguire lo sviluppo della produzione letteraria  operando collegamenti con il contesto europeo

Presentare esponenti rappresentativi del periodo con riferimento alla loro produzione

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

Conoscenze

Abilità

(produttive):

 (ricettive):

Competenze

CLASSE QUARTA - Scientifico, Scienze umane, Les

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

Revisione Grammaticale del sistema verbale

  • La forma attiva - indicativo:
  • tempi presente/ passato/ perfetto
  • futuro (forme semplici composte e progressive)
  • verbi modali + costruzioni diff.
  • would rather +  infinito
  • wish / needn't have + p.p.
  • modo condizionale: if-clauses
  • (forme base, miste, progressive)
  • La frase relativa (revisione)
  • defining non-defining clauses)

Contenuti nuovi

  • Il discorso indiretto
  • la forma passiva: costruzioni personali e impersonali
  • revisione e ampliamento con rif. alle reggenze dei verbi
  • have sth done
  • fare+infinito
  • uso della forma -ING
  • uso dell’infinito con/senza “TO”
  • verbi di percezione

Saper utilizzare la L2 in contesti comunicativi in modo da interagire con native speakers  a velocità normale e con proprietà, in contesti diversi e su una pluralità di argomenti

Civiltà e Storia

  • La dinastia Stuart e I contrasti con il Parlamento
  • La Guerra Civile
  • La Rivoluzione Puritana e il Commonwealth
  • La Restaurazione
  • Il contesto storico politico culturale e letterario del XVIII secolo: l’Età Augustea.
  • L’Età delle rivoluzioni

Conoscere il panorama storico e culturale dal XVII al XIX secolo

Letteratura

  • W. Shakespeare:
  • analisi di alcune opere teatrali
  • Il panorama letterario del XVII e XVIII secolo con attenzione ad autori e opere significative
  • Le linee di sviluppo di alcuni generi letterari del periodo:
  • poesia
  • satira
  • giornalismo
  • pamphleting
  • La nascita del romanzo borghese.
  • Autori e testi significativi del periodo
  • L’Età Romantica:   la  prima  e la  seconda  generazione  romantica.
  • Il nuovo concetto di poesia
  • Il ruolo della fantasia creatrice  (Imagination).
  • Il concetto di “natura”.
  • Il ruolo del poeta.
  • L'eroe romantico
  • Le linee di sviluppo del romanzo
  • Autori e testi significativi del periodo romantico ( poesia e romanzo)

Saper argomentare su contenuti letterari del periodo rinascimentale operando  confronti

Saper esprimere riflessioni  sulla base di una lettura critica dei testi antologici

Conoscere il panorama culturale del XVIII secolo con attenzione alle linee di collegamento tra le sue componenti e le altre culture

Saper argomentare sull'importanza delle innovazioni letterarie  operando  confronti

Presentare alcuni esponenti significativi del periodo

Conoscere il panorama culturale della fine del  XVIII sec. con attenzione alle linee di collegamento tra le sue componenti e le altre culture europee

Saper argomentare sui contenuti letterari del periodo analizzando le tematiche proprie del movimento Romantico Inglese e confrontandole con quelle proprie del Romanticismo europeo

Saper esprimere personali opinioni riflessioni conclusioni sulla base di una lettura critica dei testi antologici

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

Conoscenze

                comune europeo di riferimento per le lingue straniere;

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

QUINTO ANNO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Conoscenze

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

CLASSE QUINTA- Scientifico, Scienze umane, Les

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Civiltà e Storia

  • L'apogeo della Rivoluzione Industriale
  • Le riforme politiche e sociali
  • Il  “Compromesso Vittoriano”.
  • Darwin e l'evoluzionismo
  • Il dibattito filosofico scientifico religioso
  • Il ruolo dell'Inghilterra nelle due Guerre Mondiali
  • I totalitarismi

Conoscere il panorama sociale e culturale dell'800 inglese

Conoscere il quadro generale del '900 con riferimento al contesto storico culturale sociale

Letteratura

  •  Principali correnti letterarie, autori e testi significativi del periodo vittoriano
  • Lo sperimentalismo nella narrativa: il romanzo modernista
  • Lo sperimentalismo nella poesia.
  • La narrativa impegnata degli anni '30 e '40.                                                   
  • La crisi dei valori nel dramma moderno
  • Correnti e autori significativi del ‘900 nella letteratura inglese e americana

 Saper argomentare sui contenuti letterari del periodo analizzando le tematiche proprie del Vittorianesimo.

Collegare i contenuti teorici e le tematiche generali alla specifica produzione di autori rappresentativi con riferimento a letture antologiche.

Collegare i contenuti teorici e le tematiche generali alla specifica produzione di autori rappresentativi con riferimento a letture antologiche

CURRICULUM DI LINGUA E CIVILTA' STRANIERA: SPAGNOLO

INTRODUZIONE

Studiare lingua e cultura straniera nei Licei significa continuare un processo di apprendimento, già intrapreso nei cicli di studio precedenti, dotando gli studenti di competenze in lingua straniera che, oltre a contribuire all’arricchimento della formazione individuale, sono indispensabili per gli studi universitari, per la crescente mobilità delle persone, per una professionalità rispondente alle esigenze della “società della conoscenza”, per la promozione del plurilinguismo e dell’intercomprensione in una dimensione europea.

Gli obiettivi specifici dello studio delle Lingue Straniere sono dunque: l’uso del linguaggio  in vista di un’interazione in contesti il più possibile diversi; l’utilizzo di forme di comunicazione tecnologicamente avanzate; il confronto tra metodi di studio e di lavoro; la riflessione sulla tipicità delle culture locali e internazionali, nella prospettiva di una sempre maggiore mobilità di studio e di formazione.

PRIMO BIENNIO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Nel primo biennio il docente di lingua spagnola persegue, nella propria azione didattica ed educativa, i seguenti obiettivi:

  1. utilizzare la lingua per i principali scopi comunicativi ed operativi (livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue straniere)
  2. produrre testi di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi (livello A2 del QCER)

Gli studenti vengono guidati, anche nel confronto con la lingua madre, all’uso progressivamente consapevole delle strategie comunicative, per favorire il trasferimento di competenze, abilità e conoscenze tra le due lingue e facilitare gli apprendimenti in un’ottica di educazione linguistica e interculturale.

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA (liceo economico sociale)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • Pronomi personali, articoli determinativi e indeterminativi
  • Numeri ordinali e cardinali
  • Comparativi e superlativi
  • Presente indicativo dei verbi regolari e irregolari
  • Contrasto hay/està-án
  • Aggettivi dimostrativi e possessivi
  • Muy/mucho
  • Preposizioni: de-a, desde-hasta, en, a
  • Passato prossimo e indicatori temporali
  • Estar + gerundio
  • Uso di llevar/traer, ir/venir
  • Por/para

Produrre un semplice testo scritto su argomenti riguardanti il contesto quotidiano, con l'aiuto di uno schema.

Comprendere il senso generale di un brano ascoltato con l'aiuto di domande o lessico.

Individuare gli elementi basilari di un semplice brano scritto

 Lessico

  • Salutare, presentarsi e congedarsi
  • Descrivere l’aspetto fisico e il carattere
  • La casa, gli oggetti e la loro localizzazione
  • Azioni abituali
  • Esprimere i gusti
  • Parlare della famiglia
  • Chiedere e dare indicazioni

Usare espressioni quotidiane e sostenere una conversazione elementare adatta al contesto ed alla situazione comunicativa

Descrivere situazioni utilizzando un lessico adeguato

Cultura e Civiltà

  • Diffusione della lingua spagnola
  • I giovani e il tempo libero
  • La monarchia spagnola

Acquisire e interpretare l’informazione.

Riflettere sulla cultura dei Paesi stranieri in un’ottica comparativa

CLASSE SECONDA - (liceo economico sociale)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • Passato remoto regolare e irregolare e indicatori di tempo.
  • Imperfetto e trapassato
  • Contrasto tra i passati
  • Imperativo affermativo di 2^ p. singolare
  • Preposizioni
  • Ir a + infinito
  • Perifrasi: acabar de + infinito, empezar a + infinito, volver a + infinito, estar a punto de, echarse a, ir + gerundio
  • Contrasto: ser/estar
  • Futuro semplice e anteriore

produrre un semplice testo scritto su argomenti riguardanti il contesto quotidiano

comprendere il senso generale di un brano letto o ascoltato e coglierne gli elementi essenziali con l'aiuto di domande o lessico  

Lessico

  • Comprare in un negozio di alimentari
  • Ordinare al ristorante
  • Dare indicazioni per la città e i mezzi di trasporto
  • Descrivere e raccontare al passato
  • Fare piani, chiamare al telefono
  • Parlare della salute e delle sensazioni fisiche
  • Chiedere e dare consigli

usare espressioni per soddisfare bisogni di tipo concreto e sostenere una conversazione relativa a situazioni note

Utilizzare il lessico adeguato ai diversi contesti di utilizzo.

