PROGETTO ARGO  -  FAQ (Frequently Asked Questions)

 

1. Il progetto prevede la possibilità di una comunicazione interattiva (sondaggi, app interattive, app informative, video, multimedia, etc...). ?

Certamente. Ed il più possibile: ARGO è un progetto fortemente basato sull'appoggio della comunità. Il team operativo direzionale è impegnato nel produrre molti contenuti di ampio respiro, compresa una piattaforma di scambio (argolands) per ogni possibile valorizzazione mediante interazioni, gamification, clan, eventi ludici e culturali, etc. Tutto dipenderà dalle risorse disponibili, ovvero dalla loro qualità e quantità.

Abbiamo in progetto case passive stampate in geopolimeri, protocolli di permacoltura, agricoltura centrifuga (l'utente riceve i frutti della propria terra), pozzi di rugiada, trappole per nebbie, giochi interattivi per il landing design, coliving in natura, protocolli di detox e wild-reborn per i pellegrini, e collaborazioni in cantiere con grandi testimonial della salvaguardia delle foreste e della natura selvaggia, oltre che entusiasti consensi da seri gruppi spirituali intenzionati a prendersi una pausa più o meno lunga dal rumore del mondo.

 

2. L’utenza verrà tenuta informata con articoli, corsi, formazione, ecc?

Si lo faremo, ed anche con argomenti collaterali (sviluppo sociale, agricoltura, benessere, ecc) con format in stile e-learning e con forum dove potersi scambiare domande e risposte e “fare” comunità. Queste campagne competono al nostro dipartimento diplomatico, cui riferisce la nostra immagine pubblica, e speriamo certamente di poter approcciare nel modo più efficace. Sono benvenuti tutti i suggerimenti a riguardo (scrivici a:  audit@argolands.com)

 

3. È possibile utilizzare la piattaforma per, parallelamente, tentare di apportare nuove soluzioni e strategie nell’aiutare l’attuale situazione planetaria?

Si, lo scopo è appunto quello: in ARGO oltre alle ultime tecnologie ICT utilizziamo degli strumenti legali, etici e molto pratici proprio per andare in una direzione migliore di quella che ci sta portando alla “deriva”. L'habitat ambientale ed umano sono le prime cose da salvaguardare e questa necessità non ha confini nazionali o frontiere: tocca tutti in prima persona.

  

4. Come mai il nome “Argo”?

Il cane Argo, nei libri mitologici di Omero, è un amico sincero che restò fedele all'eroe, confidando nel suo ritorno. Morì, ormai anziano, solo quando vide tornare il suo amico Ulisse.

Vogliamo che Argo torni in vita, con un nuovo destino roseo e avvincente!

Va poi detto che "argos" in greco significa “veloce” ed è anche la nave Argo, dove i mitici Argonauti veleggiano per recuperare il magico Vello d'Oro.

 

5. Perché la durata della tutela si limita a 99 anni?

Per una serie di motivi tecnici. Tra i quali il principale è la presenza di normative in alcuni Paesi che limitano questo tipo di attribuzione di Diritti Reali (Diritto di Superficie). È possibile orientare diversamente l'azione in itinere, considerando tale limite come "...per almeno 99 anni".

Inoltre, lo riteniamo un tempo sufficientemente lungo perché Argo possa ultimare la sua missione, ovvero innescare ed assistere una transizione verso modelli di antropizzazione che vedano l'uomo come amico e ospite della natura, e non come suo goffo padrone.

6. Allo scadere dei 99 anni decade anche il diritto di proprietà acquisito?

No. La Nuda Proprietà del cluster di terreno resterà inscindibilmente vincolata al singolo Argo cui è associata.

In altre parole, ciò che noi offriamo al pubblico è una CRIPTOVALUTA, non un pezzo di terreno da acquistare.

È importante che le persone non si facciano delle idee sbagliate in tal senso: l'utente accetta di acquistare questa criptovaluta eco-friendly perché è resa forte dal controvalore immobiliare, ma l'oggetto di acquisto da parte sua è la valuta digitale.

Gli smart-contract legalizzati che governano e certificano il processo, precisano che la fruizione legale del diritto di proprietà, da parte dell'utente - ovvero l'eventuale pratica di frazionamento catastale, validazione notarile e iscrizione nel Registro Immobiliare statale - è ammessa solo nel caso di accertabile e grave inadempienza da parte del Trust nei suoi compiti di salvaguardia, che consistono fondamentalmente nell'evitare qualunque intervento invasivo nelle Argolands.

