UISP sportpertutti Motociclismo Logo 110x65.jpg

UISP NAZIONALE

STRUTTURA DI ATTIVITÀ MOTOCICLISMO


REGOLAMENTO NAZIONALE ENDURO

UISP MOTOCICLISMO

PREMESSA

La UISP Motociclismo in risposta alle specifiche esigenze degli associati praticanti la disciplina sportiva del Motociclismo, elabora il presente ordinamento al fine di conformare la pratica delle attività ed i relativi percorsi formativi secondo criteri condivisi di buona tecnica e sicurezza.

L’UISP pratica, promuove e organizza la pratica amatoriale del Motociclismo considerando l’approccio alle attività competitive come ulteriore occasione ludico motoria di confronto e condivisione tra associazioni e soci praticanti.

Le associazioni affiliate promuovono la pratica del Motociclismo secondo criteri stabiliti dal presente regolamento. La UISP Motociclismo si impegna a far rispettare, nell’ambito delle proprie competenze, quanto definito da UISP Motociclismo in materia di specificità.

PERCORSO

Deve essere rilevabile su carte in scala non superiore a 1:100.000.

Gli organizzatori, per motivi di sicurezza, devono evitare nella scelta del percorso di interessare strade a grande traffico.

I conduttori devono attenersi a tutte le disposizioni vigenti in materia di circolazione stradale, compresa l'osservanza di ordinanze di autorità locali.

La partenza, l'arrivo, ed i punti di controllo devono essere ubicati nei luoghi e nei modi idonei a non intralciare la circolazione; quando possibile saranno situati fuori dalla sede stradale e sue strutture e pertinenze.

Il percorso deve essere indicato da apposite segnalazioni esposte in sede di iscrizioni.

I conduttori saranno dotati di tabella di marcia.

 l'uscita dal percorso o la percorrenza in senso inverso a quello indicato comporta l'esclusione immediata dalla manifestazione.

E' vietato provare il percorso durante tutta la settimana precedente la manifestazione, pena la non ammissione.

CONCORRENTI

Possono partecipare tutti i conduttori in possesso di Tessera UISP e Licenza Conduttore della UISP Motociclismo Nazionale che devono essere in possesso di tutti i requisiti previsti dal Codice della Strada e muniti di idonea patente di Guida.

TABELLA DI MARCIA

Nella tabella di marcia sono indicati: percorso, località di partenza, arrivo, transito e tempi di eventuali controlli orario, normali e di emergenza (in ogni caso i tempi di emergenza dovranno tenere conto di una maggiorazione minima di 5 minuti primi sul tempo teorico di ogni controllo).

Possono essere indicati controlli timbro di transito, prove di abilità, distanze tra località e quant'altro ritenuto utile.

La tabella di marcia viene consegnata alla partenza ad ogni conduttore che è tenuto ad esserne provvisto per tutta la durata della manifestazione e deve presentarla personalmente ai controlli ed ai giudici di percorso che la richiedano.

In caso di smarrimento il conduttore è obbligato a comunicarlo al controllo successivo.

La tabella di marcia va obbligatoriamente consegnata all'arrivo. In caso di ritiro la tabella va ugualmente riconsegnata a qualunque giudice di percorso, pena provvedimenti disciplinari.

SEGNALAZIONI

Il percorso viene segnalato con: frecce, segnali di pericolo, segnali di strada giusta e sbagliata.

Tali segnali vanno apposti provvisoriamente e comunque mai sui supporti dei normali segnali previsti dal Codice della Strada, evitando confusione ed incertezze con questi, devono essere rimossi prima possibile a manifestazione conclusa.

MEDIA DI MARCIA

E' facoltà del Direttore di Gara concedere neutralizzazioni sul tempo effettivo di marcia per soste od altri fatti imprevisti.

E' sempre neutralizzato il ritardo accumulato per assistenza a conduttori od altri utenti della strada infortunati.

CONTROLLI DI TRANSITO

Per verificare che i conduttori percorrono esattamente i tratti stabiliti, possono essere predisposti controlli a timbro o a vista.