Cultura e Civiltà

  • Feste e festività
  • Il cibo

Ascoltare, leggere, descrivere e

raccontare aspetti della cultura

e civiltà dei Paesi dove si parla

la lingua.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

Conoscenze

Abilità 

(produttive):

(ricettive):

Competenze

CLASSE TERZA - (liceo economico sociale)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • revisione del modo indicativo: tempi presente/ passato
  • Condizionale semplice e composto
  • Presente del congiuntivo dei verbi regolari e irregolari
  • Imperativo negativo
  • Subordinate relative, causali, modali
  • Contrasto indicativo/ congiuntivo
  • Subordinate causali, finali, temporali
  • Costruzioni passive
  • Verbi di trasformazione e cambiamento

Produrre semplici testi chiari, orali e scritti, adeguati ai diversi contesti (orali e scritti), esprimendo la propria opinione

Analizzare, riassumere e commentare un testo di attualità sulla base di domande o attività di tipo schematico

Lessico

  • Parlare di avvenimenti futuri, dell’università, degli studi e delle professioni
  • Chiedere e dare informazioni su hotel, luoghi, descrivere un itinerario e fare una prenotazione.
  • Chiedere e dare consigli
  • Chiedere e dare un’opinione
  • Formulare ipotesi
  • Esprimere dubbio, certezza, lamentela
  • Constatare un fatto
  • Esprimere auguri

Comprendere una varietà di semplici messaggi orali in contesti differenziati trasmessi attraverso diversi canali

partecipare a conversazioni e interagire nella discussione, anche con parlanti nativi, in maniera adeguata al contesto

Cultura

  • Geografia e popolazione della Spagna, cambiamenti sociali e politici
  • Geografia e popolazione dell’America Latina
  • Paesi dell’America Latina

Riconoscere similarità e diversità tra fenomeni culturali di paesi in cui si parlano lingue diverse

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

Conoscenze

Abilità

(produttive):

(ricettive):

Competenze

CLASSE QUARTA - (liceo economico sociale)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Grammatica

  • Congiuntivo imperfetto
  • Congiuntivo passato e trapassato
  • Subordinate oggettive, condizionali, consecutive, modali, concessive
  • Connettori
  • Stile diretto e indiretto

Saper utilizzare la lingua per produrre testi semplici e coerenti su argomenti che gli siano familiari e siano di suo interesse.

Lessico

  • Esprimere condizioni possibili
  • Parlare di opere d’arte
  • Esprimere accordo o disaccordo
  • Affrontare un colloquio di lavoro e parlare di tutto ciò che si relaziona con il mondo del lavoro

Saper descrivere esperienze e avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni, di dare spiegazioni e di esporre brevemente le sue ragioni.

Letteratura

  • La Spagna musulmana: Al-Andalus 
  • Il Medio Evo:

Cantar de Mio Cid

Fernando de Rojas: La Celestina o Tragicomedia de Calisto y Melibea

La grande moschea di Córdoba

  • Il Rinascimento:

Le civiltà precolombiane

Anonimo: Lazarillo de Tormes

Miguel de Cervantes Saavedra: El ingenioso hidalgo Don Quijote de la Mancha

  • Il Barocco:

Scoperta, conquista e indipendenza dell’America Latina: le colonie

Lope de Vega: Fuenteovejunta

Pedro Calderón de la Barca: La vida es sueño

  • L’Illuminismo (la visione in Italia e in Inghilterra)
  • Museo Nacional del Prado de Madrid

Conoscere il contesto storico e il  panorama culturale del periodo medievale.

Saper esprimere riflessioni  sulla base di una lettura critica dei testi antologici.

Conoscere il panorama culturale del Rinascimento.

Saper esprimere riflessioni sulla base di una lettura critica dei testi antologici.

Conoscere il panorama culturale del Barocco.

Presentare alcuni esponenti significativi del periodo

Conoscere il panorama culturale della fine dell’Illuminismo, con attenzione alle linee di collegamento tra le sue componenti e le altre culture europee

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

Conoscenze

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

QUINTO ANNO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Conoscenze

Abilità

(produttive):

(ricettive)

Competenze

CLASSE QUINTA - (liceo economico sociale)

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

Civiltà e storia

  • Dalla Rivoluzione francese al Disastro del 98
  • Le fucilazioni del 3 di maggio del 1808: Goya
  • Il Ventesimo secolo:

Il disastro del 98

Il colpo di Stato di Primo de Rivera

La seconda Repubblica

La Guerra Civile

La Posguerra

La Spagna oggi: la situazione in Cataluña dopo il referendum

  • La voce dell’America:

Dal colpo di Stato alla democrazia in Cile, Argentina e Cuba

Vera Vigevani: las madres de Plaza de Mayo

La situazione in Venezuela

Il presidente José Mujica e i suoi discorsi

Conoscere il contesto storico e il panorama sociale e culturale dell'800 spagnolo.

Conoscere il quadro generale del '900 con riferimento al contesto storico culturale sociale e all’attualità

Conoscere il quadro generale del '900 in America, con riferimento al contesto storico culturale sociale e all’attualità

Arte e Letteratura

  • Il Romanticismo

Gustavo Adolfo Bécquer

  • Il Modernismo e la Generazione del 98

El Guernica: Pablo Picasso

Juan Ramón Jiménez

Miguel de Unamuno

  • La Generazione del 27 e Federico García Lorca
  • Frida Kahlo e Diego Rivera
  • Pablo Neruda
  • Il realismo magico:

Gabriel García Márquez

Isabel Allende

Collegare i contenuti teorici e le tematiche generali alla specifica produzione di autori rappresentativi con riferimento a letture antologiche.


CURRICULUM DI MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in sé considerata, sia rilevanti per la descrizione e la previsione di fenomeni, in particolare del mondo fisico. Egli saprà inquadrare le varie teorie matematiche studiate nel contesto storico entro cui si sono sviluppate e ne comprenderà il significato concettuale. Lo studente avrà acquisito una visione storico-critica dei rapporti tra le tematiche principali del pensiero matematico e il contesto filosofico, scientifico e tecnologico. In particolare, avrà acquisito il senso e la portata dei tre principali momenti che caratterizzano la formazione del pensiero matematico: la matematica nella civiltà greca, il calcolo infinitesimale che nasce con la rivoluzione scientifica del Seicento e che porta alla matematizzazione del mondo fisico, la svolta che prende le mosse dal razionalismo illuministico e che conduce alla formazione della matematica moderna e a un nuovo processo di matematizzazione che investe nuovi campi (tecnologia, scienze sociali, economiche, biologiche) e che ha cambiato il volto della conoscenza scientifica.

PRIMO BIENNIO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO

Gli obiettivi generali della disciplina si concretizzano nel raggiungimento delle competenze che l’alunno deve possedere alla fine del primo biennio. Secondo le Indicazioni Nazionali tali competenze sono le seguenti:

  1. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico.
  2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. Individuare il percorso logico di una dimostrazione.
  3. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi utilizzando modelli aritmetici, modelli algebrici, modelli geometrici e rappresentazioni grafiche.
  4. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico.

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

CALCOLO ALGEBRICO

  • Insiemi numerici: .
  • Monomi, polinomi ed operazioni relative.
  • Frazioni algebriche.
  • Tradurre dal linguaggio naturale a quello matematico e viceversa.
  • Risolvere sequenze di operazioni utilizzando variabili letterali.
  • Operare con i polinomi.
  • Sviluppa e riconosce prodotti notevoli.
  • Scomporre un polinomio in fattori.

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di primo grado.
  • Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado.
  • Principio di annullamento del prodotto e applicazione per la soluzione  di equazioni e disequazioni di grado superiore al primo
  • Risolvere equazioni di vario tipo.
  • Risolvere disequazioni intere e fratte.
  • Progettare un percorso risolutivo per un problema.
  • Costruire il modello algebrico di un problema.
  • Saper valutare la coerenza dei risultati ottenuti.

GEOMETRIA

  • Gli enti fondamentali della geometria euclidea.
  • Congruenza tra triangoli.
  • Trapezi e parallelogrammi.
  • Riconoscere i principali enti geometrici e li descrive con il linguaggio naturale.
  • Individuare le proprietà essenziali delle figure.
  • Comprendere i principali passaggi logici di una dimostrazione.

STATISTICA E INFORMATICA

  • Significato di analisi e organizzazione di dati numerici.
  • Raccogliere, organizzare e rappresentare un insieme di dati.
  • Rappresentare classi di dati mediante istogrammi e diagrammi a torta.
  • Leggere e interpretare tabelle e grafici in termini di corrispondenze fra elementi di due insiemi.
  • Valutare l’ordine di grandezza di un risultato.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

L’alunno per accedere al secondo anno deve possedere le abilità relative ai moduli CALCOLO ALGEBRICO E STATISTICA E INFORMATICA. Per i moduli EQUAZIONI E DISEQUAZIONI e GEOMETRIA, i cui contenuti si sviluppano nell’arco di due anni, si prevede il consolidamento di alcune abilità nel secondo anno . Per tali abilità, che sono elencate di seguito, lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto almeno un livello base per il superamento del primo anno.

Per “livello base” si intende saper risolvere esercizi e problemi  che richiedano procedure consolidate di applicazione delle conoscenze acquisite.

CLASSE SECONDA - scientifico 

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

EQUAZIONI

DISEQUAZIONI

SISTEMI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di grado superiore al primo.
  • Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado e di grado superiore.
  • Il concetto di modulo.
  • Equazioni irrazionali.
  • Risolvere equazioni di vario tipo.
  • Risolvere sistemi di equazioni.
  • Risolvere disequazioni intere e fratte.
  • Risolvere sistemi di disequazioni
  • Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni con uno o più moduli.

RADICALI

  • Regole di calcolo con i radicali.
  • Semplificare espressioni con radicali, anche letterali.

GEOMETRIA ANALITICA

  • La retta nel piano cartesiano.
  • Rappresentare rette nel piano cartesiano.

GEOMETRIA EUCLIDEA

  • Cerchio e circonferenza.
  • Equivalenza nel piano.
  • Teoremi di Pitagora ed Euclide.
  • Teorema di Talete
  • Similitudine fra triangoli.
  • Relazioni tra i lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 30° 60° o 45°
  • Poligoni inscritti e circoscritti.
  • Individuare le proprietà essenziali delle figure.
  • Comprendere i principali passaggi logici di una dimostrazione.

