CampusLab 300pix - 1,2cm altezza.jpg

Sede operativa di Formazione Professionale

Organismo: certificato nr. 098/001 del 30/06/2003

 

Sede Operativa per i Servizi al Lavoro

Accreditamento nr 0067/F1 del 26/11/2014

logo-regione-piemonte.jpg

Accreditamento Regione Piemonte

 

Certificazione

UNI_EN_ISO_9001:2008 settore EA 37/80

Aenor.jpg

Qualità.jpg

ES-0988/2003

ISO 9001:2008

_____________________________________________________________________________________________

Attivazione di un Tirocinio

con il Piano Regionale Garanzia Giovani

(D.G.R. n. 74-5911 del 3/6/13 e D.G.R. n. 34 del 3/11/14)

Istruzioni ad uso delle Aziende

Scopo del documento.

Il presente documento ha l’obiettivo di raccordare la Normativa Regionale sui Tirocini, di cui alla D.G.R. n. 74-5911 del 3/6/13, con le opportunità offerte dal Piano Regionale "Garanzia Giovani", di cui alla D.G.R. n. 34-521 del 03/11/2014 in tema di Tirocini Extracurriculari.

Sommario

Caratteristiche del Tirocinio con Garanzia Giovani

Cos’è il Tirocinio.

Cos’è Garanzia Giovani.

Vantaggi ad attivare Tirocini con Garanzia Giovani.

Istruzioni operative per l’Azienda Ospitante

Procedura di attivazione

Documenti necessari in input dall’Azienda ospitante

Documenti necessari in input dal Tirocinante

Caratteristiche del tirocinante

Caratteristiche della azienda ospitante

Limiti numerici.

Limiti di attivazione.

Individuazione del tirocinante

Stipula della Convenzione

Trasmissione della COB

Definizione del Progetto Formativo.

Indennità di partecipazione

Tutoraggio

Conclusione del Tirocinio

Possibilità di attuare successivi tirocini

Modulistica:

        Autocertificazione Requisiti Azienda Ospitante

        Impegni dell’Azienda Ospitante e Accordi con CampusLab

Caratteristiche del Tirocinio con Garanzia Giovani

Cos’è il Tirocinio.

Il tirocinio è una misura formativa di politica attiva, finalizzata a creare un contatto diretto tra un soggetto ospitante e il tirocinante, allo scopo di favorirne l'arricchimento del bagaglio di conoscenze, l'acquisizione di competenze professionali e l'inserimento o il reinserimento lavorativo. Il tirocinio consiste in un periodo di orientamento al lavoro e di formazione in situazione che non si configura come un rapporto di lavoro.

In Piemonte i tirocini extra-curriculari sono normati dalla D.G.R. n. 74-5911 del 03/06/2013.

Cos’è Garanzia Giovani.

Il Piano Regionale "Garanzia Giovani", di cui alla D.G.R. n. 34-521 del 03/11/2014, promuove l’attivazione di Tirocini Extracurriculari attraverso specifici supporti procedurali e strumenti finanziari, attuati dalle Agenzie per i Servizi al Lavoro, accreditate presso la Regione Piemonte, all’interno di un programma di sperimentazione ancora in corso.

CampusLab opera in qualità di Agenzia per i Servizi al Lavoro accreditata dalla Regione Piemonte, Det.743 del 2/12/2014 Certificato n. 0067/F1 del 26/11/2014 e in qualità di Operatore di Garanzia Giovani (B00189F351006).

Vantaggi ad attivare Tirocini con Garanzia Giovani.

Il contributo regionale a copertura dell’indennità di tirocinio è riconosciuto unicamente per tirocini di 6 mesi a tempo pieno (40 ore settimanali).

Solo nel caso dei giovani svantaggiati (disabili, persone svantaggiate ai sensi della legge 381/91 compresi i condannati in condizione di detenzione o ammessi a misure alternative, persone particolarmente svantaggiate ai sensi della DGR 54/2008 e della DGR n. 91/2008, richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale), il contributo a copertura dell’indennità è riconosciuto per tirocini di 6 mesi a tempo pieno o tempo parziale (pari a 20 ore settimanali), e anche nel caso di proroghe per i successivi 6 mesi, per un periodo complessivo di 12 mesi di tirocinio. Anche in questo caso il contributo regionale è corrisposto unicamente per gli ultimi 3 mesi di tirocinio (quindi nel caso di attivazione di un tirocinio di 6 mesi la Regione finanzia gli ultimi 3 mesi. Se il tirocinio viene prorogato di altri 6 mesi, l’indennità per i primi 3 mesi di proroga sono a carico dell’azienda, gli ultimi 3 sono a carico della Regione).

