"Capital

19 July 2013

Should you invest in smartphone stocks?

By Bryan Borzykowski

Investing,Money,Personal Finance.Risk,Technology

Smartphone use is accelerating (iStockphoto)

Allan Nichols, a telecommunications analyst, is quick to admit that he’s a dinosaur when it comes to mobile technology. He only recently purchased smartphones for his family. When he did, he also signed up for a more robust, and more expensive, data plan.

“Verizon was happy to see us upgrade,” said Nichols, senior international telecom analyst for Morningstar, the investment research firm. The more money he hands over each month, the better it is for the company’s bottom line.

There are millions of people around the world who are like Nichols — technological Luddites who are only now buying data-sucking smartphones.

Although they may seem ubiquitous, only 31% of people around the world are using smartphones, according to a January 2013 study released by eMarketer, a US-based data analytics firm that tracks digital-focussed industries. That’s up from 10% three years ago.

In a mere four years, 50% of the global population will be using smartphones, the firm predicted.

As more people embrace mobile technology, telecom sector revenues and profits are expected to rise, and with them returns for investors who hold shares in some of the world’s predominant telecom companies. However, growth prospects for these companies vary widely depending on the region’s laws, population and competitive landscape.

Since 10 March 2009, the S&P Global 1200 Telecommunication Services Index has climbed 50%, compared to the S&P Global 1200 Index, which has risen 114%.

That’s a sign that the sector has more room to grow, said Aditya Shivram, a portfolio manager with Fidelity Investments.

“No matter where you are in the world, the big-picture theme is smartphone, data and social networking over mobile devices,” Shivram said. “These all require huge data demand.”

Telecoms in general can be solid investments because people consider their mobile phones as a necessary expense, even during tough economic times. These companies are also considered cash cows because they collect recurring monthly payments, makingrevenue prediction less speculative.

The global telecom sector can be appealing for many types of investors.

Those who seek growth can find fast-growing operations in emerging markets, Europe has opportunities for those who seek undervalued companies and yield-seekers can find stable, dividend-paying companies in North America. What to buy depends on your time horizon and risk tolerance.

Examining Europe

European telecoms took a beating during the recession. Many Eurozone companies actually saw revenue growth fall by between 2% and 5% in 2012 over 2011, said Nichols. That trend is continuing. First-quarter revenues for Deutsche Telekom have dropped 4.5% year-on-year. Orange, Telecom Italia and KPN have seen similar revenue decreases.

In addition, several companies have slashed dividends, such as Spain’s Telefonica, which has seen its stock price plummet 53% over the last five years.

The competitive and regulatory environment is poor, said Shivram. Multiple telecoms vie for consumer dollars and regulators have historically frowned upon mergers in the sector.

While these developments may read as cautionary tales, some experts say it can’t get much worse. European telecom valuations are among the lowest out of any region. Many companies are trading on enterprise-value-to-EBITDA ratio — the valuation metric most analysts prefer using for this sector — of 4.5 times. The number has historically been between 6 and 7 times EV/EBITDA.

EBITDA, a measure of a company’s financial performance, stands for earnings before interest, taxes, depreciation and amortisation.

The sector is on the upswing, said Nichols. Investors just need to take a long-term approach. Europe’s economy will improve and people will start spending again. “We will see growth,” he said, likely in a couple of years.

Tina Sadler, a portfolio manager with Templeton Global Equity Group, said that regulators are expected to ease restrictions at some point. “The sector is crying out for consolidation,” she said. “That would really help things.”

Emerging markets play

In general, revenues and earnings for emerging-market telecoms are growing at a double-digit rate, much faster than the mid-single-digit growth for companies in developed nations.

There are two main reasons for the speedier growth. Many companies in markets such as Thailand and Indonesia have less-developed landline businesses than operations in developed countries do. That means that if people want to talk on the phone, they have to buy a mobile device and that means more revenues for these telecoms.  

Also, Chinese smartphone manufacturers, such as Lenovo and Xiaomi, have developed cheap phones that sell for about 1,000 renminbi (US$160), said Christine Tan, a portfolio manager with Excel Funds Management. Now many more people can afford a smartphone. She points out that Chinese-made mobile devices account for 30% of global smartphone and tablet production.