I controlli a timbro devono essere segnalati da due bandiere azzurre o cartelli con scritte C.T. posti almeno cinquanta metri prima del punto di controllo ove il conduttore deve fermarsi.

Oltre all'apposizione del timbro sull’apposito cartellino fornito dall’organizzatore in fase di punzonatura,  viene stilato un ordine cronologico di passaggio. L'ubicazione dei controlli a vista di norma non viene segnalata, ma viene stilato l'elenco cronologico dei passaggi.

La mancanza di un Timbro o l'assenza sui cronologici di transito a vista, comporta l'esclusione del conduttore dalla manifestazione. In ultima analisi fa fede il cronologico di passaggio.

CONTROLLI ORARIO

Per verificare il rispetto della media oraria prestabilita, possono essere predisposti dei controlli orari.

Tali controlli ubicati in modo da non intralciare la normale circolazione vanno segnalati con due bandiere bianche o cartelli.

Dieci metri prima del posto di controllo devono essere poste due bandiere gialle e cartelli.

Dopo circa venti metri dalla linea del C.O., vengono poste due bandiere verdi e cartelli, entro cui possono essere effettuati il rifornimento e l'assistenza dei conduttori in ritardo.

I conduttori in attesa dell'orario di transito possono stazionare nella zona di assistenza compresa tra le bandiere bianche e gialle, viene penalizzato l'anticipo o il ritardo sul tempo teorico.

Un anticipo superiore a cinque minuti comporta l'immediato ritiro della tabella di marcia e quindi l'esclusione dalla manifestazione. Il conduttore in attesa dell'ora di transito, può recarsi a piedi al tavolo di cronometraggio per consultare l'ora ufficiale.

Il conduttore non deve superare le bandiere gialle con il motociclo, se non per presentare la sua tabella di marcia per l'apposizione del tempo, quindi non può arrestarsi ne arretrare nello spazio compreso tra le bandiere gialle e la linea del C.O.

Il tempo è quello rilevato nello stesso istante in cui la ruota anteriore del motociclo super la bandiera gialla.

Il tempo massimo scade 30 minuti primi interi dopo il tempo teorico di transito indicato sulla tabella di marcia, dopodichè il conduttore viene eliminato e la sua tabella di marcia ritirata.

A discrezione del Direttore di Gara, ai conduttori delle Categorie Super e/o Elite, possono essere ridotti i tempi di settore.

PROVE DI ABILITÀ'

L'organizzazione può predisporre delle prove speciali di abilità secondo la seguente tipologia:  

Tutte le prove si devono svolgere su terreni privati chiusi alla normale circolazione e senza ammissione di pubblico.

Il tracciato deve essere chiaramente delimitato da fettucce in plastica e non può essere provato dai conduttori prima della manifestazione, esclusivamente a piedi, pena la non ammissione alla manifestazione. Il tempo impiegato da ciascun conduttore in ogni singola prova, viene espresso in ore, minuti primi, minuti secondi, decimi di secondo e centesimi.

La partenza delle prove di abilità avviene da fermo in un'area appositamente delimitata.

E' obbligatorio porre in maniera ben visibile i cartelli di inizio e fine prova.

Sono vietate prove in linea di velocità lungo il percorso.

CLASSIFICHE E PUNTEGGI

Vengono redatte classifiche individuali di classe e di società.

Il conduttore che totalizza il minor tempo complessivo e minor penalità, viene dichiarato vincitore di classe, gli altri seguono in classifica in ordine crescente alle penalità acquisite.

In caso di parità di penalità, vale come discriminante il tempo rilevato nell'ultima prova di abilità.

Per le classifiche finali dei Trofei sono considerati tutti i risultati.

Le Commissioni competenti possono applicare uno scarto purché tutte le prove in calendario siano effettuate e tale disposizione sia inserita nel Regolamento.

La classifica a squadre, viene stilata automaticamente sommando i punti acquisiti dai migliori tre conduttori di società nelle rispettive classi. La classe 50 cc apporta punteggio alla squadra solo se in numero superiore a cinque; non apporta punteggio alla squadra la categoria ELITE TITOLATI.