Concludendo: l'utente è consapevole che tale garanzia rappresenta solamente un feature della valuta Argo, che ne rende quasi impossibile una caduta di valore, e che consente parallelamente di operare incisive azioni etiche di miglioramento del patrimonio naturale.

 

7. Esiste il rischio che, decorso il termine dei 99 anni di tutela, le zone acquistate dagli investitori diventino da loro sfruttabili senza controllo?

E’ uno dei rischi che abbiamo previsto e valutato per evitare che il progetto non diventasse mera speculazione: stiamo quindi facendo in modo che la speculazione, che è una forza vera e propria del nostro mondo, possa da noi essere sfruttata in positivo e per creare effetti costruttivi.

Il nostro dipartimento legale si occupa infatti di supportare nuove visioni giuridiche, che stanno tentando di introdurre negli Usi legali internazionali una nuova interpretazione del Diritto di Proprietà, che possa allargarsi anche a "entità giuridiche naturali".

La Nuova Zelanda è pioniera in tal senso, ottenendo pochi anni fa la "libertà" e preservazione ex tempore del fiume Whanganui, riconoscendogli personalità giuridica e relativi diritti di esistenza, come per una persona.

Quel fiume è diventato pressoché “intoccabile”, ed è quindi protetto per sempre. Nessuna diga o centralina idroelettrica o industria potrà più deturparne le acque.

Come potete immaginare, questo fatto è un evento epocale: ha creato un primo caso giuridico. Oggi si sta diffondendo in molte nazioni, che stanno finalmente adottando queste normative e queste visioni, sia attraverso emendamenti locali che nazionali.

Siamo quindi ottimisti e riteniamo possibile che, tra un secolo, l'umanità (e di conseguenza le sue istituzioni) avrà imparato a riconoscere tale diritto, consentendo al nostro Trust di riconsegnare gli Essent di terre alla piena libertà, in un mondo dove il rispetto della Natura sarà una priorità.

In ogni caso, nei contratti sono inserite clausole di protezione con lo scopo di prevenire rischi del genere, che ripetiamo, nel corso di un secolo, non dovrebbero presentarsi.

 

 

8. Cos'è il White-paper?

È un documento che tipicamente accompagna una ICO. Esso descrive nel dettaglio la mission di Argo, e costituisce il riferimento per le persone che vogliono agire assieme a noi, acquistando degli Argo e liberando terre selvagge dal rischio di schiavitù e distruzione.

La sua stesura è accuratamente ponderata, in quanto tale documento è parte integrante degli smart-contract, sopperendo al ruolo di "condizioni generali di fornitura del servizio".

Per tale motivo, non è modificabile, e resta sempre disponibile nella sua versione legalizzata (L) sul portale Argolands.

 

9.  In che modo l’acquistare il Token Gaian può diventare una fonte di guadagno?

L'aspetto speculativo si paragona alle altre criptovalute (bitcoin, ethereum, etc.) ma in questo caso si tratta di un investimento eccezionale ed interessante, grazie a dei motivi unici al mondo che uniscono etica e buona finanza.

Eccoli:

Anche in caso di adozione di pratiche agricole, la Natura rimane sempre e comunque la protagonista, quindi le attività umane saranno sempre a bassissimo impatto ambientale.

Mediante protocolli di agricoltura centrifuga, investire in Argo consentirà di ricevere i frutti della propria terra, lavorati e offerti alla community degli Argo Angels tramite un e-shop sul portale Argolands, e la possibilità di vivere viaggi, escursioni ed esperienze di turismo etico e sostenibile nelle Argolands, le terre liberate.

In ultimo, la straordinaria possibilità di prendere in custodia degli Essent (unità essenziale alla vita di una persona, circa 10 ha) e abitare nelle Argolands, sempre nel rispetto dei modelli di antropizzazione a bassissimo impatto ambientale definiti dal Trust di salvaguardia.

 


10.      Uno dei metodi più efficaci in termini di sicurezza per conservare le proprie valute digitali è di rimuoverle da internet e depositarle in un “hardware wallet” (speciali chiavette USB che memorizzano chiavi private e valuta digitale su un'unità fisica disconnessa da Internet).
Questo metodo può essere implementato nel progetto Argo?

Questo sarà a libera scelta dell’Utente.