RISOLUZIONE DI PROBLEMI

(MODULO TRASVERSALE AI PRECEDENTI)

  • Problemi di argomento vario e di geometria.
  • Tecniche risolutive di un problema utilizzando equazioni, disequazioni, sistemi e grafici.
  • Progettare un percorso risolutivo per un problema.
  • Costruire il modello algebrico di un problema.
  • Saper valutare la coerenza dei risultati ottenuti.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

A conclusione del biennio si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il terzo anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita.

SECONDO BIENNIO

CLASSE TERZA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI

  • Complementi di algebra (equazioni e disequazioni irrazionali anche contenenti moduli)
  • Saper utilizzare in modo approfondito le tecniche del calcolo algebrico, anche applicandole ai problemi

LE  FUNZIONI

  • Concetto di funzione e tutte le sue generalità: dominio e codominio, funzioni suriettive, iniettive, inverse e composte. Grafici di funzioni; successioni, progressioni numeriche

  • Saper riconoscere le diverse tipologie di funzione, saper determinare il loro dominio e codominio, analizzare il grafico di una funzione, determinare una funzione inversa ed il suo diagramma,  applicare le proprietà delle progressioni alla soluzione dei problemi.

FASCI DI RETTE

  • Fasci di rette con e senza centro, rette generatrici
  • Saper impiegare i fasci di rette nella soluzione di problemi di geometria analitica

LE CONICHE

  • Coniche: caratteristiche fondamentali. Parabola, circonferenza, ellisse, iperbole, fasci di parabole e di circonferenze
  • Retta tangente ad una conica
  • Ellissi ed iperboli traslate, funzioni omografiche e loro fasci
  • Saper riconoscere, costruire e rappresentare funzioni lineari e coniche in un piano cartesiano
  • Saper risolvere problemi inerenti a posizioni reciproche di rette e coniche

GONIOMETRIA

  • Funzioni goniometriche: angoli notevoli, grafici
  • Archi associati
  • Teoremi sui teoremi rettangoli
  • Saper calcolare semplici espressioni goniometriche
  • Saper risolvere problemi di trigonometria piana e applicativi sui triangoli rettangoli

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

 A conclusione del terzo anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quarto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita.

 CLASSE QUARTA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

GONIOMETRIA

  • Formule goniometriche
  • Equazioni e disequazioni goniometriche (elementari, lineari in seno e coseno, omogenee di secondo grado in seno e coseno)
  • Applicare le formule goniometriche nelle espressioni
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni goniometriche

TRIGONOMETRIA

  • Teoremi relativi a triangoli qualunque: teorema della corda, teorema dei seni, teorema di Carnot e teorema delle proiezioni
  • Risolvere i problemi trigonometrici

ESPONENZIALI E LOGARITMI

  • Le potenze con esponente reale
  • La funzione esponenziale
  • La funzione logaritmica
  • Equazioni e disequazioni esponenziali
  •  Equazioni e disequazioni logaritmiche
  • Saper rappresentare nel piano cartesiano le funzioni esponenziali e logaritmiche
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni logaritmiche

NUMERI COMPLESSI

  • Forma algebrica dei numeri complessi
  • Operazioni con i numeri immaginari e con i numeri complesse in forma algebrica
  • Forma trigonometrica dei numeri complessi e operazioni tra essi
  • Radici n-esime dell’unita’
  • Saper operare con i numeri complessi nella forma algebrica e nella forma trigonometrica
  • Saper calcolare le radici n-esime

GEOMETRIA EUCLIDEA NELLO SPAZIO

  • Definizioni degli enti geometrici nello spazio
  • Parallelismo e perpendicolarità
  • Distanze e angoli nello spazio
  • Poliedri e solidi di rotazione
  • Aree e volumi dei solidi
  • Saper riconoscere gli enti geometrici e risolvere problemi nello spazio applicando i teoremi della geometria euclidea

GEOMETRIA ANALITICA NELLO SPAZIO

  • Piani, rette e sfere e loro posizione reciproca
  • Saper riconoscere gli  elementi della geometria analitica e risolvere problemi nello spazio

CALCOLO COMBINATORIO

  • Disposizioni
  • Permutazioni
  • Combinazioni
  • Saper riconoscere i diversi casi del calcolo combinatorio, applicando opportunamente le formule adeguate

CALCOLO DELLE PROBABILITA’

  • Definizioni di evento
  • La probabilità: definizioni
  • Operazioni tra eventi: somma logica e prodotto logico di eventi
  • Teorema di Bayes
  • Saper applicare le formule della probabilità
  • Saper utilizzare il diagramma ad albero sia per la somma di eventi che per il loro prodotto
  • Saper applicare la formula del teorema di Bayes

  REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

A conclusione del quarto anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quinto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUINTA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LIMITI  E CONTINUITA’

  • Elementi di topologia sulla retta, definizioni e proprietà dei limiti, teoremi relativi. Definizione di continuità di una funzione.Teoremi sulle funzioni continue.
  • Saper calcolare limiti, applicando sia le tecniche opportune sia utilizzando i limiti notevoli
  • Saper riconoscere e classificare le diverse tipologie di discontinuità di una funzione
  • Saper tracciare il grafico probabile di una funzione.
  • Saper applicare i concetti di limite e di continuità in ambiti contestualizzati

DERIVATE

  • Definizione e proprietà delle derivate
  • Teoremi sulle funzioni derivabili, tecniche di derivazione
  • Massimi, minimi, flessi, grafici di funzioni, problemi di ottimizzazione
  • Saper calcolare derivate
  • Saper studiare funzioni di vario tipo
  • Saper impostare e risolvere problemi di ottimizzazione anche di tipo  contestualizzato

INTEGRALI

  • Definizione di integrale definito e indefinito e relative proprietà
  • Teoremi sul calcolo integrale
  • Aree e volumi
  • Funzioni integrali
  • Saper calcolare   integrali definiti ed indefiniti
  • Saper calcolare  aree e volumi
  • Saper applicare il calcolo integrale alla soluzione di problemi di Fisica e di altre tipologie

EQUAZIONI DIFFERENZIALI

  • Concetto di equazione differenziale, tipologie di equazioni differenziali e loro caratteristiche generali
  • Saper risolvere equazioni differenziali a variabili separabili, verificare la validità della soluzione di un’equazione differenziale, saper applicare il concetto di equazione differenziale in ambito fisico e contestualizzato

DISTRIBUZIONI DI PROBABILITA’

  • Probabilità e statistica:
  • Funzioni di distribuzione di variabili aleatorie discrete e continue, media e deviazione standard, le distribuzioni binomiale, di Poisson e di Gauss, applicazioni al calcolo delle probabilità
  • Saper risolvere problemi di statistica e probabilità anche di tipo contestualizzato


 LICEO CLASSICO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Al termine del percorso del liceo classico lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in sé considerata, sia rilevanti per la descrizione di alcuni semplici fenomeni, in particolare del mondo fisico. Egli saprà inquadrare i vari sviluppi della matematica affrontati nel contesto storico entro cui si sono sviluppate, con particolare riferimento aii tre principali momenti che caratterizzano la formazione del pensiero matematico: la matematica nella civiltà greca, il calcolo infinitesimale che nasce con la rivoluzione scientifica del Seicento e che porta alla matematizzazione del mondo fisico, la svolta che prende le mosse dal razionalismo illuministico e che conduce alla formazione della matematica attuale.

Gli obiettivi generali della disciplina si concretizzano nel raggiungimento delle competenze che l’alunno deve possedere, così articolate:

  1. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico.
  2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. Individuare il percorso logico di una dimostrazione.
  3. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi utilizzando modelli aritmetici, modelli algebrici, modelli geometrici e rappresentazioni grafiche.
  4. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico.
  5. Affrontare problemi tramite l’impiego dei modelli e degli strumenti della geometria  analitica, della trigonometria  e dell’analisi.
  6. Saper identificare collegamenti fra la matematica e altre discipline scientifiche, in particolare la fisica, ad esempio tramite concetti “ponte” quali i vettori e le derivate.

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA  - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

CALCOLO ALGEBRICO

  • Insiemi numerici: .
  • Monomi, polinomi ed operazioni relative.
  • Frazioni algebriche.

  • Traduce dal linguaggio naturale a quello matematico e viceversa.
  • Risolve sequenze di operazioni utilizzando variabili letterali.
  • Opera con i polinomi.
  • Sviluppa e riconosce prodotti notevoli.

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di primo grado.
  • Sistemi di equazioni di primo grado.
  • Risolve equazioni di vario tipo.
  • Progetta un percorso risolutivo per un problema.
  • Costruisce il modello algebrico di un problema.
  • Sa valutare la coerenza dei risultati ottenuti.

GEOMETRIA

  • Gli enti fondamentali della geometria euclidea.
  • Congruenza tra triangoli.
  • Trapezi e parallelogrammi.
  • Riconosce i principali enti geometrici e li descrive con il linguaggio naturale.
  • Individua le proprietà essenziali delle figure.
  • Comprende i principali passaggi logici di una dimostrazione.