Vince la squadra che totalizza il maggior punteggio.

In caso di parità, vale il piazzamento del quarto miglior conduttore, e così via.

Per la classifica finale a squadre dei trofei vengono considerati i punti acquisiti dai migliori tre conduttori di società in ogni prova. I punti vengono assegnati con il seguente criterio:

1° ----> 30 _2° ----> 25 _3° ----> 22 _4° ----> 20 _5° ----> 18 _6° ----> 16 _7° ----> 14 _8° ----> 13 _9° ----> 12 10° ----> 11 11° ----> 10 12° ---->- 9 13° ---->- 8 14° ---->- 7 15° ---->- 6 16° ---->- 5 17° ---->- 4 18° ---->- 3 19° ---->- 2 20° ---->- 1

CATEGORIE E CLASSI DI PARTECIPAZIONE

La partecipazione è prevista in tre Categorie distinte:

Le Classi sono così composte:

Fanno parte della categoria ELITE TITOLATI tutti i piloti che hanno ricevuto meriti sportivi in manifestazioni nazionali ed internazionali; l’inserimento in tale categoria e comunque stabilita ad insindacabile giudizio della Commissione Enduro UISP Nazionale.

La categoria ET (Elite Titolati) non ha diritto a premiazione.

Per la Classe 50 è prevista una durata massima non superiore a 2 giri e la partecipazione è riservata ai conduttori di età compresa tra i 14 e 16 anni di età.

I piloti che abbiano un'età compresa tra i 16 anni compiuti e i 20 finiti nell'anno in corso partecipano nella Classe 7/P-Cadetti Under 20, quando per esperienza e/o meriti sportivi, non siano già inseriti in altre classi e/o Categorie.

I piloti PROMO e SUPER che abbiano compiuto i 46 anni prima dell'anno in corso partecipano nelle rispettive Classi Veteran.

Per le sole manifestazioni territoriali è facoltà delle Commissioni Regionali costituire ulteriori classi e/o raggrupparne alcune.

ISCRIZIONI

La pre-iscrizione è obbligatoria e deve essere compilata personalmente sul modello apposito ed inviata entro le ore 20:00 del venerdì precedente come stabilito dai vari regolamenti di Trofeo.

Il conduttore che non abbia inviato la pre-iscrizione può partecipare con una penale di € 20,00 solo effettuando direttamente l'iscrizione presso la segreteria di gara secondo gli orari previsti dal Regolamento Particolare.

MOTOCICLI

Sono ammessi motocicli e ciclomotori in regola con il Codice della Strada equipaggiati con pneumatici omologati.

Non sono ammessi pneumatici recanti la dicitura NHS.

I motocicli in sede di O.P. vengono punzonati nelle parti non sostituibili:

I numeri devono essere obbligatoriamente NERI su sfondo BIANCO di altezza min 10 e max 14 centimetri.

I veicoli ammessi alla partenza, previo controllo di Certificato di Assicurazione in corso di validità e dei requisiti necessari, devono avere il sistema di scarico in assoluta efficienza.

In ogni caso la veridicità dei documenti del motociclo è responsabilità esclusiva del conduttore.

Dove possibile si esegue prova fonometrica, in mancanza di fonometro ed in caso di controversia, si richiederà la collaborazione degli organi di polizia locale.

Il conduttore può sostituire tutte le parti non punzonate del proprio motociclo.

Nei paddock, durante le operazioni di rifornimento e manutenzione, è obbligatorio l'utilizzo di un tappeto idoneo ad isolare l'ambiente sotto il motociclo.

PARCO CHIUSO

Il parco chiuso è un'area delimitata dove sostano i motocicli nell'attesa della partenza.

All'interno del parco chiuso è vietato qualsiasi intervento sul mezzo, toccare e/o spostare la propria moto o di altri conduttori compreso il rifornimento e la messa in moto. Si entra ed esce dal parco chiuso a motore spento. Al suo interno è severamente vietato fumare.