Il backup legalizzato previsto dal sistema Blockstone è già sicuro: è quello ad avere legalmente “l'ultima parola” (cioè la conservazione legale), dunque il solo furto della chiave privata non basterebbe ad appropriarsi degli Argo. Come detto prima, il nostro sistema è estremamente innovativo e anche in questo ci reputiamo pionieri.

 

11. Il focus di questo progetto non è il generico acquisto di un pezzo di terra ma è il concetto di investimento in una criptomoneta che ha controvalore in una terra che non sarà più soggetta a sfruttamento. È corretto?

Si, è corretto: la piattaforma ripartisce il terreno da salvaguardare, di Proprietà previamente acquisita dal Trust Argo, in Acl (Argo-cluster 10x10 mt), assegnando e legalizzando un ID-code a ciascun Acl.

Gli smart-contract generati dal back-end della piattaforma Argolands.com all'atto di emettere il currency token (Argo), certificano tre operazioni consequenziali:

- Associazione irreversibile tra l'ID-code e il token.

- Associazione tra il token e l'Utente

- Trasferimento Nuda Proprietà dell'Acl da Trust Argo a Utente, ma trattenendo per sé il Diritto di Superficie.

Il contratto, stipulato attraverso le modalità dello smart-contract, include riferimenti vincolanti alle clausole di salvaguardia, e limitazioni nella possibilità di iscrizione legale del Diritto, ovvero della sua disponibilità.

Tali limitazioni rappresentano la garanzia per i nostri eco-investitori che il progetto conservi un’elevata autorevolezza, trasparenza e credibilità; ciò preserva sia il valore del loro patrimonio in Argo, sia gli obiettivi ecologici e filantropici prefissati.

Il controvalore in terreni, ovvero i certificati di proprietà consegnati ai titolari della valuta Argo, rappresentano una Garanzia a protezione dell'asset immateriale rappresentato dalla valuta digitale, e sono impugnabili dagli Utenti solo in caso di inadempimento da parte del Trust Argo nello svolgimento dei suoi compiti di salvaguardia, dettagliati nel White-Paper pubblico.

È un po' come se l'utente, a garanzia della valuta digitale ricevuta, ottenesse anche un’ipoteca su un pezzo di terreno, impugnabile nei tribunali in caso di inadempienza del Trust.

 

12. È possibile monetizzare (cioè convertire in valuta reale) l'investimento fatto in criptovaluta? Quali sono i parametri e le condizioni per poter fare questo?

Quando un ICO ha successo, generalmente la sua valuta acquista un valore di riferimento sul market divenendo transabile sugli exchange, dunque convertibile anche in valuta legale (attraverso gli exchange).

La nostra scelta tecnica finale potrebbe anche prevedere lo sviluppo di un exchange proprietario, dal quale gli Utenti stessi possano operare, senza affidarsi ad altre parti  terze al progetto (in pratica tutto rimarrebbe all’interno del progetto e della community). Lo abbiamo preventivato ma potremo decidere questa opzione solo in itinere e solamente dopo un relativo tempo di avvio e di efficace partecipazione pubblica. Ovviamente, ne faremo comunicazione trasparente e con largo anticipo.

 

13. A quando è prevista la partenza del progetto e su che piattaforme?

Il cronoprogramma a tappe (la “roadmap”) di ARGO prevede prima di tutto la raccolta delle somme necessarie a portare a termine la ICO.

Significa che, una volta consolidate le risorse economiche ed il team operativo, si prevedono tre mesi di sviluppo, seguiti dalla pre-ICO di test nei successivi tre mesi.

Non abbiamo partners specifici, ma a poche settimane dalla partenza noi argonauti siamo già ben numerosi, ed è possibile che si possa procedere mediante strumenti proprietari. La questione relativa alle piattaforme è dunque “aperta”. Se hai suggerimenti, scrivici a: audit@argolands.com

 

14. Una volta effettuato un investimento iniziale, oltre al monitoraggio dello stesso, come posso verificare dove si trova il terreno a cui corrisponde la valuta acquistata? La nuda proprietà è trasferibile automaticamente se facessi una donazione della mia valuta ad un'altra persona?

Si ad entrambe le domande. Il terreno è visibile all'Utente nella sua area riservata del portale Argolands dove, mediante mappa e interfaccia interattiva, potrà prendere contatto sensoriale con i vari luoghi correlati ai suoi Argo acquistati.