However, investing in emerging-market telecoms is not all upside. Tan specifically cautioned investors to avoid  India, where there’s a lot of competition. While the country’s smartphone use is increasing, brutal price wars have depressed revenues.

The best investments are ones in “rational” markets, said Tan, such as Thailand, Morocco, Indonesia and Nigeria. These are places where there are only two or three main players and where data revenues are low, but growing.

China, for example — it is still considered an emerging market in the telecom sector — has a higher smartphone penetration than many other emerging markets, with nearly half the country using one, according to Goldman Sachs. The investment firm said it should catch up to US levels by 2015.

Nichols pointed out that valuations can vary wildly. There are companies trading at three times EV/EBITDA, while others trade at around seven times, if not higher.

Tan looks for businesses trading at more “reasonable” multiples of about five times.  

Navigating North America

Canada and the US have the most stable markets. Revenues are only expanding in the mid-single digits, but they are growing. According to eMarketer, smartphone penetration in both countries is between 51% and 55%, and is expected to hit nearly 80% in four years.

Indeed, penetration will eventually reach 100% or even more if people start owning more than one smartphone, according to eMarketer.

Most companies also pay attractive dividends that are, unlike in Europe, not at risk of a cut, says Shivram. AT&T, for example, has a 5% yield, while Canada’s Rogers Communication pays 4.2%.

“[North America) telcos are more of a bond proxy,” said Tan. “They have low growth, good free cash flow and they reward shareholders with bond buy backs and dividends.”

US and Canadian telecoms trade for higher multiples than those in other countries, which makes them somewhat less attractive, financial experts said. Companies have historically traded for around six to seven times EV/EBITDA and, said Nichols, they’re trading at the higher end of that range today.

That’s partly due to the reliable earnings — investors have snapped up the stocks since they know what they’re getting. At the same time, income-seeking investors have jumped into these stocks purely for the dividends.

What’s the best buy?

Every region has opportunities, but investors should first be clear about what they seek.

If you’re looking for undervalued operations and can be patient, then Europe has the best buys of any region, said Nichols. More risk-averse income investors, though, may want to own the large North American businesses.

For growth-oriented buyers, attractively valued emerging-market telecoms are a good bet, though Tan notes the long time horizon  required here.

No matter the region, consensus suggests that it’s hard to go wrong with a telecom in your portfolio. “There are good companies all over the place,” said Nichols.

QUOTES

Telecoms in general can be solid investments because people consider their mobile phones a necessary expense.

LEGGI CUA DIRETTAMENTE LA NOTA:

http://www.bbc.com/capital/story/20130719-should-you-invest-in-smartphones

-----------------------------------------------------------------------

ITALIANO

19 Luglio 2013

Desideraresti investire in azioni di smartphone?

By Bryan Borzykowski

Investire

Soldi

Personal Finance

Rischio

Tecnologia

L’uso di Smartphone si sta  accelerando (iStockphoto)

Allan Nichols, un analista di telecomunicazioni, fa in fretta ad ammettere che lui è un dinosauro quando si tratta di tecnologia mobile. Solo di recente ha acquistato uno smartphone per la sua famiglia. Quando lo ha fatto, ha anche firmato per un piano dati più robusto e più costoso

."Verizon è stato felice di vederci aggiorniandoci", ha detto Nichols, anziano  analista internazionale di telecoms per Morningstar,società di ricerca di investimenti. Più soldi in mano ogni mese, meglio è per la linea di fondo della società.

Ci sono milioni di persone in tutto il mondo che sono come Nichol, luddisti tecnologici che solo ora stanno acquistando dei data-suking smartphone.

Anche se possono sembrare onnipresente, solo il 31% delle persone in tutto il mondo utilizzano gli smartphone, secondo uno studio di gennaio 2013 pubblicato da eMarketer, una societa analista di dati statunitense che tiene traccia delle industrie digitali-mirate. Questo è contro il 10% di tre anni fa.

In soli quattro anni, il 50% della popolazione mondiale userà gli smartphone, l'azienda ha predetto.

Mentre sempre più persone abbracciano la tecnologia mobile, i ricavi del settore delle telecomunicazioni e gli utili sono destinati ad aumentare, e con loro i ritorni per gli investitori che detengono quote in alcune società di telecomunicazioni dominanti del mondo. Tuttavia, le prospettive di crescita per queste società variano ampiamente a seconda delle leggi della regione,la popolazione e lo scenario competitivo.