VERIFICHE TECNICHE

Il parco verifiche è la zona predisposta per le punzonature e tutte le altre verifiche da effettuare sui motoveicoli ed ai documenti dei partecipanti. In particolare verrà verificato:

In mancanza di qualche documento, la partecipazione è ammessa solo con regolare denuncia all'autorità di P.S. in corso di validità.

Non è ammessa la partecipazione con targa prova.

In caso di non superamento delle O.P. non viene restituita la quota di iscrizione.

PROVA FONOMETRICA

I controlli fonometrici possono essere eseguiti con il metodo tradizionale(13ml./sec.) o con il metodo 2metermax.

I limiti di rumorosità sono i seguenti: - Vm 13 ml./sec 94 dB/A tolleranza + 2 dB/A - 2METERMAX 112 dB/A

Per tutte le misurazioni effettuate al termine o durante la manifestazione viene applicata una tolleranza di 1 dB/A.

Le misurazioni devono essere effettuate in un sito lontano da ostacoli di qualsiasi genere in grado di riflettere il suono e dove il rumore di fondo deve essere inferiore al limite consentito di almeno 10 db/A.

In caso di pioggia non si effettuano prove fonometriche.

I valori delle misurazioni sono espressi in dB/A con valore intero senza decimi.

I silenziatori sono punzonati solo dopo l'esito favorevole del controllo e non è permessa la loro sostituzione, tranne il caso in cui ne sia stato punzonato un altro.

Il motociclo che supera i limiti fonometrici prescritti ha la possibilità di effettuare ulteriori prove purché nei tempi stabiliti per la sistemazione del mezzo in Parco Chiuso.

Il mancato superamento della prova fonometrica comporta l'esclusione.

METODO TRADIZIONALE- Il fonometro deve essere impostato per una rilevazione con ponderazione in frequenza di tipo A (misurazione in dB/A) e ponderazione temporale di tipo "SLOW".

Il controllo viene effettuato con il microfono del fonometro posto a 50 cm.dall'estremità del silenziatore, ad un angolo di 45°(+-10°) misurato dalla linea mediana della parte terminale e ad una altezza minima di 20 cm.dal suolo.

Il pilota deve mantenere il motore acceso con il cambio in folle e deve aumentare gradualmente il regime di rotazione sino a raggiungere il valore prescritto.

Il regime N si ricava dalla relazione: 30000 x Vm/C dove N è il numero dei giri, Vm è la velocità lineare media del pistone (ml./sec.) e C è la corsa (mm.). Ad esempio: 30000 x 13(Vm) = 390000 : 60(C) = 6500 giri METODO 2METERMAX

Il fonometro, se previsto, deve essere dotato di filtro antivento e impostato per una rilevazione con ponderazione in frequenza di tipo "A" e ponderazione temporale di tipo "FAST".

La gamma di lettura deve comprendere l'intervallo 80>130 dB e inoltre va attivato il dispositivo di ritenzione del valore massimo rilevato.

Il microfono del fonometro si posiziona su un cavalletto, in posizione orizzontale, dietro il motociclo ad una distanza di mt.2, con un angolo di 45° dalla linea mediana del sistema di scarico e ad una altezza di mt.1,35 da terra. La misurazione si effettua con il motociclo sulle sue ruote e con il motore caldo.

Il fonometrista si posiziona vicino alla ruota anteriore del motociclo e non più indietro del manubrio, poi ruota il comando del gas rapidamente fino a fondo corsa. Il regime massimo deve essere raggiunto per almeno 1 secondo per assicurarsi che si verifichi un fuorigiri udibile.

Se il risultato supera il limite a causa di una detonazione non controllata la misura viene ripetuta fino ad un massimo di tre volte.

Qualunque tentativo da parte di un concorrente per impedire che il motore raggiunga il massimo regime è considerato non regolamentare e causa l'esclusione dalla manifestazione.

Durante le misurazioni solo il fonometrista può agire sul comando dell'acceleratore.