Abbiamo preventivato di aggiungere webcam e microfoni da birdwatching in grado di captare i suoni della natura, per un’esperienza diretta e avvolgente anche da remoto e per scopi di vigilanza.

Tra gli sviluppi sotto il profilo “gamification”, prevediamo di incentivare lo scambio di Argo tra gli Utenti adottando sistemi a puzzle (l'utente può mettere all'asta i propri Argo per altri utenti che desiderino completare un Essent a scopo agricolo o residenziale o velleitario, generando una Domanda e relativo plusvalore).

Sarà dunque certamente possibile compravendere, o cedere a titolo gratuito, i propri Argo, accompagnati ovviamente dai relativi diritti di Nuda Proprietà a garanzia.

 

 

15.  Ho avuto un po' di confusione iniziale per via dei molti Nomi: ARGO, ARGOLANDS, ESSENT, GAIAN, etc

ARGO project: Nome del Progetto

ARGOLANDS: L’insieme delle terre liberate dal progetto Argo, custodite per 99 anni. E’ anche il nome del portale-hub dove acquistare argo e partecipare alla community di Argonauti, Custodi e Argo Angels.

ESSENT: È l'unità esistenziale minima, che rispetta la misura della "decima" (max 1 persona ogni 10 ha), uno dei criteri di salvaguardia rigida adottati nelle Argolands.

GAIAN token: è il nome della criptomoneta garantita da controvalore in terre libere.

ACL: Argo-cluster: i fazzoletti di terra 10 x 10 mt correlati agli Argo tokens.

Argonauti: siamo noi partecipanti attivi, sostenitori e professionisti impegnati nel realizzare questo progetto. Per noi è prevista una “retribuzione d’onore” in valuta Argo.

Custodi: sono i capostipite delle Argolands; amanti della natura che vivranno, custodiranno e valorizzeranno le terre liberate, lontani dal denaro e dalla tecnologia.

Argo Angels: tutti coloro che crederanno nel progetto e, investendo il loro denaro in Argo, renderanno di fatto possibile che questa meravigliosa possibilità divenga realtà.

 

16. In quali modalità la terra viene tutelata dal trust Argo?

Ogni area da liberare potrebbe avere proprie peculiarità da considerare. In ogni caso, saranno applicate le linee guida del White-Paper, cioè il manifesto che descrive i vincoli e le limitazioni applicate allo scopo di ripristinare gli ecosistemi, reinserire le biodiversità e la wilderness, e valorizzare il terreno, anche con esperimenti di urbanizzazione dolce e non-invasiva.

 

17. Ogni possessore di 1 Argo è custode e proprietario di 100 mq di terreno? E cosa si intende per “custode”?

Non è esatto, perché il responsabile della salvaguardia di quel terreno liberato è il Trust Argo: è lui che appositamente trattiene per sé i diritti di superficie. Quindi i Custodi sono soggetti terzi selezionati e formati dal Trust stesso, che affida loro la custodia degli Essent (1 Essent = 1000 Argo) in cambio dell’ospitalità che la natura è in grado di offrire loro.

 

18. Ipotizzando quindi di aver acquistato 1 GAIAN, cosa potrei fare, o non fare, con gli univoci 100 mq di terreno corrispondenti, quale proprietario?

La domanda è inesatta. Acquistando la criptovaluta GAIAN si è proprietari della valuta, non del suo controvalore terreno.
Quindi in realtà nulla, perché
il cluster di terreno rappresenta un titolo di garanzia. Le condizioni d'acquisto prevedono infatti che il certificato digitale di Nuda Proprietà detenuto dagli investitori (Argo Angels) sia iscrivibile (nel registro immobiliare) solo in caso di inadempienza del Trust nei suoi compiti di salvaguardia con stretto riferimento al suo/suoi cluster (segui il nostro portale e i profili social: troverai molte informazioni e capirai meglio i meccanismi di questo sistema innovativo).

Resta però la possibilità di goderne, raccogliendo frutti, visitandolo o abitandolo.

Gli Argo Angels hanno la precedenza sull’assegnazione in custodia della terra da loro liberata, dunque potrebbero decidere di abitarvi come Custodi.

19. Quali sono le ripercussioni speculative del progetto ARGO nel mercato delle criptovalute?

Le criptovalute attualmente sono considerate una forma di investimento basato sulla rivalutazione ciclica da aumento della Domanda di acquisto. I suoi meccanismi sono abbastanza noti e hanno portato quasi un terzo del denaro del mondo sulla Blockchain (cioè il protocollo tecnologico e crittografico da cui sono nate).