STATISTICA E INFORMATICA

  • Significato di analisi e organizzazione di dati numerici.
  • Raccoglie, organizza e rappresenta un insieme di dati.
  • Rappresenta classi di dati mediante istogrammi e diagrammi a torta.
  • Legge e interpreta tabelle e grafici in termini di corrispondenze fra elementi di due insiemi.
  • Valuta l’ordine di grandezza di un risultato.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

L’alunno per accedere al secondo anno deve possedere le abilità relative ai moduli CALCOLO ALGEBRICO E STATISTICA E INFORMATICA. Per i moduli EQUAZIONI E DISEQUAZIONI e GEOMETRIA, i cui contenuti si sviluppano nell’arco di due anni, si prevede il consolidamento di alcune abilità nel secondo anno . Per tali abilità, che sono elencate di seguito, lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto almeno un livello base per il superamento del primo anno.

Per “livello base” si intende saper risolvere esercizi e problemi  che richiedano procedure consolidate di applicazione delle conoscenze acquisite.

CLASSE SECONDA   - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

EQUAZIONI

DISEQUAZIONI

SISTEMI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di grado superiore al primo.
  • Principio di annullamento del prodotto e applicazione per la soluzione  di equazioni e disequazioni di grado superiore al primo
  • Sistemi di equazioni e disequazioni di primo grado e di grado superiore (con polinomi scomponibili grazie ai prodotti notevoli)
  • Il concetto di modulo.
  • Equazioni irrazionali.
  • Risolve equazioni di vario tipo.
  • Risolve sistemi di equazioni.
  • Risolve disequazioni intere e fratte.
  • Risolve sistemi di disequazioni
  • Risolve equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni anche con un modulo.

RADICALI

  • Regole di calcolo con i radicali.
  • Semplifica espressioni con radicali

GEOMETRIA ANALITICA

  • La retta nel piano cartesiano.
  • Rappresenta rette nel piano cartesiano.

GEOMETRIA EUCLIDEA

  • Cerchio e circonferenza.
  • Equivalenza nel piano.
  • Teoremi di Pitagora ed Euclide.
  • Teorema di Talete
  • Similitudine fra triangoli.
  • Relazioni tra i lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 30° 60° o 45°
  • Poligoni inscritti e circoscritti.
  • Individua le proprietà essenziali delle figure.
  • Comprende i principali passaggi logici di una dimostrazione.

SOLUZIONE DI PROBLEMI

(MODULO TRASVERSALE AI PRECEDENTI)

  • Problemi di argomento vario e di geometria.
  • Progetta un percorso risolutivo per un problema.
  • Costruisce il modello algebrico di un problema.
  • Sa valutare la coerenza dei risultati ottenuti.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

A conclusione del biennio si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il terzo anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita.

CLASSE TERZA  - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

COMPLEMENTI DI ALGEBRA

  • Divisione fra polinomi. Teorema del resto, teorema di Ruffini, regola di Ruffini.
  • Equazioni e disequazioni di secondo grado.
  • Svolge la divisione fra polinomi con l’algoritmo della divisione e con la regola di Ruffini. Applica alla fattorizzazione di polinomi.
  • Risolve equazioni e disequazioni di secondo grado, equazioni fratte o di grado superiore riconducibili ad esse.

COMPLEMENTI DI GEOMETRIA

  • La circonferenza e le sue proprietà.
  • Applica i teoremi sulla circonferenza a problemi elementari.

SVILUPPI DI GEOMETRIA ANALITICA

  • Parabola  Equazione di una parabola e sue proprietà (vertice, fuoco, direttrice, asse).
  • Posizione reciproca fra una parabola e una retta.
  • Rette tangenti a una parabola condotte per un punto dato.
  • Equazione di una parabola date alcune condizioni.
  • Circonferenza  Equazione di una circonferenza dati centro e raggio. Equazione canonica. Posizione reciproca fra una circonferenza e una retta.
  • Rette tangenti a una circonferenza condotte per un punto dato.
  • Equazione di una circonferenza date alcune condizioni.
  • Ellisse  Equazione di una ellisse coi fuochi sull’asse x o sull’asse y. Fuochi e vertici. Posizione reciproca fra una ellisse e una retta.
  • Equazione di una ellisse date alcune condizioni.
  • Iperbole  Equazione di una iperbole coi fuochi sull’asse x o sull’asse y. Fuochi, vertici e asintoti.
  • Posizione reciproca fra una iperbole e una retta.
  • Equazione di una iperbole date alcune condizioni.
  • Iperbole equilatera riferita agli asintoti.
  • Funzione omografica.
  • Riconosce l’equazione di una parabola, ne determina le proprietà e applica le conoscenze a semplici problemi.
  • Riconosce l’equazione di una circonferenza, ne determina le proprietà e applica le conoscenze a semplici problemi.
  • Riconosce l’equazione di una ellisse, ne determina le proprietà e applica le conoscenze a semplici problemi.
  • Riconosce l’equazione di una iperbole, ne determina le proprietà e applica le conoscenze a semplici problemi.
  • Riconosce un’iperbole equilatera riferita agli asintoti.
  • Riconosce una funzione omografica e ne determina centro e asintoti.

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

A conclusione del terzo anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quarto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUARTA  - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LE  FUNZIONI

  • Concetto di funzione.  Dominio e codominio. Funzioni suriettive, iniettive, inverse e composte.
  • Funzioni reali di variabile reale. Grafici.
  • Determina dominio e codominio.
  • Analizza le proprietà. Ricava informazioni dal grafico

GONIOMETRIA E TRIGONOMETRIA

  • Funzioni goniometriche: angoli notevoli, grafici
  • Archi associati
  • Formule goniometriche
  • Equazioni e disequazioni goniometriche
  • Teorema del triangolo rettangolo
  • Area del parallelogrammo e del triangolo
  • Teorema della corda
  • Teorema dei seni
  • Teorema di Carnot
  • Semplifica semplici espressioni goniometriche
  • Applica le formule goniometriche
  • Risolvere semplici equazioni e disequazioni goniometriche
  • Risolvere semplici problemi di trigonometria

ESPONENZIALI E LOGARITMI

  • Le potenze con esponente reale
  • La funzione esponenziale
  • La funzione logaritmica
  • Equazioni e disequazioni esponenziali
  • Equazioni e disequazioni logaritmiche
  • Rappresenta nel piano cartesiano le funzioni esponenziali e logaritmiche
  • Risolvere semplici equazioni e disequazioni logaritmiche

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

A conclusione del quarto anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quinto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUINTA  - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

LIMITI  E CONTINUITA’

  • Intervalli e intorni sulla retta, definizioni e proprietà dei limiti, teoremi relativi.
  • Definizione di continuità di una funzione. Teoremi sulle funzioni continue.
  • Saper calcolare limiti, applicando sia le tecniche opportune sia utilizzando i limiti notevoli
  • Saper collegare il concetto di limite al grafico di una funzione

DERIVATE

  • Definizione e proprietà delle derivate
  • Teoremi sulle funzioni derivabili
  • Massimi, minimi, flessi, grafici di funzioni
  • Saper calcolare derivate
  • Saper tracciare il grafico probabile di una funzione.


INDIRIZZO SCIENZE UMANE E LES

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Al termine del percorso del liceo delle Scienze Umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in sé considerata, sia rilevanti per la descrizione e la previsione di fenomeni, in particolare del mondo fisico. Egli saprà inquadrare le varie teorie matematiche studiate nel contesto storico entro cui si sono sviluppate e ne comprenderà il significato concettuale. Lo studente avrà acquisito una visione storico-critica dei rapporti tra le tematiche principali del pensiero matematico e il contesto filosofico, scientifico e tecnologico. In particolare, avrà acquisito il senso e la portata dei tre principali momenti che caratterizzano la formazione del pensiero matematico: la matematica nella civiltà greca, il calcolo infinitesimale che nasce con la rivoluzione scientifica del Seicento e che porta alla matematizzazione del mondo fisico, la svolta che prende le mosse dal razionalismo illuministico e che conduce alla formazione della matematica moderna e a un nuovo processo di matematizzazione che investe nuovi campi (tecnologia, scienze sociali, economiche, biologiche) e che ha cambiato il volto della conoscenza scientifica.

PRIMO BIENNIO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO

Gli obiettivi generali della disciplina si concretizzano nel raggiungimento delle competenze che l’alunno deve possedere alla fine del primo biennio. Secondo le Indicazioni Nazionali tali competenze sono le seguenti:

  1. Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico.
  2. Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni. Individuare il percorso logico di una dimostrazione.
  3. Individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi utilizzando modelli aritmetici, modelli algebrici, modelli geometrici e rappresentazioni grafiche.
  4. Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l’ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico.

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - SCIENZE UMANE e LES

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

CALCOLO ALGEBRICO

  • Insiemi numerici: .
  • Monomi, polinomi ed operazioni relative.
  • Risolvere espressioni con numeri naturali, interi e razionali.
  • Tradurre dal linguaggio naturale a quello matematico e viceversa.
  • Risolvere espressioni letterali contenenti anche prodotti notevoli.
  • Scomporre un polinomio in fattori.
  • Determinare m.c.m. e M.C.D. di polinomi.

EQUAZIONI

  • Equazioni numeriche intere di primo grado
  • Equazioni numeriche di grado superiore al primo risolubili con la legge di annullamento del prodotto.
  • Risolvere equazioni lineari numeriche intere.
  • Risolvere equazioni di grado superiore al primo applicando la legge di annullamento del prodotto.
  • Risolvere semplici problemi con l’uso di equazioni.