Dal 10 marzo 2009 il S&P Global 1200 Telecommunication Services Index è salito del 50%, rispetto al S&P Global 1200 Index, che ha aumentato del 114%.

Questo è un segno che il settore ha più spazio per crescere, ha detto Aditya Shivram, un gestore di portafoglio di Fidelity Investments.

"Non importa dove ti trovi nel mondo, il tema dipinto in grande è smartphone,il data e social networking su dispositivi mobili", ha detto Shivram. "Questi tutti richiedono una grande richiesta di dati."

Le Telecomunicazioni in generale, possono essere solidi investimenti perché le persone considerano il cellulare come una spesa necessaria, anche in tempi di crisi economica. Queste aziende sono anche considerati vacche da mungere, perché raccolgono ricorrenti pagamenti mensili, le previsioni di rendiconto delle entrate meno speculative.

Il settore globale delle telecomunicazioni può essere attraente per molti tipi di investitori.

Coloro che cercano crescere possono trovare operazioni in rapida rimonta nei mercati emergenti, l'Europa ha opportunità per coloro che cercano compagnie sottovalutate e persone in cerca di rendimento possono trovare aziende che pagano dividendi stabili nel Nord America.. Cosa comprare dipende dal tuo orizzonte temporale e propensione al rischio.

Esaminando l'Europa

Le telecomunicazioni Europee hanno preso una battosta durante la recessione. Molte aziende dell'Eurozona in realtà hanno visto la crescita del fatturato cadere tra il 2% e il 5% nel 2012 rispetto al 2011, ha detto Nichols. Questa tendenza sta continuando. I ricavi del primo trimestre di Deutsche Telekom sono scesi del 4,5% anno su anno. Arancione, Telecom Italia e KPN hanno visto simili diminuzioni di entrate.

Inoltre, diverse aziende hanno tagliato i dividendi, come la spagnola Telefonica, che ha visto il suo prezzo delle azioni precipitare del 53% negli ultimi cinque anni.

Il contesto competitivo e normativo è povero, ha detto Shivram. Multipe  telecoms contendono per i dollari dei consumatori e i regolatori hanno  storicamente mal visto le fusioni nel settore.

Mentre questi sviluppi potrebbero leggersi come conti cautelose alcuni esperti dicono che non si può andare peggio di cosi. Le valutazioni delle azione europei delle telecomunicazioni sono tra i più bassi di tutta la regione. Molte aziende stanno negoziando un rapporto di valore EBITDA per le imprese ,la metrica di valutazione che preferiscono utilizzare la maggior parte degli analisti per questo settore ,di 4,5 volte. Il numero è stato storicamente tra 6 e 7 volte EV / EBITDA.

L'EBITDA, una misura della capacità finanziaria di una società, si intende come il risultato prima degli interessi, imposte e ammortamenti.

Il settore è in crescita, ha detto Nichols. Gli investitori solo hanno bisogno di adottare un approcio a lungo termine. L'economia europea migliorerà e la gente ricominciera a spendere. "Vedremo la crescita", ha detto, probabilmente in un paio di anni.

Tina Sadler, un gestore di portafoglio del Templeton Global Equity Group, ha detto che i regolatori aspettano ci sara una reduzione delle restrizioni a un certo punto. "Il settore ha disperatamente bisogno di consolidamento", ha detto. "Questo potrebbe realmente aiutare le cose."

I mercati emergenti giocano

In generale, i ricavi e gli utili per i mercati emergenti delle telecomunicazioni stanno crescendo ad un tasso a due cifre, molto più veloce rispetto alla crescita media a una cifra per le aziende nelle nazioni sviluppate.

Ci sono due ragioni principali per la crescita più rapida. Molte aziende in mercati come la Thailandia e l'Indonesia hanno sviluppato meno imprese su rete fissa che l’opertiva fatta nei paesi sviluppati. Ciò significa che se la gente vuole parlare al telefono devono acquistare un dispositivo mobile il che significa più entrate per questi telecomunicazioni.