Riteniamo che potenzialmente le criptovalute avrebbero davvero potuto migliorare l’economia globale, rendendola più etica, diretta e semplice. Purtroppo, hanno almeno due grandi criticità:

· sono anti-ecologiche

· sono un investimento ad alto rischio

Nel caso di ARGO quindi, la prima criticità (l’anti-ecologia) è risolta e capovolta al positivo: in ARGO abbiamo un reale, chiaro e potente obiettivo ecologico e miriamo proprio ad attrarre l'attenzione degli investitori etici.

Anche la seconda criticità (l’alto rischio di perdita finanziaria) è risolta grazie a:

· il sistema Blockstone (copia legale di riscontro e ripristino dei blocchi)

· il controvalore della criptovaluta è REALE: i terreni ("bene-rifugio" di valore, in perenne e costante aumento)

A questo si assoceranno meccanismi di gamification (giochi, videogiochi, eventi ludici ed interazioni) per coinvolgere gli Argo Angels nello sfruttare la possibilità di ottenere cibo sano dagli Essent e per incentivare lo scambio degli Acl (Argo-cluster) allo scopo di completare gli Essent.

Inoltre, chi investe ha la prelazione per l'affidamento in custodia: dunque chiunque può investire circa 30mila€ e, salvo problemi specifici, andare ad abitare un Essent delle Argolands!

 

 

20. Si è individuato un target minimo di interessati da raggiungere per dare sostegno e continuità al progetto?

Per la fase di start siamo ben attrezzati, sebbene vi siano ancora alcune skills mancanti tra gli Argonauti. Va poi considerato che la nostra modalità operativa si basa su microtask e su attività professionale volontaria. Dunque nessuno di noi è impegnato a tempo pieno sul progetto, e di conseguenza PIU’ SIAMO, PRIMA ARRIVIAMO!

Dopo la ICO, conseguito l'importo-target, sarà possibile introdurre alcune figure eventualmente ancora mancanti ed offrire agli Argonauti la loro retribuzione d’onore.

Il numero minimo iniziale di investitori etici da raggiungere è invece riconducibile all’estensione del terreno da liberare individuato. Se si trattasse ad esempio di un lotto di 100 ettari, ovvero 10 Essent, sarebbe necessario emettere 10.000 Argo, ciascuno ovviamente correlato ad un Acl (cluster di terreno 10x10 mt).

NOTA BENE: l'Essent è un’unità di misura coniata da Argo per identificare un’estensione di terreno intrinsecamente idonea al sostentamento olistico di un essere umano, pari a 10 ettari (per semplificare: è un quadrato di circa 350 mt di lato, come una dozzina di campi da calcio uniti).

21. Per quanto riguarda l'acquisto e la gestione di terreni non-italiani ed al fine di armonizzare le legislazioni straniere con gli scopi del progetto ARGO, pensate di creare delle società territoriali come ARGO Brasile - ARGO Argentina ecc.....?

Si, corretto. I dipartimenti locali si attiveranno insieme all'azione di acquisizione fondiaria, per garantire un domicilio legale alla proprietà immobiliare. I dipartimenti locali riferiscono comunque ad una direzione centralizzata nel Trust, che si occupa anche in via esclusiva dell'immagine pubblica di Argo e del motore sociale mediatico attivato, inclusi siti web e deepweb (le criptovalute talvolta sconfinano, e ci è richiesta una certa attenzione a riguardo).

Il Trust è una forma giuridica molto interessante per i nostri scopi, e può operare con molte autonomie, inclusa la creazione di ulteriori entità giuridiche. Se hai suggerimenti legali o normativi, scrivici a: audit@argolands.com

22. Un progetto come questo trova la sua base nelle coscienze di chi crede alla necessità di fare qualcosa per la nostra madre terra e di conseguenza per le future generazioni. Al fine di attirare “”investimenti solidali” per ampliare il progetto, si è pensato di considerare forme di "rendita etica" indiretta come, ad esempio, destinare gli eventuali frutti dei terreni sotto la tutela del Trust, ad associazioni di beneficenza o a famiglie con comprovate difficoltà?
Si, e sarà un passaggio quasi obbligato per perfezionare il meccanismo economico dell'agricoltura centrifuga.