GEOMETRIA EUCLIDEA

  • Gli enti fondamentali della geometria euclidea.
  • Rette parallele e perpendicolari.
  • Triangoli: classificazione e proprietà.
  • Riconoscere i principali enti geometrici e descriverli con il linguaggio specifico.
  • Individuare le proprietà essenziali delle figure.
  • Dimostrare enunciati geometrici con un percorso guidato

STATISTICA E INFORMATICA

  • Elementi di statistica descrittiva: analisi, organizzazione ed elaborazione di dati numerici.
  • Foglio di calcolo.
  • Raccogliere, organizzare e rappresentare dati statistici.
  • Calcolare indici di posizione centrale e di dispersione  di un insieme di dati.
  • Usare consapevolmente le potenzialità offerte dal foglio di calcolo per l’elaborazione e la rappresentazione di dati.

CLASSE SECONDA  - SCIENZE UMANE e LES

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

CALCOLO ALGEBRICO

  • Frazioni algebriche.
  • Individuare le condizioni di esistenza e operare con le frazioni algebriche.

EQUAZIONI e

DISEQUAZIONI

  • Equazioni numeriche frazionarie.
  • Sistemi di equazioni di primo grado.
  • Disequazioni e sistemi di disequazioni numeriche di primo grado e di grado superiore o fratte (risolvibili col prodotto grafico di fattori lineari).
  • Risolvere equazioni numeriche intere lineari e di grado superiore al primo (con legge di annullamento prodotto) e frazionarie.
  • Risolvere sistemi di equazioni lineari.
  • Risolvere disequazioni intere e fratte.
  • Risolvere sistemi di disequazioni.

GEOMETRIA ANALITICA

  • La retta nel piano cartesiano.
  • Rappresentare rette nel piano cartesiano.

GEOMETRIA EUCLIDEA

  • Quadrilateri.
  • Equivalenza nel piano.
  • Teoremi di Pitagora ed Euclide.
  • Similitudine fra triangoli.
  • Relazioni tra i lati di un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 30° 60° o 45°.
  • Riconoscere le proprietà essenziali delle figure e descriverle con il linguaggio specifico.
  • Comprendere i principali passaggi logici di una dimostrazione.

RISOLUZIONE DI PROBLEMI

(MODULO TRASVERSALE AI PRECEDENTI)

  • Problemi di argomento vario e di geometria.
  • Tecniche risolutive di un problema utilizzando equazioni, disequazioni, sistemi e grafici.
  • Progettare un percorso risolutivo per un problema.
  • Costruire il modello algebrico di un problema.
  • Valutare la coerenza dei risultati ottenuti.

ELEMENTI DI INFORMATICA

(MODULO TRASVERSALE AI PRECEDENTI)

  • Software applicativi per rappresentare e manipolare oggetti matematici.
  • Comprendere la valenza metodologica dell’informatica nella formalizzazione  e modellizzazione di oggetti matematici.
  • Passare da un registro di rappresentazione ad un altro (algebrico, grafico, funzionale).

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

A conclusione del biennio si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il terzo anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita.

LICEO DELLE SCIENZE UMANE      MATEMATICA TRIENNIO

CLASSE TERZA - SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

RADICALI

  • Regole di calcolo con i radicali.
  • Semplificare espressioni con radicali.

EQUAZIONI

DISEQUAZIONI

SISTEMI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di secondo grado.
  • Equazioni di grado superiore al secondo: binomie, trinomie.
  • Disequazioni di secondo grado.
  • Sistemi di equazioni di secondo grado, sistemi simmetrici.
  • Sistemi di disequazioni.
  • Risolvere equazioni di vario tipo.
  • Risolvere sistemi di equazioni.
  • Risolvere disequazioni intere e fratte.
  • Risolvere sistemi di disequazioni
  • Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni.

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI

  • Complementi di algebra (equazioni e disequazioni irrazionali)
  • Saper utilizzare in modo approfondito le tecniche del calcolo algebrico.

LE  FUNZIONI

  • Concetto di funzione e tutte le sue generalità: dominio e codominio. Grafici di funzioni
  • Saper riconoscere le diverse tipologie di funzione, saper determinare il loro dominio e codominio.

LE CONICHE

  • Coniche: caratteristiche fondamentali. Parabola, circonferenza, ellisse, iperbole, retta tangente ad una conica
  • Saper riconoscere, costruire e rappresentare funzioni lineari e coniche in un piano cartesiano
  • Saper risolvere problemi inerenti a posizioni reciproche di rette e coniche

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

 A conclusione del terzo anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quarto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUARTA - SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

GONIOMETRIA

  • Funzioni goniometriche: angoli notevoli, grafici
  • Archi associati.
  • Formule goniometriche: formule di addizione, sottrazione, duplicazione, bisezione. Espressioni contenenti le funzioni goniometriche.
  • Equazioni e disequazioni goniometriche: elementari, lineari in seno e coseno, omogenee di secondo grado in seno e coseno.
  • Saper calcolare semplici espressioni goniometriche
  • Applicare le formule goniometriche nelle espressioni.
  • Verificare identità goniometriche.
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni goniometriche

TRIGONOMETRIA

  • Teoremi sui teoremi rettangoli
  • Teoremi relativi a triangoli qualunque: teorema della corda, teorema dei seni, teorema di Carnot.
  • Saper risolvere problemi di trigonometria piana e applicativi sui triangoli rettangoli
  • Risolvere i problemi trigonometrici

ESPONENZIALI E LOGARITMI

  • Le potenze con esponente reale
  • La funzione esponenziale
  • La funzione logaritmica
  • Equazioni e disequazioni esponenziali
  •  Equazioni e disequazioni logaritmiche
  • Saper rappresentare nel piano cartesiano le funzioni esponenziali e logaritmiche
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni logaritmiche

CALCOLO COMBINATORIO

  • Disposizioni
  • Permutazioni
  • Combinazioni
  • Saper riconoscere i diversi casi del calcolo combinatorio, applicando opportunamente le formule adeguate

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

A conclusione del quarto anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quinto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUINTA -  - SCIENZE UMANE

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

EQUAZIONI,  DISEQUAZIONI

  • Il concetto di modulo.
  • Equazioni e disequazioni contenenti uno o più moduli.
  • Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni con uno o più moduli.

LE  FUNZIONI

  • Concetto di funzione e tutte le sue generalità: dominio e codominio, proprietà delle funzioni. Grafici di funzioni
  • Saper riconoscere le diverse tipologie di funzione, saper determinare il loro dominio e codominio.

LIMITI  E CONTINUITA’

  • Definizioni e proprietà dei limiti, teoremi relativi. Definizione di continuità di una funzione.Teoremi sulle funzioni continue.
  • Saper calcolare limiti, applicando sia le tecniche opportune sia utilizzando i limiti notevoli
  • Saper riconoscere e classificare le diverse tipologie di discontinuità di una funzione
  • Saper tracciare il grafico probabile di una funzione.
  • Saper applicare i concetti di limite e di continuità in ambiti contestualizzati

DERIVATE

  • Definizione e proprietà delle derivate
  • Teoremi sulle funzioni derivabili, tecniche di derivazione
  • Massimi, minimi, flessi, grafici di funzioni.
  • Saper calcolare derivate
  • Saper studiare funzioni di vario tipo

INTEGRALI

  • Definizione di integrale definito e indefinito e relative proprietà.
  • Aree.
  • Saper calcolare   integrali definiti ed indefiniti
  • Saper calcolare  semplici aree.

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ECONOMICO SOCIALE (LES)    MATEMATICA    TRIENNIO

CLASSE TERZA - LES

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

RADICALI

  • Regole di calcolo con i radicali.
  • Semplificare espressioni con radicali.

EQUAZIONI

DISEQUAZIONI

SISTEMI

  • Equazioni intere, frazionarie, numeriche e letterali di secondo grado.
  • Equazioni di grado superiore al secondo: binomie, trinomie.
  • Disequazioni di secondo grado.
  • Sistemi di equazioni di secondo grado, sistemi simmetrici.
  • Sistemi di disequazioni.
  • Risolvere equazioni di vario tipo.
  • Risolvere sistemi di equazioni.
  • Risolvere disequazioni intere e fratte.
  • Risolvere sistemi di disequazioni
  • Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni.

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI IRRAZIONALI

  • Complementi di algebra (equazioni e disequazioni irrazionali)
  • Saper utilizzare in modo approfondito le tecniche del calcolo algebrico.

LE  FUNZIONI

  • Concetto di funzione e tutte le sue generalità: dominio e codominio. Grafici di funzioni
  • La regressione
  • Funzioni della domanda e dell’offerta
  • Saper riconoscere le diverse tipologie di funzione, saper determinare il loro dominio e codominio.
  • Saper interpolare dati
  • Saper determinare il prezzo di equilibrio  e determinare l’elasticità della domanda

LE CONICHE

  • Coniche: caratteristiche fondamentali. Parabola, circonferenza, ellisse, iperbole, retta tangente ad una conica
  • Saper riconoscere, costruire e rappresentare funzioni lineari e coniche in un piano cartesiano
  • Saper risolvere problemi inerenti a posizioni reciproche di rette e coniche

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

A conclusione del terzo anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quarto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUARTA - LES

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

GONIOMETRIA

  • Funzioni goniometriche: angoli notevoli, grafici
  • Archi associati.
  • Formule goniometriche: formule di addizione, sottrazione, duplicazione, bisezione. Espressioni contenenti le funzioni goniometriche.
  • Equazioni e disequazioni goniometriche: elementari, lineari in seno e coseno, omogenee di secondo grado in seno e coseno.
  • Saper calcolare semplici espressioni goniometriche
  • Applicare le formule goniometriche nelle espressioni.
  • Verificare identità goniometriche.
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni goniometriche

TRIGONOMETRIA

  • Teoremi sui teoremi rettangoli
  • Teoremi relativi a triangoli qualunque: teorema della corda, teorema dei seni, teorema di Carnot.
  • Saper risolvere problemi di trigonometria piana e applicativi sui triangoli rettangoli
  • Risolvere i problemi trigonometrici

LOGARITMI e FUNZIONI

  • Le potenze con esponente reale
  • La funzione esponenziale
  • La funzione logaritmica
  • Equazioni e disequazioni esponenziali
  •  Equazioni e disequazioni logaritmiche
  • Funzioni di costo, ricavo e profitto
  • Saper rappresentare nel piano cartesiano le funzioni esponenziali e logaritmiche
  • Saper risolvere equazioni e disequazioni logaritmiche
  • Saper operare con le funzioni di costo, ricavo e profitto

CALCOLO COMBINATORIO

  • Disposizioni
  • Permutazioni
  • Combinazioni
  • Saper riconoscere i diversi casi del calcolo combinatorio, applicando opportunamente le formule adeguate

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

A conclusione del quarto anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quinto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUINTA - LES

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

EQUAZIONI,  DISEQUAZIONI

  • Il concetto di modulo.
  • Equazioni e disequazioni contenenti uno o più moduli.
  • Risolvere equazioni, disequazioni e sistemi di equazioni o disequazioni con uno o più moduli.