Non è consentita la variazione del tempo di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, o viceversa nel caso dei soggetti svantaggiati, pena l’esclusione dal beneficio. Sono inoltre esclusi dal beneficio i tirocini per i giovani disoccupati che sono stati avviati a tempo parziale anche nel caso in cui successivamente diventino a tempo pieno.


Istruzioni operative per l’Azienda Ospitante


Procedura di attivazione

  1. Documenti necessari in input dall’Azienda ospitante

  1. Documenti necessari in input dal Tirocinante

  1. Caratteristiche del tirocinante 

  1. Caratteristiche della azienda ospitante

Limiti numerici.

  1. datori di lavoro senza dipendenti, ivi compresi gli imprenditori e i liberi professionisti, operanti in qualsiasi settore di attività ad eccezione del lavoro domestico, un tirocinante;
  2. le unità operative con non più di cinque dipendenti, un tirocinante;
  3. le unità operative con un numero di dipendenti compreso tra sei e venti, non più di due tirocinanti contemporaneamente;
  4. le unità operative con ventuno o più dipendenti, tirocinanti in misura non superiore al dieci per cento dei suddetti dipendenti contemporaneamente, con arrotondamento all’unità superiore.

Limiti di attivazione.  

  1. nelle imprese che abbiano in corso sospensioni di lavoratori con ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni ordinaria, straordinaria o in deroga, limitatamente alle aree organizzative (uffici, reparti) ed alle figure professionali interessate;
  2. nei confronti delle persone disabili ai sensi dell’art. 1 della L. 68/1999, qualora l’azienda abbia in corso sospensioni di lavoratori con ricorso alla Cassa Integrazione ordinaria, straordinaria o in deroga e tra i soggetti coinvolti siano presenti soggetti disabili con la stessa mansione;
  3. in sostituzione di lavoratori con contratti a termine nei periodi di picco delle attività;
  4. per sostituire il personale del soggetto ospitante nei periodi di malattia, maternità o ferie né per ricoprire ruoli necessari all’organizzazione dello stesso.
  1. disabili di cui alla legge n. 68/99;
  2. persone svantaggiate ai sensi della legge 381/91 compresi i condannati in condizione di detenzione o ammessi a misure alternative di detenzione, nei limiti stabiliti della vigente legislazione penitenziaria;
  3.  persone particolarmente svantaggiate ai sensi della DGR del Piemonte n. 54-8999 del 16 giugno 2008 e della DGR del Piemonte n. 91- 10410 del 22 dicembre 2008 ( donne soggette a tratta, rom, senza fissa dimora);
  4.  richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale.

  1. Individuazione del tirocinante

Il tirocinante può essere individuato (come già indicato tra i vantaggi sopra):

  1. la definizione del profilo ricercato;
  2. l’individuazione delle candidature più vicine ai requisiti richiesti
  3. l’accesso alla banca dati del Sistema Informativo Lavoro Piemonte;
  4. il supporto nella pubblicizzazione della posizione vacante;
  5. la verifica preventiva della effettiva disponibilità dei candidati;
  6. la raccolta e verifica di autocandidature;
  7. la presentazione all’azienda dei candidati preselezionati;
  8. l’attivazione del tirocinio per il giovane selezionato;
  9. il tutotoraggio del tirocinio.
  1. Stipula della Convenzione

La convenzione è un documento che disciplina i rapporti di collaborazione e reciproci impegni tra i due soggetti (promotore e ospitante) per l'attivazione di uno o più tirocini. I soggetti promotori e i soggetti ospitanti pubblici e privati devono stipulare una convenzione sulla base delle disposizioni e dei modelli regionali La convenzione deve essere sottoscritta da entrambe le parti, datata e registrata con protocollo del soggetto promotore prima di accedere alla successive fasi. Il soggetto promotore è tenuto a conservare la copia originale della convenzione.