Chi tiene in custodia il terreno, può infatti prestarsi quale "manutentore agricolo" per conto del proprietario (Argo Angel) degli Argo corrispondenti all'Essent da lui abitato. È un po' il suo benefattore, colui che ha offerto il proprio denaro per liberare dalla schiavitù quel pezzo di terreno selvaggio, affinché possa prosperare secondo Natura.

Il custode, come manutentore agricolo, cura la flora e la fauna presenti nell'Essent entro stretti protocolli di permacoltura definiti dal Trust con la supervisione consultiva dei distretti territoriali. I frutti possono essere venduti sull’e-shop di Argolands.com, riservati ai proprietari degli Argo corrispondenti, ridistribuiti tra i custodi in difficoltà, oppure offerti ai bisognosi nelle modalità prospettate.

In ogni caso, il ritorno per il custode non potrà essere in valuta legale ma potrà essere ripartito ed eventualmente pagato in Argo secondo un principio di mezzadria, che rappresenta un meccanismo di "riscatto" della terra custodita.

In ultimo, abbiamo un ulteriore meccanismo di investimento importantissimo: oltre che denaro, si possono investire anche terreni!

Coloro che detengono proprietà terriere inutilizzate, pascoli, boschi, coltivazioni incolte e abbandonate, se possiedono i requisiti naturalistici per essere ricompresi nelle Argolands, possono essere convertite immediatamente in Argo tokens, e poi essere scambiate con altre criptovalute mediante gli ordinari siti di exchange presenti sul web.

Ciò rappresenta un modo per monetizzare immediatamente proprietà improduttive, ma anche la possibilità di ottenere contestualmente la custodia del terreno, così da consentire a coloro che per esempio vogliano “invecchiare nel proprio uliveto di famiglia” di non dover lasciare la terra per indigenza: ad esempio nei nostri sopralluoghi in Grecia molto spesso abbiamo purtroppo incontrato problemi simili… Argo è una soluzione unica e magnifica per questo!

 

23. Trattandosi di un progetto filantropico a cui preme la salvaguardia del nostro habitat esistenziale - per quanto concerne la salvaguardia della natura e soprattutto degli alberi, questi ultimi verranno catalogati in qualche modo, età, specie, etc.?

Sì, certamente. Un dettagliato studio florofaunistico, dendrologico, idrogeologico e persino antropologico (molti terreni abbandonati comprendono preziosi resti archeologici da preservare) viene effettuato prima e dopo l'acquisto del terreno da parte del Trust, prima della suddivisione in Essent.

 

24. Sono già stati individuati gli Essent di interesse?

Sono state individuate proprietà idonee in Sud Sardegna, Basilicata, Puglia, Spagna, Grecia (Macedonia, Attica), Cile, Messico e Brasile. Lo start è previsto in Italia, probabilmente in Sardegna.

 

25. I terreni così acquisiti saranno recintati?

In taluni casi, qualora vi fossero rischi di bracconaggio o penetrazione illecita, sono previste recinzioni non-invasive con passaggi e aperture per la fauna, e cartellonistica dissuasiva adeguata a segnalarne la proprietà.

Il Trust prevede anche ricognizioni a campione mediante sistemi di captazione digitale e droni, oltre a perlustrazioni a piedi e cavallo.

 

26. Come riesce a generare reddito questa operazione?

Grazie all’acquisto massivo, Argo può modulare il valore immobiliare con beneficio reciproco. Il valore per mq è infatti inferiore acquistando un grande appezzamento, mentre tende ad aumentare quando considerato a piccoli lotti. Inoltre, nonostante appaia basso, il prezzo del token Gaian comprende una quota per accantonamento e reinvestimento, destinata a migliorare la qualità, dunque il valore, del terreno custodito.

Ciò consente di mantenere le attività benefiche del Trust, e stipendiare i collaboratori.    

Dunque la valuta è destinata ad aumentare il suo valore sia per i noti meccanismi di rivalutazione tipici del mondo delle criptovalute, sia per la rivalutazione fondiaria dei terreni custoditi, sia per la filiera di agricoltura centrifuga da attivarsi sugli Essent coltivabili.

27. I possibili abitanti, i custodi, sono gli investitori stessi?

Non necessariamente. Chi acquista Gaian (Argo Angels) ha una prelazione nell'affidamento, che diventa prioritaria quando giunge ad un Essent (1000 Gaian, circa 25.000 € investiti per abitare in 10 ettari! Proprio niente male, non trovi?).