FUNZIONI

  • Concetto di funzione e tutte le sue generalità: dominio e codominio, proprietà delle funzioni. Grafici di funzioni
  • Funzioni di consumo e di investimento
  • L’economia di Keynes
  • Saper riconoscere le diverse tipologie di funzione, saper determinare il loro dominio e codominio.
  • Operare con funzioni di consumo e di investimento
  • Rappresentare la croce Keynesiana

LIMITI  E CONTINUITA’

  • Definizioni e proprietà dei limiti, teoremi relativi. Definizione di continuità di una funzione.Teoremi sulle funzioni continue.
  • Saper calcolare limiti, applicando sia le tecniche opportune sia utilizzando i limiti notevoli
  • Saper riconoscere e classificare le diverse tipologie di discontinuità di una funzione
  • Saper tracciare il grafico probabile di una funzione.
  • Saper applicare i concetti di limite e di continuità in ambiti contestualizzati

DERIVATE

  • Definizione e proprietà delle derivate
  • Teoremi sulle funzioni derivabili, tecniche di derivazione
  • Massimi, minimi, flessi, grafici di funzioni.
  • Saper calcolare derivate
  • Saper studiare funzioni di vario tipo

INTEGRALI

  • Definizione di integrale definito e indefinito e relative proprietà.
  • Aree.
  • Saper calcolare   integrali definiti ed indefiniti
  • Saper calcolare  semplici aree.


CURRICULUM DI FISICA

LICEO SCIENTIFICO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Al termine del percorso liceale lo studente avra' appreso i  concetti fondamentali della fisica, le leggi e le teorie che  li  esplicitano, acquisendo consapevolezza del valore conoscitivo della  disciplina  e del nesso tra lo sviluppo della conoscenza fisica ed il contesto  storico e filosofico in cui essa si e' sviluppata.  

In particolare, lo studente avra' acquisito le  seguenti  competenze: osservare e  identificare  fenomeni;  formulare  ipotesi  esplicative utilizzando modelli, analogie e leggi; formalizzare  un  problema  di fisica e applicare gli strumenti matematici e disciplinari  rilevanti per la  sua  risoluzione;  fare  esperienza  e  rendere  ragione  del significato  dei  vari  aspetti   del   metodo   sperimentale,   dove l'esperimento e' inteso come interrogazione  ragionata  dei  fenomeni naturali, scelta delle variabili significative,  raccolta  e  analisi critica dei dati e  dell'affidabilita'  di  un  processo  di  misura, costruzione e/o validazione di modelli;  comprendere  e  valutare  le scelte scientifiche e tecnologiche che interessano la societa' in cui vive.

PRIMO BIENNIO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA DAL BIENNIO

Gli obiettivi generali della disciplina si concretizzano nel raggiungimento delle competenze che l’alunno deve possedere alla fine del primo biennio. Secondo le Indicazioni Nazionali tali competenze sono le seguenti:

  1. Operare con le equivalenze e con le comuni unità di misura utilizzando la notazione scientifica e gli ordini di grandezza.
  2. Usare gli opportuni strumenti di misura, misurando in modo diretto ed indiretto.
  3. Analizzare le diverse relazioni tra grandezze, rappresentando i dati su un opportuno grafico.
  4. Operare con i vettori e calcolare la risultante di forze con le opportune componenti.
  5. Operare con la la statica dei fluidi, risolvendo problemi che riguardano la pressione e la forza nei liquidi e nei gas.
  6. Operare con i fenomeni legati alla luce.
  7. Operare con i moti piani.
  8. risolvere semplici esercizi di dinamica
  9. usare le conoscenze appropriate per risolvere problemi che riguardano il lavoro e l’energia
  10. Operare con semplici fenomeni legati alla termologia

PERCORSO DIDATTICO – FORMATIVO

CLASSE PRIMA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

GRANDEZZE FISICHE E LORO RAPPRESENTAZIONE

  • Grandezze fondamentali e derivate
  • multipli e sottomultipli
  • cifre significative
  • potenze di 10
  • notazione scientifica e ordine di grandezza
  • riconoscere le relazioni tra grandezze fisiche
  • operare con multipli e sottomultipli di una grandezza
  • scrivere i risultati in notazione scientifica e determinare l’ordine di grandezza di un numero

MISURE DIRETTE E INDIRETTE ED ERRORI DI MISURA

  • Misure dirette di lunghezza, massa, tempo, superficie e volume e altre grandezze
  • errori di misura
  • errore assoluto, relativo, percentuale
  • incertezza di una misura
  • risultato di una misura
  • propagazione degli errori
  • densità di solidi, liquidi e gas
  • misurare grandezze fisiche
  • valutare l’incertezza di una misura
  • valutare l’incertezza di una misura
  • valutare gli errori sia nelle misure dirette che indirette di una grandezza fisica
  • misurare superfici, volumi
  • misurare densità

RELAZIONE TRA GRANDEZZE E LORO RAPPRESENTAZIONE

  • Relazione proporzionalità diretta
  • dipendenza lineare
  • proporzionalità inversa
  • proporzionalità quadratica
  • come si disegna un grafico
  • interpolazione

  • riconoscere la proporzionalità diretta e rappresentarla graficamente
  • riconoscere la proporzionalità inversa e rappresentarla graficamente
  • riconoscere la proporzionalità quadratica la rappresentarla graficamente
  • rappresentare dati in un diagramma cartesiano
  • interpolare semplici dati

VETTORI

  • grandezze scalari e vettoriali
  • modulo, direzione e verso dei vettori
  • rappresentazione di vettori
  • operazioni con i vettori
  • scomposizione di vettori
  • algebra dei vettori per componenti
  • riconoscere grandezze scalari e vettoriali
  • riconoscere le caratteristiche di un vettore
  • rappresentare vettori su un piano
  • sommare vettori
  • scomporre vettori nelle sue componenti
  • sommare vettori per mezzo della scomposizione in componenti

LE FORZE E L’EQUILIBRIO

  • Rappresentazione vettoriale delle forze
  • risultante di più forze applicate ad un punto materiale
  • forza peso
  • forza elastica
  • forza di attrito
  • scomporre le forze su un piano inclinato
  • risolvere semplici problemi sull’equilibrio di un corpo
  • operare con le forze
  • risolvere semplici esercizi sulla forza peso
  • risolvere semplici esercizi sulla forza elastica
  • risolvere semplici esercizi sulla forza di attrito (anche con piano inclinato)

LA STATICA DEI FLUIDI

  • pressione e sue unità di misura
  • principio di pascal
  • vasi comunicanti
  • Legge di Stevino
  • Spinta idrostatica
  • Legge di Archimede
  • la pressione atmosferica
  • conoscere le varie unità di misura della pressione e sa convertirle
  • risolvere semplici esercizi di applicazione del principio di Pascal e della legge di Stevino
  • risolvere semplici esercizi sui vasi comunicanti
  • risolvere semplici esercizi sulla spinta idrostatica

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL SECONDO ANNO

L’alunno per accedere al secondo anno deve possedere le abilità relative ai moduli sopra elencati. Per tali abilità, lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto almeno un livello base per il superamento del primo anno.

Per “livello base” si intende saper risolvere esercizi e problemi  che richiedano procedure consolidate di applicazione delle conoscenze acquisite e saper enunciare in modo appropriato i concetti base degli argomenti trattati.

CLASSE SECONDA  - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

OTTICA GEOMETRICA

  • La velocità della luce
  • i raggi luminosi
  • riflessione: specchi
  • rifrazione
  • Lenti
  • Strumenti ottici.
  • operare con i fenomeni legati alla luce.
  • Risolvere esercizi sulla riflessione, riflessione e riflessione totale della luce.
  • Operare con la costruzione dell’immagine di un oggetto posto in corrispondenza di uno specchio o di una lente con la legge dei punti coniugati.