  1. Trasmissione della COB

Dovrà essere effettuata a cura del soggetto ospitante (o di un suo delegato - es. il consulente paghe e contributi), utilizzando gli usuali canali amministrativi (GECO). Deve essere indicata la DATA DI EFFETTIVO AVVIO del tirocinio.

  1. Definizione del Progetto Formativo.

CampusLab, in qualità di soggetto promotore, provvederà sul portale www.sistemapiemonte.it, alla sezioni Lavoro o Formazione Professionale ad accedere all'applicativo Gestione Tirocinio per la redazione del Progetto Formativo, che include i seguenti elementi essenziali:

Il progetto formativo dovrà essere stampato, sottoscritto da soggetto promotore, ospitante e del tirocinante e conservato a cura del soggetto promotore. Qualsiasi modifica al tirocinio in corso (es. modifiche all’orario di lavoro del/della tirocinante, modifiche alle mansioni, modifiche alla sede operativa del tirocinio ecc..) dovranno essere comunicate alla Regione Piemonte mediante una nuova trasmissione del progetto formativo sul portale www.sistemapiemonte.it, al termine del quale sarà nuovamente necessario stampare e sottoscrivere la documentazione in triplice copia.

  1. Indennità di partecipazione

È prevista un'indennità di partecipazione minima mensile di € 300,00 lordi corrispondente all'impegno massimo di 20 ore settimanali. Tale importo aumenta proporzionalmente in relazione all'impegno del tirocinante fino a un massimo di 40 ore settimanali, in coerenza con gli obiettivi del progetto formativo, corrispondente a un'indennità di partecipazione minima mensile pari a € 600,00 lordi.

Garanzia Giovani finanzia parzialmente l’indennità del giovane per tirocini di 6 mesi full time erogando direttamente al tirocinante (tramite INPS e secondo quanto specificato all’interno del paragrafo “Vantaggi ad attivare Tirocini con Garanzia Giovani”) l’indennità di 600 euro per le ultime 3 mensilità.

  1. Tutoraggio

È previsto un tutoraggio da parte di CampusLab

  1. Conclusione del Tirocinio

Al termine del Tirocinio dovranno essere espletate le pratiche di chiusura e relative comunicazioni

  1. Possibilità di attuare successivi tirocini

Nel momento in cui un tirocinio è concluso, è prevista la possibilità per l’azienda di riattivare la procedura per ulteriori tirocini.  


Spett.Le CampusLab
Agenzia Formativa e Servizi al Lavoro

Via Lungo Piazza D’Armi, 6 - 10034 - Chivasso (TO)

Via Prof. Romualdo Bobba 26/bis - 13043 Cigliano (VC)

OGGETTO: Attivazione Tirocinio con Garanzia Giovani - Autocertificazione Requisiti Azienda Ospitante (rif. art. 4 e art. 6 della Deliberazione della Giunta Regionale 3 giugno 2013, n. 74-5911)

Io sottoscritto __________________________ in qualità di Legale Rappresentante dell’Azienda _____________________________________________ CF __________________________ e P.Iva __________________________ consapevole delle responsabilità e delle pene stabilite dall’art 76 del DPR 445/2000  per false attestazioni e mendaci dichiarazioni [2] dichiaro, sotto la mia personale responsabilità:

In fede,

Luogo e data ___________________________

Firma _________________________________


Spett.Le CampusLab
Agenzia Formativa e Servizi al Lavoro

Via Lungo Piazza D’Armi, 6 - 10034 - Chivasso (TO)

Via Prof. Romualdo Bobba 26/bis - 13043 Cigliano (VC)

OGGETTO: Attivazione Tirocinio con Garanzia Giovani - Impegni dell’Azienda Ospitante

Il Soggetto Ospitante ___________________________ rappresentato da _______________________________ si impegna a:

  1. sottoscrivere tutta la documentazione legata alla partenza del tirocinio entro e non oltre 5 giorni dal suo avvio (Convenzione e Progetto Formativo);
  2. comunicare le ore di lavoro del/della tirocinante alla Regione Piemonte entro e non oltre il 5 del mese successivo a quello lavorato (pena il non riconoscimento dell’indennità a favore del tirocinante da parte di Garanzia Giovani e conseguente ricaduta economica del totale indennizzo a carico del soggetto ospitante). La comunicazione delle ore avviene con il seguente meccanismo:
  1. a partire dal 4° mese  di tirocinio e fino a conclusione dello stesso;
  2. per i tirocinanti che rientrano nella categoria dei soggetti svantaggiati, in caso di proroghe, andranno anche registrate le ore di frequenza dei successivi 6 mesi a partire dal 1° giorno del 10° mese di tirocinio.