Con che criterio vengono scelti? Posso divenirlo anche io?

Motivazione personale, capacità personali, esperienza, integrità... e prelazione verso gli Argo Angels. Si applicheranno graduatorie a punteggio; le procedure di affidamento partiranno dopo circa 12 mesi dal lancio.

Si, chiunque può diventare un Custode a abitare le Argolands. Uno degli scopi primari del progetto è realizzare nuovi modelli di antropizzazione naturale dolce.

28. I terreni situati nei posti più esotici si potranno avvalere della presenza di un referente ivi presente fisicamente?

Non necessariamente. Le prime iniziative saranno probabilmente in Italia, in pascoli e boschi oramai abbandonati e a rischio degrado o speculazioni.

Le prime operazioni saranno strettamente monitorate, allo scopo di affinare il protocollo operativo.

Sarà istituito un dipartimento territoriale in ogni Paese straniero oggetto di intervento da parte di Argo, allo scopo di rispettare le consuetudini legali e ottimizzare la vigilanza.

29. I circuiti d'acquisto accetteranno il token GAIAN?

Oltre a nostri progetti in cantiere, la valuta sarà scambiabile con altre criptovalute o valute a corso legale (€) mediante i normali siti di exchange.

30. Qual è l'incentivo lucrativo ad investire?

Le criptovalute sono già riconosciute come investimento, seppur ad alto rischio.

La criptovaluta Gaian è lo stesso, ma in più:

- è protetta da controvalore (come un tempo l'oro era il controvalore della valuta circolante);

- salva il pianeta preservando terre naturali per il nostro futuro.

- può garantire il proprio cibo, coltivando i terreni in modo naturale (agricoltura centrifuga).

- si rivaluta assieme alla terra collegata.

- è protetta da hacking (brevetto Blockstone).

31. Occorre che l’investitore in Gaian attenda 99 anni per valutare se mantenere la terra corrispondente al suo cryptocoin o se attribuire quest’ultimo ad una nuova terra, vendendo la precedente?

Non è necessario attendere. Scambiarsi i Gaian sarà una delle attività di gaming offerte agli Argo Angels. Anche i Custodi potranno spostarsi, dopo il periodo di integrazione.

Decorso questo lungo periodo, nel rispetto delle clausole anti-speculazione, e in mancanza di nuovi orientamenti giuridici a favore del riconoscimento di personalità giuridica agli enti naturali (fiumi, alberi, terreni, etc.), potrà essere deciso di rinnovare la tutela per un pari periodo, anche affidandola interamente ai Custodi.

32. Come mai la tecnologia è esonerata dalle Argolands? Quali problemi causa l’energia rinnovabile a disposizione di un computer o cellulare?

Non è un problema di fonti di energia. Diversi studi psico-sociologici hanno evidenziato ciò che tutti noi in realtà abbiamo sotto gli occhi: la tecnologia rende l'uomo pericoloso per sé e per gli altri. Fino al raggiungimento di ben diversa consapevolezza ambientale, tuttavia, la tecnologia sarà presente in specifiche aree, prossime ai confini delle Argolands, dove sorgeranno anche Lab e co-living per professionisti che amano lavorare nella natura (Gliv).

33. Nei 25.000€, valore economico di un Essent, è inclusa anche la costruzione di abitazioni?

L'oggetto di acquisto è solo la valuta digitale. Lo scopo del terreno è renderla forte e capace di supportare l'azione ecologica.

Non si offre un acquisto immobiliare, ma un investimento etico.

I terreni, divisi in Essent, vengono affidati in custodia gratuitamente ad esperti ecologisti.

È previsto di fornire ai custodi una struttura passiva da ultimare (Qeva).

34. Il futuro custode avrà diritto di parola su come spendere parte del capitale?

I custodi non percepiscono denaro, in quanto stanno provando a vivere senza.

In ogni caso non esiste alcun capitale da spendere, tranne quello costituito dai Gaian posseduti, dunque spendibili liberamente da parte degli Argo Angels.

35. Posso girare la presentazione ad un mio amico?

Certamente. Stiamo per ora operando solo con le risorse personali che ciascuno offre, dunque il passaparola aiuta molto. Gli addetti ai lavori contattati riconoscono con entusiasmo il valore dell'innovazione. Ad un mese dal tam tam mediatico, siamo già un folto gruppo di Argonauti impegnati. Riteniamo che sia possibile programmare il lancio già entro qualche mese.