MOTI UNIDIMEN SIONALI

  • scelta del sistema di riferimento
  • vettore posizione e vettore spostamento
  • velocità media e velocità istantanea
  • moto rettilineo uniforme
  • moto vario
  • moto uniformemente accelerato
  • rappresentazione grafica
  • riconoscere la differenza tra vettore posizione e vettore spostamento
  • calcolare la velocità media e la velocità istantanea di un corpo e ne capisce la differenza
  • risolvere problemi sui moti
  • rappresenta le leggi orarie in grafici opportuni

DINAMICA DEL PUNTO

  • principi della dinamica
  • massa inerziale
  • relazione tra accelerazione di gravità e forza peso
  • principio di relatività Galileiana e moti relativi
  • applicazione delle leggi della dinamica
  • lavoro di una forza costante
  • conoscere e applica i principi della dinamica
  • conoscere la relazione tra accelerazione di gravità e forza peso
  • conoscere i principi di relatività galileiana
  • applicare i principi della dinamica in relazione alla forza peso, alla forza elastica e alla forza di attrito (anche su piano inclinato)
  • calcolare il lavoro di una forza costante

LAVORO ED ENERGIA

  • lavoro di una forza
  • energia cinetica
  • energia potenziale
  • risolvere semplici esercizi sul lavoro
  • risolvere semplici esercizi sull’energia potenziale e cinetica

EQUILIBRIO TERMICO

  • temperatura e sue unità di misura
  • dilatazione lineare e volumica
  • capacità, calore specifico e calore
  • temperatura di equilibrio
  • passaggi di calore: conduzione, convezione e irraggiamento
  • i passaggi di stato
  • calore latente di fusione e di evaporazione
  • trasformare temperature in unità di misura diverse
  • calcolare la dilatazione lineare e volumica di corpi sottoposti a variazione di temperatura
  • alcolare il calore di un corpo e la sua capacità
  • calcolare la temperatura di equilibrio tra due corpi
  • risolvere semplici esercizi sul passaggio di calore
  • conoscere i passaggi di stato
  • calcolare il calore latente
  • risolvere semplici esercizi sull’equilibrio termico

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL TERZO ANNO

L’alunno per accedere al terzo anno deve possedere le abilità relative ai moduli sopra elencati Per tali abilità, che sono elencate di seguito, lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto almeno un livello base per il superamento del secondo anno.

Per “livello base” si intende saper risolvere esercizi e problemi  che richiedano procedure consolidate di applicazione delle conoscenze acquisite e saper enunciare in modo appropriato i concetti base degli argomenti trattati.

CLASSE TERZA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

I moti piani 

  • I moti piani
  • Lavoro ed energia meccanica
  • Principi di conservazione dell’energia meccanica
  • Saper applicare le leggi dei moti nei problemi
  • Saper risolvere problemi sui principi di conservazione

I principi della dinamica

  • Le leggi della dinamica
  • Lavoro ed energia meccanica
  • Principi di conservazione dell’energia meccanica
  • Saper applicare i principi della dinamica in situazioni standard
  • Saper risolvere problemi sui principi di conservazione

La quantità di moto

  • La quantità di moto
  • La conservazione della quantità di moto
  • Gli urti
  • L’impulso di una forza
  • Il momento angolare
  • Conservazione e variazione del momento angolare
  • Applicare il concetto di quantità di moto nei problemi
  • Riconoscere il significato del momento della quantità di moto di un corpo e le sue possibili applicazioni
  • Applicare la legge di conservazione del momento angolare

 La dinamica dei fluidi

  • L’equazione di continuità
  • L’equazione di Bernoulli
  • La dilatazione lineare dei solidi
  • La dilatazione volumica dei solidi e liquidi
  •  Saper riconoscere i cambiamenti che manifestano i corpi quando sono riscaldati o raffreddati
  • Saper applicare  le leggi di dilatazione termica dei solidi e dei liquidi

Le leggi dei gas

  • Le trasformazioni di un gas
  • Le leggi sui gas
  • Il gas perfetto
  • Calore e lavoro
  • Capacità termica e calore specifico
  • La propagazione del calore
  •  Saper interpretare il piano PV e rappresentare le trasformazioni dei gas perfetti
  • Determinare pressione, volume, e temperatura nelle trasformazioni dei gas.
  • Applicare l’equazione di stato dei gas perfetti
  • Applicare il principio di equivalenza tra calore e lavoro
  • Calcolare il calore assorbito e ceduto in calorie e joule

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

 A conclusione del terzo anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quarto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUARTA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE 

ABILITA’

La teoria cinetica dei gas perfetti

  • Le leggi dei gas perfetti
  • Saper applicare la teoria cinetica negli esercizi

La Termodinamica

  • Il lavoro termodinamico
  • Il primo principio della termodinamica
  • Applicazione del primo principio
  • Le macchine termiche
  • Il secondo principio della termodinamica
  • Il rendimento
  • Il teorema di Carnot
  • Il motore dell’automobile
  • Il frigorifero
  • il concetto di entropia e l’interpretazione probabilistica del II principio della termodinamica
  • Applicare il primo principio della termodinamica e la legge di conservazione dell’energia totale
  • Calcolare i valori di pressione, volume, e temperatura di un gas i un ciclo completo
  • Applicare il secondo principio della termodinamica e l’espressione dei suoi vari enunciati
  • Confrontare il rendimento delle macchine irreversibili con il rendimento della macchina di Carnot

Onde: acustica ed onde luminose

  • Le onde
  • Le onde periodiche
  • La legge delle onde armoniche
  • Fenomeni ondulatori: riflessione, rifrazione, interferenza, battimenti, diffrazione
  • Il suono
  • Le onde luminose
  • Applicare le leggi della meccanica dei sistemi oscillanti
  • Acquisizione del modello ondulatorio della luce
  • Saper applicare le leggi della dinamica all’oscillatore armonico
  • Saper risolvere  esercizi di applicazione ai fenomeni ondulatori

Cariche elettriche

e

Campo elettrico

  • Il campo gravitazionale e la legge di gravitazione universale
  • Fenomeni elettrostatici e applicazione ad essi del concetto di campo
  • I conduttori e gli isolanti
  • La legge di Coulomb
  • Il vettore campo elettrico
  • Il flusso del campo elettrico e il teorema di Gauss
  • Campi elettrici con particolari simmetrie
  • Riconoscere i principali fenomeni elettrici
  • Applicare la legge di Coulomb e la legge delle forze elettriche
  • Riconoscere le analogie e le differenze fra campo gravitazionale e il campo elettrico
  • Disegnare le linee di campo
  • Calcolare il flusso
  • Saper applicare il teorema di Gauss in casi particolari

Il potenziale elettrico

e

I fenomeni di elettrostatica

  • L’energia potenziale elettrica
  •  Il potenziale elettrico
  • La circuitazione del campo elettrostatico
  • Il campo elettrico e il potenziale in un conduttore in equilibrio elettrostatico
  • La capacità di un conduttore
  •  Il condensatore
  • Riconoscere il significato di energia potenziale di un campo elettrico e applicarlo nei problemi
  • Riconoscere le relazioni tra campo elettrico e potenziale elettrico e applicarle negli esercizi
  • Calcolare la circuitazione di un campo vettoriale e di un campo conservativo
  • Calcolare la capacità di un conduttore
  • Calcolare la capacità e l’energia di un condensatore piano

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUINTO ANNO

 A conclusione del quarto anno si ritiene che l’alunno debba possedere tutte le abilità indicate sopra per poter affrontare il quinto anno e per il raggiungimento delle competenze delle Indicazioni Nazionali elencate nel profilo di competenze in uscita

CLASSE QUINTA - scientifico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

la corrente elettrica

  • Generatori di tensione
  • Circuito elettrico elementare
  • Prima legge di Ohm
  • Conduttori ohmici in serie ed in parallelo
  • Trasformazione dell'energia elettrica
  • La forza elettromotrice e la resistenza interna di un generatore di tensione
  • I conduttori metallici
  • Seconda legge di Ohm: la resistività di un conduttore
  • Dipendenza della resistenza dalla temperatura
  • Leggi di Kirchhoff
  • Effetto Joule
  •  Saper risolvere   circuiti elettrici in corrente continua
  • Saper trattare gli aspetti energetici legati alla conduzione elettrica

 magnetismo

  • Magneti naturali ed artificiali. Il campo magnetico.
  • Definizione di B
  • Linee di campo magnetico
  • Forza di Lorentz
  • Campi incrociati: effetto Hall, scoperta degli isotopi (lo spettrografo di massa)
  • Ciclotroni e sincrotroni
  • Forza magnetica su un filo percorso da corrente
  • Momento torcente su una spira percorsa da corrente. Dipolo magnetico.
  • Forze che si esercitano tra magneti e correnti e tra correnti e correnti: esperimenti di Oersted, Faraday, Ampere.
  • Campo generato da una corrente (legge di BiotSavart).
  • Conduttori paralleli e definizione di Ampere.
  • Circuitazione di B (legge di Ampere).
  • Campo magnetico di un solenoide.
  • Dipolo magnetico costituito da una spira percorsa da corrente.
  • Flusso del campo magnetico
  • Saper applicare la forza di Lorentz alla dinamica delle particelle cariche
  • Saper risolvere problemi di applicazione del campo magnetico

l’induzione elettroma gnetica

  • Fenomeni di induzione
  • Legge di FaradayNeumann
  • Legge di Lenz
  • Campi elettrici indotti
  • Autoinduzione
  • Induttanza, induttanza di
  • una bobina
  • Circuito RL e RC in DC (fase transitoria)
  • Energia e densità di energia del campo magnetico
  • Alternatore Corrente alternata: valori efficaci e condizione di risonanza in circuiti RLC
  • Saper calcolare correnti indotte in varie situazioni
  • Saper risolvere problemi di applicazione dell’induzione elettromagnetica