PARTENZA E ARRIVO

L'ordine di partenza viene stabilito in base alla classifica o per sorteggio e l'avvicendamento delle classi è il seguente: 1/ET - 1/E -2/S-3/S-4/S-5/P-6/P-7/P-8/P-9/P-10/P.

La partenza viene data a motore spento con intervalli in minuti primi interi.

Al segnale di partenza il conduttore avvia il mezzo con il dispositivo di avviamento.

Qualora il mezzo non si avvii entro il minuto è ammessa la spinta, ma è prevista una penalità di 10 secondi.

Il conduttore che avvia il mezzo prima del segnale è penalizzato con 60 secondi, altresì previsti per ogni minuto di ritardo di presentazione alla partenza fino ad un massimo di trenta minuti primi, dopodichè viene escluso.

L'arrivo anticipato al C.O. finale non viene penalizzato.

All'arrivo il conduttore deve spegnere il motore, consegnare la tabella di marcia e raggiungere a spinta il parco chiuso o verifiche se previsto.

RECLAMI

Il tempo massimo per l'inoltro di reclami scade 30 minuti primi oltre il tempo teorico di arrivo dell'ultimo concorrente partito.

I reclami avverso le classifiche devono essere presentati entro 30 minuti primi dalla loro esposizione.

Ogni reclamo, deve avvenire in forma scritta ed essere accompagnato dalla somma di Euro 50.00, che verranno restituite solo in caso di accettazione; in caso contrario verranno incamerate dalla Commissione competente.

PENALIZZAZIONI

Ritardo alla partenza per ogni minuto primo (o frazione) = secondi 20.

Messa in moto prima della linea di partenza = minuti 1

Messa in moto prima del segnale di partenza = minuti 1

Messa in moto a spinta alla partenza = secondi 10

Anticipo o ritardo al C.O. per ogni minuto primo (o frazione) sul tempo prescritto = secondi 30.

Prove di abilità = Somma dei tempi netti (al centesimo di secondo) comunicati dai cronometristi.

Per l'ingresso ai Controlli Orario ed ai Controlli di Transito, in senso inverso a quello stabilito, è prevista la squalifica. Il superamento dei limiti consentiti nella prova fonometrica comporta la squalifica.

LICENZE E CATEGORIE

I conduttori sono divisi in tre categorie di merito: PROMO, SUPER, ELITE.

La licenza Promozionale è rilasciata a tutti coloro che non figurano negli appositi elenchi di conduttori Elite e Super stilati annualmente dalla Commissione.

Si entra in tali elenchi per meriti sportivi e per manifesta capacità di guida.

I conduttori in possesso di licenza Cross Agonisti sono iscritti nel gruppo Elite, mentre gli Esperti e gli Amatori saranno destinati caso per caso.

I conduttori con licenza Hobbycross partecipano nella categoria Promozionale.

I conduttori che richiedono per il primo anno la licenza, scelgono la Categoria, previo nulla osta del Nazionale.

Tuttavia la Commissione competente (su segnalazione o d'iniziativa) si riserva la facoltà di variare d'ufficio la Categoria in base ai risultati ottenuti.

Per stilare gli elenchi delle tre categorie verrà applicato il Ranking UISP, per il calcolo del ranking si rimanda a specifico regolamento.

E' facoltà della Commissione non tenere in considerazione prove eventualmente viziate per varie cause: scarsa partecipazione, condizioni meteo avverse, reclami in corso, ecc.

Ogni anno vengono passati nella Categoria superiore i vincitori delle classi(con almeno 10 classificati): 2S,3S,5P,6P,7P.

NORMA GENERALE

Per quanto non previsto nel presente regolamento, valgono per quanto applicabili le norme della commissione tecnica nazionale UISP Motociclismo e della UISP, e più in generale lo spirito di sportività e lealtà insito nell'etica regolarista.


Uisp - Unione Italiana Sport Per tutti – Struttura di Attività Motociclismo

00155 Roma (RM) – L.go Nino Franchellucci, 73 – Tel. 06/43984305 – Fax 06/43984320

motociclismo@uisp.it – www.uisp.it/motociclismo - C.F.: 97029170582