Ora è quindi cruciale cavalcare l'onda. Adesso o mai più.

36. Che cosa rappresenta Legalizer per il progetto Argo?

Si tratta di un portale lanciato lo scorso anno, www.legalizer.it, che offre servizi digitali a prezzo etico. Ci garantisce la gestione del processo Blockstone di validazione legale dei blocchi della ledger. E’ l’ente promotore del progetto, ed il suo referente legale.

37. Che cos'è un trust no profit, di modello anglosassone?
Il trust è un istituto giuridico ideato nel mondo anglosassone, utile nei casi in cui qualcuno disponga di beni patrimoniali da far gestire in vista di uno specifico fine, attraverso il loro affidamento e gestione ad una società professionale (“trust company”).  Argo.base sarà la trust company, senza scopo di lucro, che si occuperà degli adempimenti enunciati nel White Paper: il manifesto degli scopi del Progetto Argo. Il White paper sarà pubblicato durante la fase ICO. Durante la fase precedente, la pre-ICO sarà disponibile una sua breve versione: lo Short paper.


38. I GLIV sono ecovillaggi autogestiti con spirito comunitario?
Nelle grandi città è in espansione attualmente il fenomeno del coworking: un servizio offerto ai sempre più numerosi professionisti freelance in risposta al bisogno di avere un ufficio; si tratta, in sostanza, di locali arredati e adibiti alla condivisione con altri professionisti di uno spazio di lavoro.
I GLIV sono la risposta 'green' che Argo propone alla sua comunità: lungo i confini delle Argolands, i vari professionisti possono provare la loro esperienza di co-working affacciandosi su terre e foreste protette, altamente caratterizzate da biodiversità florofaunistica.


39. Che cosa sono AglD e Blockstone, in parole ancora più semplici?
L'Agenzia per l'Italia Digitale (Agid) è l'Ente governativo che ha il compito di coordinare e favorire la trasformazione digitale del Paese. Essa stabilisce, tra le altre cose, i parametri per cui un documento sottoscritto con firma digitale ha nel nostro ordinamento piena efficacia giuridica.
Blockstone è il sistema che, rispettando nel trattamento documentale i parametri normativi stabiliti da AgID, gestirà gli smart-contract conservandone un riscontro digitale valido legalmente, cosa che attualmente le blockchain da sole non possono fare (motivo per cui non sono utilizzate per le compravendite immobiliari).


40. Che cosa significa : Distribuited Land Clustering?
Analogamente a come operano le Blockchain Distributed Ledgers, ovvero dei registri distribuiti a catena nella rete per ovviare il problema di perdita dell'informazione, la Distribuited Land Clustering sarà la ripartizione corrispondente delle terre ai loro smart-contract di acquisto. Blockstone offrirà quindi di associare il registro digitale 'a catena' con il proprio controvalore in terra, essendosi preso cura di conservare tutta la documentazione di tali transizioni a norma Agid.  Il clustering è dunque il frazionamento del fondo da macrolotto ad una pluralità di microlotti (cluster) di proprietà ripartita tra il pubblico (Argo-angels).


41. Che cosa sono i contratti di outsourcing?
In riferimento al progetto, si tratta di quelle spese dovute a servizi necessari al progetto e che non possono essere realizzate se non da esperti o professionisti chiamati ad hoc 'da fuori'. Tipicamente, anche il commercialista è un servizio in outsourcing, giacché le aziende normalmente non dispongono delle competenze specialistiche in questione.

42. Quali sono i punti deboli del progetto?
- l'imprevedibilità di norme e tendenze sociali
- le lobbies economiche ed i loro programmi a noi sconosciuti
- la manipolabilità del pubblico
- la capacità da parte nostra di fare ciò che va fatto quando va fatto con le risorse disponibili

43. Perchè istituire una moneta digitale?
La moneta ha lo scopo di consentire al pubblico di agire mediante microinvestimenti, per un azione collettiva di acquisto e salvaguardia. Diversamente non è attuabile.

44. E’ corretto asserire che una persona può, tramite questa moneta, "acquistare" i terreni da preservare? Terreni che comunque restano alla società Argo che vigila e garantisce per il progetto?
Si, i terreni vengono acquistati e gestiti legalmente dal Trust Argo-base. La nuda proprietà dei microlotti appartiene al pubblico titolare dei Gaian, in forza di atti unilaterali di cessione firmati dal Trust e legalizzati.