Inoltre, i produttori di smartphone cinesi, come Lenovo e Xiaomi, hanno sviluppato i telefoni a buon mercato che vendono per circa 1.000 renminbi (US $ 160), ha dichiarato Christine Tan, un gestore di portafoglio della Funds Management Excel. Ora molte più persone possono permettersi uno smartphone. Sottolinea che il monto di fabbricazione cinese di dispositivi mobili e’ il 30% della produzione di  smartphone e tblets a livello mondiale.

Tuttavia, investire in mercati emergenti delle telecomunicazioni non è tutto sottosopra. Tan specificamente ha ammonito gli investitori a evitare l'India, dove c'è un sacco di concorrenza. Mentre l'uso dello smartphone del paese è in aumento, le guerre dei prezzi brutali hanno redditi depressi.

I migliori investimenti sono quelli nei mercati "razionali", ha detto Tan, come la Thailandia, il Marocco, l'Indonesia e la Nigeria. Questi sono luoghi dove ci sono solo due o tre attori principali e dove i ricavi di dati sono bassi, ma in crescita.

La Cina, per esempio ,è ancora considerato un mercato emergente nel settore delle telecomunicazioni, ha una penetrazione di smartphone superiore a molti altri mercati emergenti, con quasi la metà del paese utilizzando uno, secondo Goldman Sachs. L'impresa di investimento ha detto che dovrebbe raggiungere i livelli degli Stati Uniti entro il 2015.

Nichols ha sottolineato che le valutazioni possono variare selvaggiamente. Ci sono aziende di negoziazione a tre volte EV / EBITDA, mentre per altri gli scambi sono circa sette volte, se non superiore.

Tan  cerca aziende con affari su  multipli più "ragionevoli",di circa cinque volte.

Navigazione Nord America

Canada e Stati Uniti hanno i mercati più stabili. I ricavi sono in espansione soltanto in una media di un digito, ma stanno crescendo. Secondo eMarketer la  penetrazione di smartphone in entrambi i paesi è tra il 51% e il 55%, e si prevede di colpire quasi il 80% in quattro anni.

Infatti, la penetrazione raggiungera alla fine il 100% o anche di più se la gente comincia a possedere più di uno smartphone, secondo eMarketer.

La maggior parte delle aziende anche pagano dividendi interessanti che non sono, a differenza dell'Europa,a rischio di un taglio, dice Shivram. AT & T, per esempio, ha un rendimento di  5%, mentre il Canada Rogers Communication paga 4,2%.

"In America del Nord le compagnie  di telecoms sono più dei possiedenti  di boni", ha detto Tan. "Loro hanno una bassa crescita, buon flusso di cassa libero e premiano gli azionisti con riacquisti obbligazionari e dividendi.

Le telecoms Statiunitense e canadiese si commerciano per multipli più elevati rispetto a quelli di altri paesi, che li rende un po' meno attraente,dicono esperti finanziari. Le compagnie hanno storicamente scambiato per circa sei-sette volte EV / EBITDA e, ha detto Nichols, stanno negoziaziando nell’estremo superiore  di quella gamma oggi.

Questo è in parte dovuto ai guadagni affidabili,gli investitori hanno a ruba le scorte poiché sanno quello che stanno ottenendo. Allo stesso tempo, gli investitori in cerca di reddito hanno aumentato  in queste stocks esclusivamente per i dividendi.

Qual è il miglior acquisto?

Ogni regione ha le sue opportunità, ma gli investitori dovrebbero prima essere chiari su ciò che cercano.

Se siete alla ricerca di operazioni sottovalutate e puòi essere paziente, allora l'Europa ha i migliori acquisti di qualsiasi regione, ha detto Nichols. Altri investitori di reddito avversi al rischio, però, potrebbero voler possedere le grandi aziende del Nord America.

Per gli acquirenti orientate alla crescita, valutazioni interessanti nei mercati emergenti delle telecoms sono una buona scommessa, anche se le note Tan di lungo orizzonte temporale sono necessarie  qui.

Non importa la regione, il consenso suggerisce che è difficile andare male con una telecom nel vostro portafoglio. "Ci sono buone compagnie in tutti i posti", ha detto Nichols.

CITAZIONE:Le telecomunicazioni in generale possono essere solidi investimenti perche la gente considera i suoi telefoni mobili necessarie