A CampusLab dovrà sempre essere inviata, a fine mese, una copia del registro presenze debitamente compilato e sottoscritto dal Tutor Aziendale e dal Tirocinante. Al termine del tirocinio a CampusLab dovrà essere consegnata copia originale del Registro Presenze;

  1. rispettare quanto previsto in materia di sorveglianza sanitaria ai sensi del decreto legislativo n. 81 del 09 aprile 2008, “Testo Unico in materia di tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro” e s.m.i. e a fornire, ai sensi dell’art. 37, all’avvio del tirocinio, sufficiente e adeguata formazione in materia; a tal proposito l’azienda Ospitante si impegna a trasmettere a CampusLab copia dell’attestato di frequenza al corso sulla Sicurezza entro 60 gg dall’avvio del Tirocinio;

  1. tenere indenne e sollevare CampusLab per qualunque conseguenza negativa, spesa, perdita, danno, passività o responsabilità, comprese le spese legali e di giudizio:

In fede,

Luogo e data ___________________________

Firma _________________________________

_______________________________________________________________________________________

CampusLab - Agenzia Formativa

Sede Legale - C.so Italia 25, 12084  - MONDOVÌ (CN)

Codice Fiscale e Partita Iva 02903200042  

Data costituzione 30-10-2002

Registrazione del 13-11-2002 n.1012SI – Acqui Terme      

Sito  www.campuslab.eu

mail  info@campuslab.org

Sede Provincia di  Torino

Via Lungo Piazza d’Armi 6, 10034  - CHIVASSO (TO)

Tel. 011 9103890

Fax 011 9103890

mail:  info.torino@campuslab.org

Accreditatamenti Regione Piemonte: certificato nr.0067/F1 per i Servizi al Lavoro e certificato nr. 098/001 per la Formazione Professionale. Certificazione UNI_EN_ISO_9001:2008 settore EA 37/80.

Sede Provincia di  Vercelli

Via Prof. Romualdo Bobba 26/bis, 13043 - CIGLIANO (VC)

Tel. 0161 1706407

Fax 0161 1702057

mail:  info.vercelli@campuslab.org  

Accreditatamenti Regione Piemonte: certificato nr.0067/F1 per i Servizi al Lavoro


[1] Per il conteggio dei dipendenti ai fini di determinare il limite numerico dei tirocini attivabili si deve tener conto del personale dipendente nella sede operativa  interessata. Ad esempio se l'unità operativa ha 100 dipendenti, si possono attivare fino a 10 tirocini. Si deve conteggiare tutto il personale contrattualizzato presso l'unità di cui trattasi, sia che lavori in sede sia che lavori fuori dalla sede. Il numero dei dipendenti viene calcolato in base all'impegno temporale, quindi un part-time al 50% equivale a 0.5 dipendenti. Ai fini del calcolo dei limiti numerici, non devono essere considerati i dipendenti assunti con contratti di apprendistato in quanto è un contratto di lavoro con una rilevante componente formativa.

[2] L'art.76 del DPR 445/2000 stabilisce che:

1) chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti dal presente testo unico è punito ai sensi del codice penale e delle leggi  speciali     in  materia

2) l'esibizione di un atto contenente dati non più rispondenti a verità equivale ad uso di atto falso

3) le dichiarazioni sostitutive rese ai sensi degli artt. 46 e 47 e le dichiarazioni rese per conto delle persone indicate nell'art.4, co.2, sono considerate come fatte  a   pubblico ufficiale.

4) se i reati indicati nei commi1, 2 e 3 sono commessi per ottenere la nomina ad un pubblico ufficio o l'autorizzazione all'esercizio di una professione o arte, il   giudice, nei casi più gravi,può applicare l'interdizione temporanea dai  pubblici uffici o dalla professione e arte.