 le onde elettroma gnetiche

  • Il campo magnetico indotto
  • Il termine mancante:
  • corrente di spostamento
  • Equazioni di Maxwell
  • Soluzione delle equazioni di Maxwell nel vuoto: onde elettromagnetiche
  • velocità delle onde elettromagnetiche
  • onde elettromagnetiche piane
  • Energia delle onde elettromagnetiche
  • Saper sintetizzare in modo compiuto i diversi aspetti dell’elettromagnetismo
  • Saper analizzare in modo consapevole le varie problematiche legate alla produzione ed il  trasporto delle onde elettromagnetiche

relativita’ ristretta

  • Problema dell’invarianza delle equazioni di Maxwell per trasformazioni galileiane
  • Trasformazioni di Lorentz
  • Formula relativistica per l’addizione delle velocità
  • Principio di relatività di Einstein
  • Dilatazione di tempo
  • Problema della simultaneità
  • Evidenza sperimentale dei fenomeni relativistici
  • Dinamica relativistica: massa relativistica
  • Energia relativistica ed equivalenza massa-energia
  • Saper risolvere semplici problemi di relatività ristretta, dimostrando di aver assimilato in modo sicuro e profondo i fondamenti e le principali conseguenze di tale teoria

i quanti

  • Radiazione di corpo nero e ipotesi di Planck
  • Effetto fotoelettrico
  • Effetto Compton
  • Saper risolvere semplici problemi di quantizzazione energetica, dimostrando di aver assimilato in modo sicuro e profondo i fondamenti e le principali conseguenze  di tale ipotesi

modello quantistico dell’atomo e dualismo onda corpuscolo

  • Scoperta elettrone e modello atomico di Thomson
  • Esperienza di Rutherford
  • Modelli atomici di
  • Rutherford, Bohr
  • Quantizzazione ed energia
  •  di legame in un atomo
  • Livelli energetici dell’atomo d’idrogeno
  • Principio di
  • indeterminazione di
  • Heisenberg
  • Lunghezza d’onda di De Broglie
  • Elettroni e onde di materia
  • Equazione di Schröedinger e semplici applicazioni
  • Saper risolvere semplici problemi di fisica quantistica, dimostrando di aver compreso in modo sicuro e profondo i   principi e le  conseguenze  della teoria ondulatoria della materia

INDIRIZZO CLASSICO

PROFILO DI COMPETENZE IN USCITA

Al termine del percorso liceale lo studente avrà appreso i concetti fondamentali della fisica, acquisendo consapevolezza del valore culturale della disciplina e della sua evoluzione storica ed epistemologica.

In particolare, lo studente avrà acquisito le seguenti competenze: osservare e identificare fenomeni; affrontare e risolvere semplici problemi di fisica usando gli strumenti matematici adeguati al suo percorso didattico; avere consapevolezza dei vari aspetti del metodo sperimentale, con particolare riferimento alla modellizzazione dei fenomeni naturali, all’analisi critica dei dati e all'affidabilità del processo di misura; comprendere e valutare le scelte scientifiche e tecnologiche che interessano la società in cui vive.

  1. Operare con le equivalenze e con le comuni unità di misura utilizzando la notazione scientifica e gli ordini di grandezza.
  2. Usare gli opportuni strumenti di misura, misurando in modo diretto ed indiretto.
  3. Analizzare le diverse relazioni tra grandezze, rappresentando i dati su un opportuno grafico.
  4. Operare con i vettori e calcolare la risultante di forze con le opportune componenti.
  5. Operare con la la statica dei fluidi, risolvendo problemi che riguardano la pressione e la forza nei liquidi e nei gas.
  6. Operare con i fenomeni legati alla luce.
  7. Operare con i moti piani.
  8. Risolvere semplici esercizi di dinamica
  9. Usare le conoscenze appropriate per risolvere problemi che riguardano il lavoro e l’energia
  10. Operare con semplici fenomeni legati alla termodinamica
  11. Operare con semplici fenomeni legati all’elettromagnetismo

CLASSE TERZA - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

grandezze fisiche e loro rappresentazione

  • Grandezze fondamentali e derivate
  • multipli e sottomultipli
  • cifre significative
  • potenze di 10
  • notazione scientifica e ordine di grandezza
  • riconoscere le relazioni tra grandezze fisiche
  • operare con multipli e sottomultipli di una grandezza
  • scrivere i risultati in notazione scientifica e determinare l’ordine di grandezza di un numero

misure dirette e indirette ed errori di misura

  • Misure dirette
  • misure ripetibili e non ripetibili
  • misure indirette
  • errori di misura
  • risultato di una misura
  • propagazione degli errori
  • rappresentazione degli errori su grafici
  • misurare grandezze fisiche
  • valuta gli errori sia nelle misure dirette che indirette di una grandezza fisica
  • misurare superfici, volumi
  • misurare densità

relazione tra grandezze e loro rappresentazione

  • proporzionalità diretta
  • dipendenza lineare
  • proporzionalità inversa
  • proporzionalità quadratica
  • come si disegna un grafico
  • interpolazione
  • riconoscere la proporzionalità diretta,  la proporzionalità inversa, la proporzionalità quadratica e rappresentarle graficamente
  • rappresentare dati in un diagramma cartesiano
  • interpolare semplici dati

vettori

  • Grandezze scalari e vettoriali
  • modulo, direzione e verso dei vettori
  • rappresentazione di vettori
  • operazioni con i vettori
  • scomposizione di vettori
  • algebra dei vettori per componenti
  • riconoscere grandezze scalari e vettoriali
  • riconoscere le caratteristiche di un vettore
  • rappresentare vettori su un piano
  • somma vettori
  • scomporre un vettore nelle sue componenti nel piano
  • operazioni fra vettori in componenti

moti unidimensionali

  • scelta del sistema di riferimento
  • vettore posizione e vettore spostamento
  • velocità media e velocità istantanea
  • moto rettilineo uniforme
  • moto vario
  • moto rettilineo uniformemente accelerato
  • rappresentazione grafica
  • riconoscere la differenza tra vettore posizione e vettore spostamento
  • calcolare la velocità media e la velocità istantanea di un corpo e capirne la differenza
  • risolvere problemi sui moti
  • rappresentare le leggi orarie in grafici opportuni

le forze e l’equilibrio

  • Rappresentazione vettoriale delle forze
  • risultante di più forze applicate ad un punto materiale
  • forza peso
  • forza elastica
  • forza di attrito
  • scomporre le forze su un piano inclinato
  • risolvere semplici problemi sull’equilibrio di un corpo
  • operare con le forze
  • risolve semplici esercizi sulla forza peso
  • risolve semplici esercizi sulla forza elastica
  • risolve semplici esercizi sulla forza di attrito

dinamica del punto

  • Le tre leggi della dinamica
  • la massa inerziale
  • relazione tra accelerazione di gravità e forza peso
  • conoscere e applicare le leggi della dinamica
  • conosce la relazione tra accelerazione di gravità e forza peso
  • applicare le leggi della dinamica a semplici problemi in cui intervengono la forza peso, la forza elastica, la forza di attrito

REQUISITI MINIMI PER IL PASSAGGIO AL QUARTO ANNO

L’alunno per accedere al quarto anno deve possedere le abilità relative ai moduli sopra elencati. Per tali abilità, lo studente dovrà dimostrare di aver raggiunto almeno un livello base.

Per “livello base” si intende saper risolvere esercizi e problemi  che richiedano procedure consolidate di applicazione delle conoscenze acquisite e saper enunciare in modo appropriato i concetti base degli argomenti trattati.

CLASSE QUARTA - classico

MODULO

CONOSCENZE

ABILITA’

la statica dei fluidi

  • Pressione e sue unità di misura
  • principio di Pascal
  • vasi comunicanti
  • legge di Stevin
  • legge di Archimede
  • la pressione atmosferica
  • conosce le varie unità di misura della pressione
  • risolve semplici esercizi di applicazione

lavoro ed energia

  • Lavoro compiuto da una forza costante lungo una traiettoria rettilinea
  • lavoro compiuto da una forza qualunque lungo una traiettoria qualunque
  • potenza
  • energia cinetica
  • forze conservative
  • energia potenziale
  • energia meccanica e sua conservazione
  • risolvere semplici esercizi su lavoro, energia cinetica, energia potenziale gravitazionale ed elastica
  • applicare la conservazione dell’energia

quantita’ di moto ed impulso

  • Sistemi di punti materiali
  • la quantità di moto e la sua conservazione
  • Gli urti
  • Descrivere urti elastici unidimensionali e risolvere semplici problemi ad essi relativi
  • Descrivere urti completamente anelastici e risolvere semplici problemi ad essi relativi

gravitazione

  • Sistema geocentrico e sistema eliocentrico
  • le leggi di Keplero
  • La legge di gravitazione universale
  • applicazione alle leggi di Keplero
  • energia potenziale
  • velocità di fuga
  • Calcolare l’interazione gravitazionale tra due corpi
  • calcolare l’accelerazione di gravità
  • calcolare la velocità di fuga  

termologia

  • Sistemi termodinamici e loro classificazione
  • grandezze termodinamiche
  • temperatura
  • stati di equilibrio ed equilibrio termodinamico
  • riconoscere e classificare diversi esempi di sistemi termodinamici
  • trasformare la  temperature in unità di misura diverse

prima legge della termodinamica

  • Il mulinello di Joule
  • lavoro esterno adiabatico ed energia interna
  • calore e lavoro
  • prima legge della termodinamica
  • relazione fondamentale della calorimetria
  • passaggi di stato
  • dilatazione termica
  • trasmissione del calore
  • Identificare calore e lavoro come energie in transito.
  • Applicare la prima legge a casi semplici
  • Risolvere semplici problemi su
  • equilibrio termico
  • passaggi di stato
  • dilatazione termica
  • conduzione
  • irraggiamento